BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Centro sportivo Gorle Consiglio di Stato sentenzia: “Sgombero fu legittimo”

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso cautelare presentato dalla Coop ISB che gestiva il centro di aggregazione di Gorle riconoscendo la legittimità dell’ordinanza del Comune di Gorle che aveva disposto lo sgombero della pizzeria dei campi sportivi.

Più informazioni su

Ennesima, ed ultima, puntata della querelle tra il sindaco di Gorle Giovanni Testa e la Cooperativa ISB di Giovanni Vico: il Consiglio di Stato, con ordinanza emessa il 5 maggio, ha respinto il ricorso cautelare della Coop, riconoscendo la legittimità dell’ordinanza del primo cittadino che aveva disposto lo sgombero della pizzeria dei campi sportivi.

La vicenda nasce nel 2013 quando la Cooperativa Sociale ISB di Torre Boldone ricevette dall’allora sindaco Marco Filisetti la concessione gratuita del locale di proprietà comunale, destinando tale spazio alla funzione di centro di aggregazione giovanile e pizzeria.

L’amministrazione Testa, insediatasi nel maggio dello scorso anno, ha però messo in discussione il servizio svolto dalla cooperativa, imputandole il fatto di non svolgere alcuna attività che avesse fini simili ad un centro di aggregazione giovanile.

Preso atto di quello che il Comune considerava un grave adempimento, la Giunta Comunale, con delibera 282 del 12 dicembre 2014, ha risolto la convenzione con la ISB per “Grave inadempimento”. Una decisione che la cooperativa ha impugnato davanti al Tar di Brescia, insieme alla successiva ordinanza di sgombero datata 21 gennaio 2015: un ricorso però respinto, con il Tribunale Amministrativo Regionale che ha dato ragione al Comune di Gorle, riconoscendo la legittimità dei suoi provvedimenti ed evidenziando come non ci fossero attività di aggregazione giovanile.

Storia finita? Non ancora. La Cooperativa ISB, convinta delle proprie ragioni, ha continuato la battaglia presentando ricorso anche al Consiglio di Stato che, pochi giorni fa, ha però dato definitivamente ragione al Comune.

“Il recupero di tale immobile – commenta l’Amministrazione Comunale – consentirà, tramite regolare bando, di attivare il servizio di centro di aggregazione giovanile presso la medesima struttura, come previsto nel 2013 e mai realizzato dalla cooperativa ISB. E’ nostra intenzione ridare quanto prima un adeguato spazio di aggregazione ai nostri giovani, restituendo finalmente l’uso della struttura pubblica ubicata presso i campi sportivi alla sua funzione, consentendo in tal modo, peraltro, anche la conservazione di posti di lavoro. Rimane l’amarezza per una vicenda brutta per la nostra Comunità, che si è vista privata per anni di una struttura destinata ai propri giovani, e che per recuperare l’utilizzo della stessa si è vista costretta a sborsare soldi pubblici a causa dell’ennesimo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gorolis

    Caspita, che nervosismo…tutto perché la VERITA’ brucia !?!

  2. Scritto da Lorella

    Prima c’era un centro funzionante,senza alcuna spesa per i cittadini,grazie agli investimenti della cooperativa,inoltre dava lavoro a 4 persone bisognose,ora non c’e più niente ed in più 4 disoccupati.Complimenti!!!

    1. Scritto da Liso

      Evidentemente se TAR e Consiglio di Stato si sono espresse in questo modo ci dev’essere stato qualcosa di anomalo, no?

      Tra l’altro sicuramente uno dei 4 dipendenti so che è già stato assunto da un altra pizzeria che si trova sempre a Gorle e non è più disoccupata

  3. Scritto da Giovanni

    Voglio proprio vedere che bando partoriranno e quanto costerà alla comunità perché nessuno é in grado di guadagnare qualcosa dalla gestione di un “Centro di aggregazione giovanile” come é stato prospettato.

  4. Scritto da Kim Esco

    Gorle regno della Parentopoli!!!

  5. Scritto da Parentopoli

    Non vedo molte differenze rispetto al precedente sindaco… a chi affiderà la gestione il Sindaco Testa? al parenti/clienti Valtellina come ha fatto oscenamente per la colonnina? e i cittadini di Gorle pagano…

    1. Scritto da gorolis

      La colonnina e’ stata regalata al comune dalla Valtellina spa e non è costata 1 euro…mentre il parente dell’ex sindaco aveva gratuitamente un immobile comunale dove ci aveva fatto dentro la sua pizzeria.

    2. Scritto da Come a roma

      Non pensavo che a gorle potesse succedere in piccolo quello che da sempre accade a roma
      ma chi lo vota più questo

      1. Scritto da ricc

        il “cognato dell’ex sindaco” ha garantito più di 30mila euro di investimento per ammodernare il locale, oltre che ad una quantità innumerevole di lavoro per rendere la pizzeria funzionale ai giovani e non, senza mai intascare 1 euro per se stesso. Io porterei rispetto, invece di sparare a caso. VERGOGNA!

        1. Scritto da gorolis

          Senza intascare 1 euro ??? E lei come fa a saperlo? Forse è un suo socio?? Ma suvvia, non crede nessuno alla favola del missionario che lavora gratis… Li ci ha fatto la sua pizzeria e stava in un locale del comune senza pagare 1 euro di affitto !!!
          Poi se non sbaglio e’ la stessa COOPERATIVA che era incaricata delle pulizie di tutti gli edifici pubblici … Tutto gratis, … naturalmente !!! Ahah

          1. Scritto da Verico

            Ma Lei è stipendiato dall’amministrazione per dire le mezze verità? La colonnina sarà anche gratis ma chi la paga l’elettricità? I cittadini di Gorle. perché non c’è stato regolare bando per la colonnina? Inutile fare i buoni samaritani in periodo elettorale e poi fare lo stesso o peggio!

          2. Scritto da ricc

            Sei proprio male informato, meriteresti una querela