BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Profughi a Roncobello, il vicesindaco: “Siamo figli della cultura dell’accoglienza”

Antonio Gervasoni, vicesindaco di Roncobello, scrive una lettera in merito all'accoglienza dei profughi che tante polemiche ha scatenato nei giorni scorsi.

Antonio Gervasoni, vicesindaco di Roncobello, scrive una lettera in merito all’accoglienza dei profughi che tante polemiche ha scatenato nei giorni scorsi.

La piccola comunità di Roncobello in provincia di Bergamo, 440 abitanti a 1000 sul livello del mare collocata fra le zone più suggestive dell’Alta Valle Brembana al centro del Parco delle Orobie Bergamasche, è salita alle cronache dei giornali e della televisione nazionale, mai come negli ultimi giorni di aprile, dopo che il Prefetto ha comunicato al sindaco l’arrivo di quaranta profughi per far fronte all’emergenza immigrazione. Per noi, questa è stata una notizia che non ti immagineresti mai, specie quando si vive in piccole comunità con ritmi e stili di vita diversi dalla frenetica vita cittadina. Le cose sono partite subito in salita, quando in paese si e’ saputo dai giornali che i profughi sarebbero arrivati li a pochi giorni, si è creato un clima ostile; infatti nella notte tra il 17 e 19 aprile qualcuno si e’ introdotto nella struttura che era preposta all’accoglienza andando a rompere alcuni servizi igienici. Il gesto non ha aiutato a costruire un clima sereno e collaborativo. Poi la solita forza politica, in gran parte esterna al paese, ha demagogicamente trovato l’appiglio per cavalcare le solite paure su cui ha fondato il proprio successo elettorale, la sicurezza, le malattie, i costi, arringando la gente alla chiusura e alla non accoglienza.

Proprio su questo concetto di chiusura si e’ costituito il comitato “non accoglienza”, che già per il solo nome risveglia terribili presagi stile anni trenta. Io attualmente sono assessore a Roncobello, ho ricoperto il ruolo di sindaco per dieci anni e sono coordinatore di zona del Partito Democratico Valle Brembana e, senza presunzione, penso di conoscere abbastanza bene la mia gente e il mio territorio. Per prima cosa vorrei ricordare che Roncobello ha una lunghissima tradizione di emigrazione, dai nostri genitori abbiamo sentito spesso racconti di viaggi della speranza in Francia, in Svizzera o più semplicemente a Milano e, credo, che nel nostro profondo abbiano lasciato un senso di “nomadismo” per cercare migliori occasioni di vita.

Poi, non è un caso, che la sala consigliare del comune sia dedicata al Podestà Milesi Isacco, perché durante la seconda guerra mondiale ospitò nella propria casa, una famiglia di ebrei salvandoli dai campi di sterminio nazista, e il suo nome è scritto nel Giardino dei giusti di Gerusalemme. Noi siamo figli del quella cultura. Sono quindici anni che il 2 giugno organizziamo “La festa della Comunità di Roncobello” con residenti e villeggianti, oriundi e abitanti dei paesi vicini, perché Roncobello è una comunità aperta verso tutti.

Sul nostro territorio ci sono 13 associazioni, espressioni del mondo culturale, sportivo, turistico e sociale; questo significa che la comunità è forte, propositiva, attiva e non teme le minacce di chi indica ogni problema nei profughi (ospitati nella casa vacanza della fondazione Portaluppi di Treviglio attraverso la Cooperativa Ruah)  che trascorreranno parte del loro lungo viaggio verso la liberà, a Roncobello. Per anni, io e i sindaci che mi hanno preceduto abbiamo chiesto allo Stato e alla Regione Lombardia, finanziamenti per migliorare i servizi alle persone, per costruire strade, abbellire le piazze, realizzare strutture e infrastrutture; ora è giunto il momento che sia lo Stato a chiedere aiuto e collaborazione ai Roncobellesi per far fronte a una situazione di gravissima emergenza umanitaria, e noi non ci possiamo sottrarre per senso civico, a contribuire per la nostra parte come comunità dello Stato Italiano. Noi siamo consapevoli che spesso i proclami teorici e filosofici sono di facile intendimento ma che la realtà spesso ti riserva imprevisti e difficoltà.

Ma questo non ci spaventa: infatti i 43 profughi che tutt’ora soggiornano, sono stati ben accolti, ha prevalso il senso di responsabilità come vuole che sia una comunità aperta verso i più deboli, i bisognosi o come in questo caso, da chi scappa dalla la guerra e dalla fame. Molte persone di Roncobello si sono prodigate portando vestiti per il freddo perché pur essendo primavera, la struttura e’ situata ben oltre i mille metri (alcuni non avevano mai visto la neve!!). I ragazzi del paese giocano tranquillamente insieme al campo sportivo, inoltre sono stati assunti due ragazzi di Roncobello dalla cooperativa, uno per la cucina e un animatore – interprete. Ora con la convenzione sul volontariato, inizieranno a svolgere con gli abitanti piccoli lavoretti di manutenzione stradale e pulizia dei sentieri, taglio dell’erba, perché l’integrazione passa sopratutto attraverso il lavoro.

Non nascondiamo le difficoltà ma, come sempre, ce la faremo… magari con un po’ di asprezza che ci caratterizza. Io ritengo che il montanaro non sia razzista per il colore della pelle o per la fede religiosa, il montanaro è diffidente verso “il lazzarone” e cioè che vive alle spalle degli altri, l’approfittatore, il furbo, l’imbroglione. Per questo io sono convinto che mettendoci in gioco con altruismo e un po’ di sacrificio, potremmo uscire da questa inaspettata esperienza di vita tutti più orgogliosi per essere stati utili a chi con gli occhi ci ha chiesto disperatamente aiuto.

Antonio Gervasoni – Vice Sindaco di Roncobello

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da daniele azzali

    Siamo Daniele Azzali e mia moglie Lorella Terni, di Milano e abbiamo un alloggio a Roncobello dove trascorriamo le nostre vacanze. Vorremmo ringraziare il Vicesindaco Antonio Gervasoni per le sue splendide parole. Siamo orgogliosi di essere parte di questa comunità, rappresentata da persone che esprimono coi fatti l’appartenenza alla parte migliore della società civile. Sappiamo di che cosa si parla avendo collaborato, a Milano, a un progetto di assistenza ai profughi con la Casa della Caritá

  2. Scritto da ROBERTO

    Una lettera dal contenuto davvero apprezzabile, chi è consapevole della propria cultura e tradizione non diffida del nuovo arrivato. Mi associo: “Io ritengo che il montanaro non sia razzista per il colore della pelle o per la fede religiosa, il montanaro è diffidente verso “il lazzarone” e cioè chi vive alle spalle degli altri, l’approfittatore, il furbo, l’imbroglione.

  3. Scritto da Patrizio

    Dobbiamo sperare che i nostri governanti europei risolvano qualcosa. Es. basta vendere armi a paesi poveri. Chi non ha le armi deve scappare.
    Regaliamo i nostri attrezzi agricoli e diamo incentivi per acquistarne nuovi ai nostri agricoltori. Senza truffe! So che è difficile in Italia. Salvini stà costando 120.000 euro al mese per la sua sicurezza. Se ne stia a casa! E’ una palla al piede senza proposte sensate.

  4. Scritto da Gaetano Bresci

    Signor Gervasoni, la stimo e la perdono per essere un aderente al pd.

  5. Scritto da se..

    se “La piccola comunità di Roncobello in provincia di Bergamo, 440 abitanti” è contenta, cosa vuoi farci: contenti loro contenti tutti.
    ” alla dignità della gente di montagna autentica” non ci si può che “inchinare”.
    “ci rivedremo a Filippi”!

  6. Scritto da laura

    condivido totalmente la lettera .grazie

  7. Scritto da Alberto

    Se sono profughi veri, non ho nulla da obiettare. Buon lavoro.

  8. Scritto da sascha

    Mi inchino alla dignità della gente di montagna autentica, qui rappresentata, e non dai “diversi”. Non ti curar di loro, ma guarda e passa.

  9. Scritto da FABIO

    Stima a iosa per questo uomo che non fa politica ma gestisce la cosa pubblica con dedizione, umiltà e umanità.

    1. Scritto da diego

      la solita sviolinata a cose fatte, rimanendo dietro la tenda a guardare l’evoluzione per poi strumentalizzare come ha fatto la lega.Massima stima alle persone del paese che si sono esposte subito e continuano ad occupare il loro tempo per la solidarieta’ e la convivenza