BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Studenti boicottano il test Invalsi con risposte dissacranti

C'è ha scritto una frase dissacrante, chi ha scelto le classiche corna, chi non si è nemmeno presentato. Molti studenti italiani hanno deciso di boicottare il test Invalsi.

Più informazioni su

C’è ha scritto una frase dissacrante, chi ha scelto le classiche corna, chi non si è nemmeno presentato. Molti studenti italiani hanno deciso di boicottare il test Invalsi. Alcuni anche immortalando le loro prove con lo smartphone e postandole in rete. L’Unione degli studenti in occasione delle prove Invalsi alle scuole superiori ha promosso azioni di boicottaggio e mobilitazione in tutte le scuole del Paese. Il Coordinatore nazionale dell’associazione studentesca Danilo Lampis afferma che «sulla scia delle grande giornata di sciopero del 5 maggio, il dato di mobilitazione studentesca nella giornata di oggi è stato altissimo!».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da You-Li-Han

    A mio parere queste prove Invalsi servono solo a screditare il valore delle valutazioni di fine anno fatte dai docenti del Consiglio di classe. Soprattutto svalutano in toto gli esami di maturità che, questi sì, sono oggettivi nella parte riguardante gli scritti e, nella parte degli orali, sono ben più complessivi sul percorso scolastico e personale di ciascuno studente, classe, scuola e gruppo docente. Basta con gli sprechi di tempo e di denaro pubblico per l’Invalsi!

  2. Scritto da Elio

    L’anno scorso alle prove invalsi i risultati di 2 classi del mio istituto sono stati annullati perchè troppo elevati; erano 2 classi con gli specialisti del ministero come assistenti. C’è da spanciarsi dal ridere o da piangere sulla miseria di un metodo di valutazione che si autoelimina. Sono però certo di insegnare in una scuole eccellente, e lo verifico quando vedo i risultati degli studenti che vanno all’estero con i progetti di intercultura. .

  3. Scritto da Massimo

    La questione non è privatizzare o meno. La scuola deve rimanere pubblica, ma dobbiamo discutere criteri di merito per gli insegnanti non dico rivoluzionari ma almeno simili a quelli delle imprese private: chi fa bene e raggiunge gli obiettivi lavora, chi non li raggiunge viene lasciato indietro, settimana di lavoro da 8 ore al giorno per 5 giorni lavorativi, responsabilità diretta nelle performance, meno giorni di ferie durante l’anno, flessibilità organizzativa e mansionaria

  4. Scritto da residentevil

    Poi tutti a sfilare in corteo e…oh…se nella vita le banche ci fregano perchè non siamo neppure capaci di confrontare le offerte di due conti correnti pazienza. Poi tanto..oh..se non dai fuoco a una banca…sei un pirla. Ignoranti loro e incapaci i professori che li hanno appoggiati.

    1. Scritto da Patrizio

      E’ difficile valutare offerte di due conti correnti, al momento non trovi la fregatura (nascosta) te ne accorgi quando arriva. Chi spreca la fiducia. Non sarà facile riconquistarla. Devo fidarmi se dicono che ora non mi fregano più? O che mi fregano di meno? Tornando in tema, è importantissimo che gli Insegnanti sappiano formare le nuove generazioni, i dirigenti invece possono essere raccomandati e non avere le capacità. I parlamentari stipendi in base al merito? Dovrebbero lavorare gratis?

  5. Scritto da ct

    poi ci si lamenta della crisi e del futuro dei nostri ragazzi… viziati che non sanno cosa siano l’impegno e la disciplina

    1. Scritto da Michele Studente

      Eccolo.. Il moralista di turno!
      Se non sai il perché del boicottaggio non parlare ;)

      1. Scritto da ct

        eccolo.. Lo scioperato di turno! Se non sai le risposte, boicotta il test! ;)

      2. Scritto da stefano

        sarebbe meglio studiare invece che boicottare.

      3. Scritto da Miriam

        Ti Do ragione è ora di fare qualcosa x questa scuola che peggiora di anno in anno …

      4. Scritto da Ugo

        Abolendo il servizio Militare e accentuando Politicamente il filo Centrosinistra, non aspettiamoci menti dinamiche

        1. Scritto da Daniele

          Solo uno che non ha fatto il servizio militare può essere contrario alla sua abolizione… Non so come fosse tempo fa, ma negli anni 90 era veramente un anno buttato nel cesso.

      5. Scritto da Luigi

        A me pare che gli studenti non sappiano cosa stanno boicottando.

      6. Scritto da Neh

        Seccante farsi giudicare e vedere giudicati i tuoi insegnanti sulla base di risultati oggettivi , neh ? Meglio mettere il tutto nel calderone dello “sciopero” anche se non c’entra nulla , neh ? Sai tutto tu , neh ?

  6. Scritto da Artemide Rossetti

    La ricetta è semplice: tutti gli insegnanti precarizzati, scuole privatizzate, riduzione tasse sul reddito in funzione del costo attuale per alunno. Concorrenza tra scuole. La migliore vince, come il ristorante e il bar, se mi trovo male cambio! Ci vuole libertà e concorrenza massima, questa è la semplice ricetta dell’efficienza.

    1. Scritto da Daniele

      Giudicare un ristoranre o un bar è una cosa che si può fare in un paio d’ore: il tempo di una cena o di un aperitivo. Se ho mangiato bene, e non ho preso la salmonella, il servizio è stato cortese etc…. ma chi stabilisce qual’è la scuola migliore? E quanto tempo ci vuole per esprimere un giudizio? Ho paura che i cinque anni necessari a formare gli alunni non siano sufficienti.
      Privatizzare massimizza i profitti, ma non si è quasi mai rivelata una scelta fortunata per gli utenti.