BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pensioni: sono 60mila i bergamaschi che attendono il rimborso

Dati Cisl: su un totale di oltre 300.000, sono 60.000 i bergamaschi che attendono con ansia una decisione circa il “rimborso” dei mancati aumenti. A loro spetterà un “arretrato” pari a circa una mensilità e mezza di quanto percepiscono.

Più informazioni su

Entro questa settimana il Governo dovrebbe varare il decreto con modalità e tempi di restituzione delle somme dovute per la mancata perequazione delle pensioni superiori a tre volte il minimo per gli anni 2012-2013.

Non saranno certo tutti i pensionati a ricevere un risarcimento.

Sono infatti circa 60.000, su un totale di oltre 300.000, i bergamaschi che attendono con ansia una decisione circa il “rimborso” dei mancati aumenti.

A loro spetterà un “arretrato” pari a circa una mensilità e mezza di quanto percepiscono.

È quanto emerge in una ricerca che la Fnp ha prodotto a livello nazionale e tarato su ogni territorio. Come si sa, la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo il blocco della perequazione automatica al tasso di inflazione programmato per gli anni 2012 e 2013, introdotto con la cosiddetta riforma Fornero per le pensioni superiori a tre volte il minimo (nel 2011 pari a 1.405,76 euro mensili lordi).

A titolo puramente informativo, a un pensionato che nel dicembre 2011 percepiva 2.000 euro mensili lordi (pari a 1.549 euro mensili netti), andrebbero 111,25 euro mensili lordi: € 52,41 nel 2012 e € 59,74 nel 2013 (1.457,95 euro lordi complessivi), per il biennio 2012 – 2013. Poi andrebbero ricalcolati gli importi per i due anni successivi, con gli aumenti pregressi.

Il blocco ha riguardato a Bergamo il 18% dei pensionati (circa 60.000, appunto). Di questi il 94% sono uomini contro il 6% delle donne. Le pensioni coinvolte riguardano soprattutto la gestione dipendenti privati (84%) contro il 16% del pubblico impiego.

Occorre ora attendere di conoscere in che modo il Governo intenda affrontare il problema che comporta un notevole esborso per le casse della Stato. A questo proposito la Segreteria Nazionale Fnp Cisl, insieme a Sspi Cgil e Uilp Uil, ha già chiesto un incontro al Ministro del Lavoro.

“A suo tempo avevamo sottolineato l’iniquità del provvedimento che, pur emanato in un momento di emergenza economico finanziaria, mirava unicamente a fare “cassa”. Non a caso venivano colpite le pensioni medio alte in modo da garantire allo Stato un risparmio certo, perché operato su una platea consistente di contribuenti pensionati”.

“Bastava il confronto con noi sindacati – dice Michele Bettoni, segretario generale della Fnp Cisl di Bergamo. Peccato che per farlo capire al Governo sia dovuta intervenire la Corte Costituzionale. Oggi, diciamo no a ipotesi di intervento sulle pensioni in essere, a partire dal ventilato ricalcolo con il sistema contributivo che imporrebbe una decurtazione inaccettabile per chi è andato legittimamente in pensione con le regole date, dopo 40 e più anni di lavoro. Ricordiamo, infine, che chiediamo maggiore flessibilità in uscita e proponiamo un patto generazionale che introduca il lavoro part time per i lavoratori anziani, in modo da fare entrare al lavoro, sempre a part time, i giovani. Se si riaprisse il confronto con i sindacati crediamo che sarebbe la risposta migliore, insieme alla sanatoria definitiva per gli esodati e al riconoscimento dei requisiti pensionistici delle “quindicenni” (cioè, quelle donne con 15 anni di contributi lavorativi bloccate dalla legge Fornero)”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    da quando l’unione europea ha cominciato ad imporre primi ministri di proprio gradimento manipolando le elezioni con lo spread,per l’italia è iniziato il lento tracollo,ma anche se si dice che le casse sono vuote,le banche sono state ugualmente finanziate con l’imu e con i soldi delle pensioni.però è pure vero che buona parte degli italiani accettano questi giochi che stanno mandando al tracollo la grande distribuzione,ora la boiate escono allo scoperto e c’è da ridare i soldi

    1. Scritto da Alà Barlafüs

      La UE manipolava anche gli oltre 100 miliardi (200 mila miliardi delle vecchie lire) che stato ed enti dovevano alle aziende private e per i quali verso la fine del governo PDL-Lega le aziende saltavano come birilli ? Il passaggio del debito pubblico dal 104 al 121 % del pil (a occhio 300 miliardi) lo ha fatto la ue o mio nonno in carrozza ? Ma si , quel dettaglio che ha fatto scappare gli investitori esteri che ci prestano il 50% del debito.

      1. Scritto da il polemico

        e ora che il debito-pil è arrivato a 135% e il debito aumentato a oltre 2300miliardi,siamo messi meglio o peggio di prima?dici che questi numeri ora attirano investitori??per lo spread,fino al mese prima della caduta del berlusca,era basso e nessuno ne parlava,.vuol dire che il berlusca ha governato bene negli anni precedenti?o aveva governato male ma cera ugualmente la fiducia degli investitori?intanto che ci pensi,io mi bevo qualcosa…..saluti

  2. Scritto da w l'Italia

    Grande quel Monti. Sobrio e grande. Lo hanno fatto pure senatore a vita.
    Dopo il danno, sparito. Ma tranquilli, percepisce ancora l’indennità da senatore
    W l’Italia.
    E c’è ancora chi parla di Berlusconi!