BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Chi non paga le tasse finisce sul sito del Comune” E’ la soluzione all’evasione?

Al Comune di Mulazzo mancano la bellezza di 500 mila euro e il sindaco decide di lanciare una misura drastica: pubblica sul sito comunale nomi e cognomi dei cittadini che non pagano le tasse. E' la soluzione giusta per risolvere il problema dell'evasione fiscale?

Più informazioni su

Pubblicare i nomi dei cittadini evasori sul sito del Comune. L’idea è venuta al sindaco di Mulazzo, un piccolo paese in provincia di Massa Carrara. Claudio Novoa, primo cittadino, non ci ha pensato due volte: ha lanciato la proposta alla Giunta che ha espresso parere favorevole e poi è arrivato il via libera anche dal Consiglio comunale (opposizione astenuta). La gogna pubblica architettata dal primo cittadino è stata necessaria perché alle casse comunali mancano addirittura 500 mila euro, cifra importante per un paese che conta solo 2600 abitanti.

L’iter è molto semplice: prima di tutto a chi non ha pagato le tasse locali saranno inviate lettere personali di sollecito, e, in caso di mancata risposta, si darà il via alla riscossione coatta da parte di Equitalia con concomitante pubblicazione sulla lista nera, online, in un’apposita sezione del sito.

“Il Comune andrà incontro a tutte le persone che hanno difficoltà a pagare i tributi con un piano personalizzato che prevede rateizzazioni per mettersi in regola – spiega Novoa – “Chi, nonostante questo, continuerà a non pagare il dovuto, vedrà apparire il suo nome su un albo apposito creato sul sito web del Comune. Non sarà un albo della vergogna, bensì un invito a pagare a tutela di chi lo ha già fatto. La mia scelta è coerente con quanto stabilito dalla normativa sull’amministrazione trasparente“.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Pagamenti solo con carte di credito.

    1. Scritto da il polemico

      certo,cosi per 10 persone che comprano il gelato,devo passare 30 minuti in fila sperando che il pos non faccia le bizze,come gia mi capita di vedere alcune volte,tra metti,rimetti,riprova,codice errato,manca connessione,connessione lenta ecc ecc

  2. Scritto da angelo m

    Vediamo di mettere alla gogna chi non paga per furbizia e non perche’ non sa come arrivare a fine mese

  3. Scritto da MAURIZIO

    “L’amministrazione, i dirigenti, la procedura pubblici o l’articolo di legge inutili, illogici, dannosi, contradditori, malfunzionanti, truffaldini o ingannatrici finiscono in un Albo online che obbliga un’autorità pubblica delegata con pieni poteri a chiedere all’amministrazione, al dirigente o al potere politico di cancellare immediatamente la sanzione, l’ingiustizia, la truffa o di modificare il testo di legge e procedure”. E’ la soluzione alla burocrazia italiana criminale?

  4. Scritto da Angelo

    Se lo fa il Comune perché non fare lo stesso dai privati che devono aspettare tempi lunghi per avere lo sfratto per morosita’?

  5. Scritto da pablo

    non sarà la soluzione all’evasione ma, visto che a volte gli evasori sono persone che vanno in giro col macchinone e fanno i bulli del paese, io credo che potrebbe essere un discreto deterrente…