BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Provincia, si risparmia fino al centesimo: finestre chiuse

Il cartello è stato posizionato sui distributori automatici al secondo piano del palazzo della Provincia in via Tasso. E' la testimonianza più tangibile delle difficoltà economiche in cui versa l'ente.

Più informazioni su

“Per evitare sprechi di energia elettrica per la refrigerazione, si prega di tenere chiuse le imposte della finestra, così da non permettere al sole di surriscaldare il distributore. Firmato: servizio economato”.

Il cartello è stato posizionato sui distributori automatici al secondo piano del palazzo della Provincia in via Tasso. E’ la testimonianza più tangibile delle difficoltà economiche in cui versa l’ente: addirittura si chiudono le imposte per evitare, con il caldo, di far consumare più energia elettrica alle macchinette.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Si risparmia fino al centesimo. Credo che sia errato il titolo. Queste azioni non sono di risparmio, è dire basta agli SPRECHI!
    In molte strutture pubbliche e private gli sprechi non sono tagliati. C’è ancora chi ride quando si fanno azioni di questo tipo. Non è vista come una normalità di buon senso civico e rispetto per chi non ha nemmeno da mangiare.

  2. Scritto da Dullio

    Il popolo bove non vuol comprende che i tagli agli enti locali servono solo a finanziare nuovi sperperi ministeriali, anziché ridurre la spesa pubblica.
    Il prelievo forzoso di alcuni miliardi alle province non ha diminuito le tasse sulle RCauto ai cittadini, ma ha spostato la spesa corrispondente a livello statale.

  3. Scritto da Dario

    Tutta scena quando i buoi sono già scappati dalla stalla

  4. Scritto da ct

    fa specie che una normale regola di buon senso, che tutti utilizzano in casa propria, debba essere messa per iscritto in un ufficio pubblico e poi “sbertucciata” su come cosa eccezionale.

    1. Scritto da Lara

      Sono d’accordo. Uno degli ambienti più diseducativi (per assurdo) è la scuola, dove i bambini vedono regolare la temperatura d’inverno con l’apertura delle finestre……. pazzesco….. Che adulti avremo domani????????

    2. Scritto da Tony

      Sarà ancor più interessante quando in tutti i locali pubblici (soprattutto le scuole, anche per dare buon esempio ai bambini) si faranno queste cose che sono soltanto regole di buon senso e buona educazione già ampiamente applicate nelle case private

  5. Scritto da Alberto

    L’ “addirittura” dovrebbe essere la norma, soprattutto in un ente pubblico. Il risparmio energetico è il primo serbatoio economico per l’Italia in crisi.