BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un’Atalanta davvero bella, come il Papu Gomez: peccato averlo visto tardi

Il nostro Bore analizza la splendida vittoria dei nerazzurri a Palermo e sottolinea la prova di un immenso Papu Gomez: "E' arrivato tardi, peccato non averlo visto così dall'inizio della stagione".

Più informazioni su

L’Atalanta resta in serie A.

Giocando una partita di grande intensità e concentrazione, la squadra nerazzurra espugna il Barbera e praticamente si garantisce la permanenza nella massima serie, alla cui matematica certezza manca solo un punto.

L’allenatore nerazzurro ha schierato un 4-3-3 come contro la Lazio, inserendo però sulle fasce Zappacosta al posto di Bellini e Dramè al posto di Del Grosso, Baselli in sostituzione del Ciga a centrocampo (insieme a Carmona e Migliaccio), mantenendo invece Pinilla punta centrale supportato da Gomez e D’Alessandro.

Partenza al fulmicotone per l’Atalanta che già dopo 6 minuti si trova in vantaggio con una stupenda manovra: cross di Gomez per Pinilla che appoggia all’accorrente Baselli che fredda Ujkani. Dopo il gol l’Atalanta continua a manovrare con disinvoltura e dopo appena 10 minuti arriva il raddoppio su una sfortunata deviazione di testa di Andelkovic dopo un calcio d’angolo. Il Palermo praticamente non esiste e l’Atalanta ne vuole approfittare per mettere il colpo del ko, che riesce quasi al 21’ quando Gomez centra la traversa su calcio di punizione.

La gara, che sembra indirizzata verso una vittoria atalantina, sembra cambiare direzione verso la mezz’ora quando il Palermo comincia ad attaccare e su un colpo di testa di Chochev Biava salva di testa a portiere battuto. L’entrata dell’attaccante rosanero Quaison mette in difficoltà la difesa nerazzurra e il Palermo prima sfiora il gol con lo stesso giocatore e poi accorcia le distanze con un colpo di testa di Vazquez.

Nei secondi 45 minuti Baselli (ottima la sua gara) lascia il posto a Cigarini. Il Palermo continua ad attaccare e di nuovo Biava è costretto a salvare sulla linea di porta. Poco dopo grande azione in contropiede atalantina: D’Alessandro salta l’uomo va sul fondo e vede Gomez ben piazzato, gran tiro del Papu e pallone imprendibile che si insacca per il 3 a 1. Neanche quasi il tempo di ripartire e D’Alessandro con una grande fuga si presenta solo davanti a Ujkani ma calcia addosso al portiere il colpo del possibile ko.

L’Atalanta gioca bene ma a quel punto succede quello che non ti aspetti: Avramov si concede il lusso di scartare Vazquez ma, non accortosi del recupero dello stesso, è costretto a stenderlo: rigore ed espulsione dell’estremo difensore nerazzurro. Fortunatamente il bergamasco Belotti calcia sulla traversa ma da quel momento, in inferiorità numerica, si intuisce che non sarà più la stessa partita di prima. Ed infatti il Palermo comincia ad attaccare con insistenza. Benalouane sostituisce Biava, autore di una magistrale partita. Da qui alla fine sarà un assedio palermitano. Al 23’ il Palermo accorcia di nuovo le distanze con una bella giocata di Rigoni. L’Atalanta gioca gli ultimi minuti praticamente barricata nella propria metà campo e fortunatamente un colpo di testa a botta sicura di Gonzalez va alto sulla traversa della porta difesa da Frezzolini. A pochissimo dal termine deve addirittura uscire Masiello per un colpo fortuito ricevuto da Benalouane e l’Atalanta è costretta a stringere i denti in 9 contro 11. Ma a quel punto l’arbitro fischia la fine delle ostilità per la festa dei giocatori atalantini.

L’unica insufficienza che mi sento di dare è quella di Avramov, per l’ingenuità commessa che poteva costare molto caro: soprattutto impensabile da un portiere esperto come lui. Tutti gli altri sufficienti, con un Biava davvero immenso e un Papu Gomez monumentale (peccato davvero non averlo avuto in queste condizioni per tutto il resto del campionato). Molto buona anche la prova di D’Alessandro che conferma di essere un giocatore davvero prezioso e che, probabilmente, avrebbe avuto il diritto di essere maggiormente messo alla prova nel corso della stagione.

Nella giornata che vede retrocedere matematicamente il Cesena, appare davvero impossibile una rimonta del Cagliari che dovrebbe vincere le prossime tre gare (e la Dea perderle) per raggiungere l’Atalanta. Domenica in casa contro il Genoa è sufficiente un punto per garantirci il diritto, il prossimo anno, di disputare un altro campionato di serie A, con la speranza di soffrire meno di quanto avvenuto quest’anno.

Il Bore

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Matteo

    Signori siamo tutti contenti che ci siamo anche quest’anno salvati ma come non ricordare il pessimo cammino avuto fin qui,partite veramente brutte senza veder tiri in porta una trama di gioco accettabile etc…..Mai più!!

  2. Scritto da franco

    domenica l atalanta perde con il genoa !cè da sperare che il cagliari faccia altrettanto e allora si salva se no aspetta ancora 1 settimana

  3. Scritto da nino cortesi

    Prima o poi scopriremo anche Baselli, Boakyè e Benalouane.

  4. Scritto da albano

    È’ indubbio che le disgrazie altrui (Parma) ci abbiano agevolato. Causa un mercato estivo pessimo (a parte d’Alessandro),solo gente retrocessa o comunque proveniente dalla B e spacciata per grandi rinforzi. Colantuono ha pagato questo nonché la mancanza di un’alternativa credibile a denis nel girone di andata, quando era un cadavere. Ci saremmo salvati anche col Cola,i fatti dicono che reja ha fatto fatica fino alle ultime due gare; dopo il pari di cesena tutto in discesa sul piano mentale

  5. Scritto da dancar

    @Francesco @Christian1983 l’anno scorso il Catania, terzultimo, è retrocesso con 32 punti. l’anno prima il Palermo, terzultimo, con 32 anch’esso…prima ancora il Lecce,terzultimo, 36 punti… ciò dimostra che il livello della serie A è lo stesso degli ultimi anni, indipendentemente dal Parma.

  6. Scritto da veronika

    Ma dai? Ci siamo salvati perché non eravamo tra le ultime 3? e non ditemi che la Juve ha vinto il campionato perché è arrivata prima. Gira voce, ma è tutta da confermare, che se la Roma arriverà seconda andrà in Champions senza passare dai preliminari.

    1. Scritto da Francesco

      Guarda, si può fare tutta l’ironia che vuoi ma è un dato di fatto che il Parma è retrocesso in tribunale e non sul campo. Guardacaso si sarebbe liberato un biglietto di sola andata per la serie cadetta che spettava a noi. La classifica non mente, abbiamo fatto leggermente meglio delle ultime tre e con un Parma in salute societaria ne avremmo viste delle belle. Contentissimo di esserci salvati eh, nessun dubbio! ma quanta paura, speriamo si impari da questi errori.

      1. Scritto da qwerty

        si si contentissimo guarda!! coi se e coi ma..il biglietto da retrocessione ce l’ hanno i tifosi come te, tutto l’ anno a piangere e mai a sostenere!!

        1. Scritto da Francesco

          Invece quelli come te, con le fette di salame sugli occhi, sono quelli che fanno comodo al P.P.
          Accendi un lumicino va che quest’anno è andata di lusso… e cerca di essere più obiettivo… i numeri sono sotto gli occhi di tutti, ah già ma tu sei tra quelli che va allo stadio col paraocchi. Per te Marino ha fatto un grande mercato, Colantuono non andava cacciato e la nostra disgrazia è stato l’infortunio di Raimondi.. Certo come no.

          1. Scritto da qwerty

            hai ragione, l’ atalanta dovrebbe prendere te come direttore sportivo, come mister e come opinionista. ti sei abituato alla grande, ti puoi salvare anche a tre giornate dalla fine senza fare tante storie. mi pare che è questa la storia dal 1907. se no solito discorso, liberissimo di tifare barcellona.la tua obiettività: se non c’era il parma, il cesena, il cagliari..alà!!!

  7. Scritto da Christian1983

    Troppi giocatori in rosa completamente inutili (Scaloni, Bianchi, Cherubin + tutti i prestiti che torneranno da Cesena) da mandare via. Ci siamo salvati perché le 3 dietro erano veramente impresentabili per la serie A ed anche con Colantuono ci saremmo salvati! Imho

  8. Scritto da Francesco

    Manteniamo la categoria grazie alle disgrazie altrui, inutile girarci intorno, queste ultime partite non fanno testo, chi crede che non siano aggiustate non ha mai giocato a calcio o non ha mai fatto parte del mondo del pallone anche solo a livello dilettantistico, oppure crede alla befana. La rosa è completamente da rifondare, non è possibile che in 4/5 anni siamo andati via via peggiorando, serve il salto di qualità se davvero si tiene a onorare questa maglia.

    1. Scritto da sergio

      sempre il solito disco, tutti gli anni.quanto daresti per una bella retrocessione..rosicone