BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Niente soldi nemmeno per tagliare l’erba: compreremo delle caprette”

A Misano Gera d'Adda non ci sono i soldi nemmeno per tagliare l'erba. E il problema non è solo per il paese della Bassa. Tutti i Comuni bergamaschi sono nelle stesse condizioni, tanto che tra un po' nei parchi, aiuole e spiazzi verdi si potrà fare il fieno.

A Misano Gera d’Adda non ci sono i soldi nemmeno per tagliare l’erba. E il problema non è solo per il paese della Bassa. Tutti i Comuni bergamaschi sono nelle stesse condizioni, tanto che tra un po’ nei parchi, aiuole e spiazzi verdi si potrà fare il fieno. D’altronde i tagli decisi dal governo agli enti locali costringono gli amministratori ai salti mortali per far quadrare i conti e i sindaci sono obbligati a risparmiare in qualsiasi settore. L’ambiente è tra i primi, soprattutto se si parla di tagli dell’erba. Qualche primo cittadino però non si dà per vinto e prova a sfoderare creatività.

Daisy Pirovano, sindaco di Misano Gera d’Adda, scrive così su Facebook: “Cari misanesi… oggi giravo per il paesello e non sono affatto fiera di me nel vedere in certi punti l’erba così alta: parchetti, bordi strada etc… Purtroppo anche quest’anno abbiamo dovuto contenere il numero dei tagli erba a causa dei maledetti tagli fatti dal governo. Se andiamo avanti di questo passo non ci resterà che comprare delle caprette…. Mi spiace, ma più di così non possiamo fare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Amen

    Certo che la Lega con il PDL hanno messo davvero l’italia alla canna del gas !!!! questi sono i frutti dell’aver portato la nazione sull’orlo del fallimento . Il sindaco di misano non ha mai sentito parlare della lega di governo ?

  2. Scritto da BergamÌ Olesâ

    Psst! …. Gli ovini, nell’evoluzione si sono ripartiti le risorse di natura pacificamente ed intelligentemente, secondo quote vegetative ben precise, rapportabili alla stazione del capo e alla lunghezza del collo. Le capre camminano a testa alta e hanno collo mobile e leggero. Le ecore hanno testa e collo poco mobili e rivolti al suolo. Quindi per brucare l’erba è meglio acquistare pecore. Le capre invece sono “decespugliatrici” e decorticatrici. Investire bio sì, ma bèeehne!

  3. Scritto da Luisa

    Mettete l’erba sintetica e siete a posto

  4. Scritto da Andrea

    politici, assessori e sindaci farebbero bene a svolgere il loro lavoro negli appositi uffici invece che su facebook, twitter o altro… governare dando la colpa agli altri è poi il primo partito in Italia… grandi!

  5. Scritto da Paolo

    Eh già, perché per comprare le caprette e accudirle non servono soldi…. Geniale!

  6. Scritto da anna carissoni

    Non c’è bisogno di comprare delle caprette: chiamate un pastore e fategli pascolare le sue pecore, è un sistema semplice, economico ed ecologico già adottato da molti Paesi più civili del nostro….

    1. Scritto da ?

      A me,piacerebbe sapere in quali paesi”più civilizzati del nostro”a visto pascolare Pecore in centri abitati(magari nei parchi pubblici in mezzo ai giochini dei bambini…?!

    2. Scritto da lu

      mi piace molto questa immagine agreste, ma poi, come al solito, si lamenterebbero per la puzza e le zecche….

  7. Scritto da il polemico

    non so se tutti i paesi sono con le casse vuote,ricordo solo che nel comune di osio sotto,appena si è insediata la nuova giunta,una delle prime delibere approvate,fu l’aumento delle indennità per sindaco e assessori,quindi fortunato osio sotto che pare essere un paese ricco che che può permettersi di distruggere mezzo parco pubblico appena rimesso a nuovo con 1,5milioni di euro spesi,per costruirci una scuola….