BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Bergamo, Città dei Mille” Sostituiti i cartelli Piccola scritta Bèrghem

Sono stati sostituiti venerdì 8 maggio i 22 cartelli marroni all'ingresso della città: via il logo del Comune, il volto di Garibaldi e la spiegazione delle origini germaniche del nome, ridotta consistentemente la dicitura in dialetto.

Più informazioni su

Un unico cartello invece che due, più pulito e con la dicitura in dialetto meno in evidenza rispetto al passato: sono stati sostituiti nella mattinata di venerdì 8 maggio i 22 cartelli stradali marroni all’ingresso della città.

Le novità saltano subito all’occhio: rimane la scritta “Bergamo Città dei Mille”, mentre alla traduzione in dialetto “Bèrghem” non è più riservato un singolo cartello ma un piccolo spazio sotto l’indicazione principale.

Non ci sono più, dunque, il logo del Comune di Bergamo, il volto di Garibaldi, la spiegazione delle origini germaniche e latine del termine Bèrghem e le scritte di benvenuto in italiano e inglese.

La sostituzione, programmata da tempo, è stata oggetto dello scontro politico in consiglio comunale tra maggioranza e opposizione: la Lega Nord in particolare aveva difeso la vecchia toponomastica e l’importanza di riscoprire il dialetto.

La mediazione ha portato al cartello attuale con la scritta Bèrghem che non è sparita ma è stata solamente ridotta: l’alternarsi delle ultime 4 amministrazioni è sempre coinciso con un cambio dei cartelli all’ingresso della città, chissà se la soluzione adottata dalla giunta Gori sarà finalmente quella definitiva.

Il vecchio cartello: 

E quello nuovo: 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giupì

    Etichette, sempre etichette, il culto dell’apparenza. Ma che cavolo di bergamaschi siete? Nessuno qui lamenta la quasi estinzione della parlata bergamasca doc. Ripeto, parlata, non scritta, anche perché è così difficile leggere, i vari dialetti, bergamask, bulgneis, zeneis, ecc.

  2. Scritto da usiamo il cervello

    E poi mettono la tassa sui lumini (da far pagare anche alla povera pensionata al minimo, ovvio) per buttare i soldi in queste stupidaggini…

  3. Scritto da anna

    davvero qualcuno ha avuto da ridire sui vecchi carrelli? mamma mia………..soldi buttati al vento che potevano essere investiti altrove, magari in azioni più serie!!

  4. Scritto da riccardo

    la creatività dei nostri politici e amministratoroi negli ultimi decenni si è sfogata tutta nei cartelli in dialetto. Il che la dice lunga sul livello misero che abbiamo raggiunto. Le idee sono diventate più rare delle particelle di sodio nell’acqua oligominerale…che stato…

  5. Scritto da giulio

    Eleganti!

  6. Scritto da aris

    è già tanto che il cartello bergamo sulla A4 almeno resta lo stesso da anni……ooops mica che gli venga in mente di cambiare anche quello……cmque quello è verde di suo, non per connotazione politica…..

  7. Scritto da Carlo

    speriamo che questa volta sia l’ultima.

    1. Scritto da Luca

      Speriamo che i politici che spendono i soldi in questo modo siano obbligati a restituire i soldi ai cittadini. Altrimenti non sarà mai l’ultima volta!

  8. Scritto da a

    Il vecchio cartello è pericoloso: un amico che è venuto a trovarmi prima di capire che era arrivato a bergamo ha tamponato la macchina che lo precedeva…

  9. Scritto da mario59

    Prima la lega, adesso il PD..fatto sta che loro i privilegiati strapagati con i nostri soldi, l’unico problema che riescono ad affrontare e nemmeno a risolvere visti i continui cambiamenti, è quello dei cartelli.
    Nel frattempo, la disoccupazione dilaga.
    Siamo a posto.

    1. Scritto da luca

      Forse non sai che un assessore non arriva neppure a 2000 euro
      questi sono a norma codice della strada gli altri erano pacchiani e non in regola

      1. Scritto da gigi

        Le indennità degli assessori dei comuni superiori a 20,000 abitanti è di 3.031 euro.
        In base a quale articolo del codice della strada Lei afferma che non erano in regola? Sul “pacchiani” lasciamo perdere

      2. Scritto da gigi

        Le indennità degli assessori dei comuni superiori a 20,000 abitanti è di 3.031 euro.
        In base a quale articolo del codice della strada Lei afferma che non erano in regola? Sul “pacchiani” lasciamo perdere

      3. Scritto da gigi

        Le indennità degli assessori dei comuni superiori a 20,000 abitanti è di 3.031 euro.
        In base a quale articolo del codice della strada Lei afferma che non erano in regola? Sul “pacchiani” lasciamo perdere

      4. Scritto da + verande x tutti

        Invece erano chiari, belli e perfettamente regolari. Non capisco cosa cerchi di ottenere raccontando cose non vere. Se fossero stati irregolari non li avrebbero potuti installare.

  10. Scritto da greatguy

    comunque “welcome to berghem” era fantastico!

  11. Scritto da giggi

    accidenti, adesso non si saprà più che viene dal germanico berg-heim!

  12. Scritto da Bignoca

    Solc’ trasacc’ per faga piasè a vergü.

  13. Scritto da Arturo

    Le uniche cose fatte da questi amministratori renziani è stato disfare ciò che era stato fatto dalla giunta precedente.Adesso i cartelli in lingua originale bergamasca (lombardo orientale),prima il piazzale della stazione, poi vedremo quale altra opera distruttiva.Il centro destra deve imparare a comportarsi come i sinistri.Disfare il lavoro degli avversari,come loro al potere!L’UNESCO ha dichiarato,tra altre,il Lombardo occid. e orientale,lingue da difendere perché a rischio estinzione.

    1. Scritto da Franco

      Esatto Arturo, lombardo occidentale una lingua da salvare,ma in italia per evitare di riconoscerla si riduce a dialetto. La lingua era la prima cosa che i grandi invasori toglievano ai popoli conquistati.

    2. Scritto da pablo

      ahahahahhahahahahahahahhaahhaah

    3. Scritto da giggi

      ahahah..

  14. Scritto da Vittorio

    La scritta Berghem andrebbe tolta,siamo in Italia ,la Padania non esiste.

    1. Scritto da A.Z. BG

      Bèrghem esiste da prima dell’italia. Provi a far togliere le scritte in lingua locale in Alto Adige, Val d’Aosta, Friuli, ma anche dalla val Chiavenna,da Livigno,dalla Sardegna e da tante altre zone della sua italia dove giustamente vogliono mantenere le lingue locai e le loro tradizioni, compresa l’Emilia Romagna.

      1. Scritto da doctor

        e dopo che hai piazzato cartelli in dialetto in aramaico in tedesco cosa hai ottenuto? quello che siamo e le nostre tradizioni sono nel nostro cuore e per chi vuole approfondire ci sono i libri non i cartelli stradali sciocca esibizione degli sciocchi

        1. Scritto da dolores

          Vallo a scrivere in sud titolo, fenomeno!

      2. Scritto da giggi

        già, togli e si scatena la guerriglia per le strade! questi sono i problemi, mica gli esodati come dice salvini, o no?

  15. Scritto da Sergio

    Il business dei cartelli è trasversale. Non ha colore politico. È la spesa più sciocca e insulsa che ci sia.

  16. Scritto da Marco Cimmino

    A mo’ turna! Se i nostri amministratori dimostrassero, nelle questioni davvero importanti, la solerzia esibita nella guerra dei cartelli, Bergamo sarebbe un paradiso. Quanto all’estetica, quello di prima era pasticciato: sembrava un collage. Quello di oggi è cimiteriale: ricorda i cartelli disseminati per la Normandia con su scritto “war cemetery”. Comunque, affollati o minimalisti, compromissori o radicali, basta che vi decidiate…

  17. Scritto da mille o non più mille?

    a mio parere dovrebbe essere eliminato “Città dei Mille” che vedere a posteriori cosa è stato combinato da Garibaldo & c. noi Bergamaschi dovremmo provare vergogna

    1. Scritto da pablo

      punti di vista… trovo molto più vergognoso vedere “bèrghem”, “tera de berghem” e “padania libera” su (quasi) tutti i cartelli della bergamasca.

  18. Scritto da Sempre peggio

    Pensare a cose più serie no vero?
    Risparmiare e/o investire meglio i soldi dei cittadini no vero?
    E quelli “vecchi”? In discarica o a casa di chi ha buttato via il tempo per discutere su 22 cartelli dova hanno avuto ‘scontri politici’? Ma dove stiamo andando a finire…povera Italia..povera Bergamo

  19. Scritto da doge

    Ci avete fatto spendere milioni di euro per i una serie infinita di cartelli…..decideteviiiiii