BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Profughi a Bergamo, appello della prefettura: “Servono nuove strutture”

Nuovo appello della prefettura di Bergamo per reperire nuove strutture adatte ad ospitare i profughi in arrivo dall'Africa. Sul sito internet ufficiale è stato pubblicato un nuovo bando per aderire alla convenzione di accoglienza.

Più informazioni su

Nuovo appello della prefettura di Bergamo per reperire nuove strutture adatte ad ospitare i profughi in arrivo dall’Africa. Sul sito internet ufficiale è stato pubblicato un nuovo bando per aderire alla convenzione di accoglienza. "L’esigenza di fronteggiare il perdurante afflusso di migranti sul territorio nazionale impone il reperimento di nuove strutture, sì da offrire una efficace risposta operativa a situazioni di necessità, legate ai nuovi arrivi di cittadini stranieri – si legge nella comunicazione della prefettura – . Pertanto, in linea con le direttive impartite dal Ministero dell’Interno-Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione, è stata indetta da questo Ufficio apposita procedura di gara, nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza e proporzionalità di cui al d. lgs. 163 del 2006 (c.d. Codice dei contratti pubblici). In proposito, si comunica che sul sito internet di questa Prefettura (www.prefettura.it/bergamo) è stato pubblicato l’avviso di gara n. 20996.2015 (codice identificativo gara: 62435650D5), avente ad oggetto l’affidamento in convenzione, per l’anno 2015, dei servizi di accoglienza nel territorio della provincia di Bergamo in favore di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale.

Per partecipare alla gara, i soggetti interessati dovranno far pervenire, entro e non oltre le ore 12.00 del 28 maggio 2015 (all’indirizzo: Prefettura di Bergamo – Ufficio Protocollo – Via T. Tasso, 8 – 24121 Bergamo), a pena di esclusione, il plico contenente l’offerta e la prescritta documentazione. A tal riguardo, oltre al citato bando, sono disponibili nel sito internet www.prefettura.it/bergamo anche i modelli degli ulteriori documenti d’interesse (istanza di partecipazione, offerta economica, dichiarazioni sostitutive ed autocertificazioni)".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da solidàl

    Con tutte le unità immobiliari sfitte, soprattutto nei cortili dei paesi. Una proposta ai Comuni: in presenza di garanzie certe sull’utilizzo per l’ospitalità temporanea di questi disgraziati, proporre ai proprietari consistenti riduzioni della TASI. Magari i profughi potrebbero comportarsi meglio di certi inquilini nostrani. Dimenticavo. ciascuno pensa alla propria saccoccia, e la proprietà privata è sacra come l’osso.

  2. Scritto da Franco

    Il prefetto di Bergamo vive in appartamentino dI 350 ma in via Tasso a gratis, perché non inizia a ospitarne lui qualcuno invece di mandarli in hotel a nostre spese ?!? Basta la misura è colma!!!

  3. Scritto da ma anche no

    intendo dire che sarà una guerra tra poveri purtroppo..perchè loro non stanno tanto peggio di noi normali cittadini.

  4. Scritto da Lello

    Basta! Anche le Regioni Friuli e Valle d’Aosta hanno detto basta… L’Italia è stremata, non ci sono fondi per l’assistenza ai nostri anziani, alle famiglie, alla sanità e scuola pubbliche… Basta.