BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Camera: Pippo Civati se ne va dal gruppo del Pd

Il varo dell'Italicum è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. E Pippo Civati, dopo numerosi maldipancia, dopo una serie di critiche aperte e chiare ma senza conseguenze, ora ha deciso: lascia il gruppo del Pd alla Camera. Lo annuncerà nel pomeriggio di mercoledì.

Più informazioni su

Il varo dell’Italicum è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. E Pippo Civati, dopo numerosi maldipancia, dopo una serie di critiche aperte e chiare ma senza conseguenze, ora ha deciso: lascia il gruppo del Pd alla Camera. Lo annuncerà nel pomeriggio di mercoledì.

Il dissidente democratico aveva dichiarato subito dopo il via libera alla nuova legge eletorale di non voler più sostenere il governo Renzi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da W le riforme

    spero che uno alla volta se ne vadano tutti : Bindi, Bersani, Cuperlo, Salvini, Brunetta, Meloni, La Russa ecc ecc tutta gente che a parte cercare voti non fanno altro.

    Bravo Renzi vai avanti dritto che forse è la volta buona che si fanno le riforme dopo più di vent’anni di compromessi politici che ci hanno portato allo sfascio

    1. Scritto da Paolo

      W le riforme pro cittadini e fatte col cervello. Non quelle pro casta e fatte col didietro. Quelle di Renzi sono pessime!

  2. Scritto da pd

    la cosa più bella è leggere gli interventi di alcuni commentatori, storicamente schierati a dx, che si atteggiano a fini intenditori politici ed ipotizzano quello che dovrebbero fare gli elettori del PD… guardacaso cambiare partito. bravi, siete credibilissimi.

  3. Scritto da Pluto

    Se ti elegge il popolo del PD e te ne vai dal PD sarebbe utile moralmente eticamente politicamente che tu dessi le dimissioni dal seggio e tornassi a dare il tuo mestiere di prima.

    1. Scritto da 035

      Il popolo del PD (ancora a guida Bersani) l’ha votato sulla base di un programma che il PD di Renzi non sta attuando, visto che realizza quello già di Berlusconi (vedi Jobs act, Italicum eccetera).
      Meglio che Civati resti in parlamento a portare avanti, se può, quelle battaglie.

  4. Scritto da sepp

    uno dei pochi lombardi del PD ad avere consensi a nord di Milano… ma al posto di fare una sana resistenza e opposizione a Maroni e alle cricche CLielline, passa il tempo a fare le pulci a Renzi… suvvia Pippo, torna a casa e lavora. A Roma come scassa-nervi non servi a nulla e fai anche una miserrima figura.

  5. Scritto da nino cortesi

    Uno onesto e se n’è andato.
    C’è da chiedersi cosa rimane del Pd considerato che hanno seppellito gli elettori.

  6. Scritto da Oscar

    Io sto con Pippo

  7. Scritto da ugo

    Meglio tardi che mai . errare e umano,avrà capito che perseverare e diabolico.

  8. Scritto da Luca Lazzaretti

    Rispetto per Civati, persona perbene. Del resto la politica è così e sarà sempre così. Non è il primo e non sarà l’ultimo che ritiene giusto cambiare.

  9. Scritto da giuseppe

    Totale e pieno appoggio a chi si è stancato di ascoltare il fanfarone toscano!

    1. Scritto da Luigi

      Credo che un onesto e libero elettore del PD, non si riconosca più per nulla nell’arrogante Renzi. Che per altro usa l’arroganza per cose praticamente inutili al Paese. La dovrebbe usare per il rilancio (serio) del lavoro, la verve e l’arroganza che usa a chiacchiere! Bravo Civati!

  10. Scritto da pluto

    Probabilmente, al pres non gli riesce di canalizzare tutto il dissenso. Differenza tra politica di destra e di sinistra (di una volta) ?. La prima è ispirata dagli interessi, la seconda dalle idealità (Norberto Bobbio)

    1. Scritto da QUiQUOQUA

      La scemenza di Bobbio dimostra solo che anche gli uomini intelligenti a volte scrivono stupidaggini. Se la politica di sinistra non è basata su interessi (di classe) è un’altra cosa, un salotto di malpancisti. Speriamo che Civati ci arrivi su!

      1. Scritto da pluto

        A me pare che la sinistra odierna, a forza di scimmiottare la destra, sia diventata destra essa stessa.

  11. Scritto da usiamo il cervello

    Penso che saranno in tanti (elettori) a lasciare il nuovo PD (Partito Democristiano). Gli onorevoli invece sono pochi, quelli tengono troppo alla cadrega (votando a favore anche quando non sono d’accordo come i nostri solerti bergamaschi). Chissà mai che siano costretti ad andare a lavorare davvero…

  12. Scritto da Alberto

    Un piccolo gesto di dignità.

  13. Scritto da maurizio

    pippo….pippo…..pippo
    quante primedonne!!!!!!!!!!

    1. Scritto da Primadonna

      Con Renzi primadonna non ce più posto per nessuno