BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ristrutturazione stadio e rinnovo dell’affitto Incontro Gori-Atalanta

Primo incontro tra Comune di Bergamo e Atalanta per ridefinire la convenzione e l'affitto dello stadio in scadenza il 30 giugno. Durante il faccia a faccia si è iniziato a parlare anche della ristrutturazione del vecchio Atleti azzurri d'Italia

Più informazioni su

La scusa era buona: discutere i lavori estivi per migliorare il vecchio “Atleti azzurri d’Italia” e dare slancio alla trattativa per il rinnovo dell’affitto in scadenza il prossimo 30 giugno. Atalanta e Comune di Bergamo però hanno due partite ben più grandi da giocare. Alle spalle c’è il contenzioso legale sui lavori da 1,5 milioni di euro pagati dalla società nerazzurra lo scorso anno e al centro di una causa intentata da Antonio Percassi poco prima delle elezioni 2014 (leggi qui). All’orizzonte invece rispunta il progetto di ristrutturazione dello stadio, unica strada rimasta dopo il fallimento della cittadella dello sport a Grumello del Piano.

Il sindaco Giorgio Gori l’aveva auspicato qualche mese fa: “Congeliamo i contenziosi e quando ci incontreremo al tavolo troveremo un modo per comporre le rispettive posizioni”. L’incontro c’è stato, qualche giorno fa, e la stretta di mano per scordarsi il passato non è arrivata, ma i toni sono molto distesi soprattutto in vista della firma della nuova convenzione.

L’Atalanta si è presentata a Palafrizzoni con la lista della spesa. In estate infatti sono previsti nuovi lavori allo stadio. Sarà migliorato l’impianto di illuminazione e relativa centrale di alimentazione, verranno ammodernate le postazioni dei telecronisti Sky ed è previsto anche un intervento alla tribuna. Costo totale: quasi due milioni di euro. Per evitare gli errori del passato l’intenzione delle due parti è di legare le spese al canone di affitto. È probabile che il Comune conceda uno sconto in virtù dei lavori che l’Atalanta si accollerà: “Stiamo ragionando su alcuni interventi richiesti dalla società e che potremmo far rientrare nella ridefinizione del convenzione – spiega l’assessore alla Riqualificazione urbana Francesco Valesini -. L’importante è parlarsi chiaro ed evitare fraintendimenti". In passato sono costati caro. Non è stato ancora risolto il contenzioso da 1,5 milioni per gli ultimi lavori fatti all’Atleti azzurri d’Italia. Il giudice per ora ha imposto all’Atalanta solo il pagamento degli affitti arretrati (regolarmente saldati), mentre non ha ancora stabilito se le spese spettano all’inquilino o al padrone di casa. Quel conto però dovrebbe essere saldato a parte, magari con un accordo (Corte dei Conti permettendo).

Il discorso sulla ristrutturazione, pur essendo alle primissime puntate, è invece iniziato. “E’ la strada che vogliamo seguire, anche perché altre sono molto difficili da intraprendere – continua Valesini -. Per ora siamo alle considerazioni generiche, ci siamo solo incontrati in via preliminare. Guardiamo ad alcune sperimentazioni, come la concessione utilizzata a Udine, per individuare il migliore percorso amministrativo”. Il sindaco Giorgio Gori invece preferisce non commentare. Ad esplicita domanda sul faccia a faccia con l’Atalanta si limita a un sorriso, segno che nelle prossime settimane potrebbe arrivare qualche sorpresa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    …l’affitto dello stadio che scenderà nuovamente al prossimo rinnovo, l’affitto del palazzetto che scenderà al prossimo rinnovo (anche questo a settembre), Percassi sponsor della Foppa, Gori salvatore della patria…..e noi paghiamo la differenza dei canoni degli affitti…. Fine. vincerà l’Oscar questo film?

  2. Scritto da Alberto

    Interessante la trama del film. L’Atalanta condannata in primo grado a risarcire a Bergamo Infrastrutture i canoni arretrati dell’affitto trattenuti per la rivendicata spesa per l’illuminazione, la squadra che fa ricorso, il contratto che scade a settembre, nel braccio di ferro i neroazzurri che chiedono sconto sull’affitto (già concesso tra l’altro durante lo scorso rinnovo), Gori che promette a Foppa aiuto per rimanere in vita, Percassi che diventa sponsor di Foppa….

  3. Scritto da Erne

    La presenza di quelle due curve orribili sono figlie di un’edilizia anni 60-70 piena di brutture e vanno assolutamente demolite. Le parti di stadio realizzate negli anni 20 sono assolutamente da conservare. Certo che non c’è zona della città dove gli abitanti si lamentano. O c’è l’aeroporto, o c’è la movida, o non c’è nessuna movida, o ci sono troppi extracomunitari o c’è troppo traffico o c’è troppo spaccio o troppo furti o troppi kebab o troppe slot o poco verde o ci sono gli ultras

  4. Scritto da pina

    Costruiamo lo stadio dell’atalanta a Clusone

  5. Scritto da sepp

    passi da lumaca di chi di fatto non vuole cambiare nulla. I tifosi dovrebbero boicottare in massa gli abbonamenti, poi vedi come si affrettano i due signorini in questione….

  6. Scritto da Kurz

    Il problema è : Tre interi quartieri, Conca Fiorita, Borgo Santa Caterina e Redona, sono investiti ogni due settimane da rumorose orde di tifosi non sempre civili, che parcheggiano davanti ai cancelli, sulle aiuole, in mezzo alle strade, lasciando a terra alla fine di ogni partita bottiglie e altro sudiciume. Contano di più 22 calciatori, un pallone e i tifosi non sempre corretti e tranquilli, o le migliaia di residenti intrappolati?

    1. Scritto da Daniele

      Studio questi fenomeni da diversi anni. I casi studio in inghilterra e germania, dimostrano come uno stadio può veramente cambiare il volto della città. Introiti maggiori (2,3 volte tanto), controlli e misure di sicurezza maggiori. Se pensato bene, fidati, può essere un gioiellino dentro e per la città
      Certo, qualsiasi cosa darà fastidio a qualcuno, sempre, ma finchè si continua a guardare esclusivamente al proprio orticello nulla di nuovo verrà fatto in città, nemmeno un marciapiede.

    2. Scritto da poeret

      ogni due settimaneeeeeeeeeeeeee…poverino, e magari per quasi 3/4 ore?! azz.. ripoverinoooooooooooooooo.
      Per la cronaca la metà dei quartieri da Lei elencati sono sotto area ZTL quindi non vedo dove possano essere parcheggiate le auto citate, per le altre (visto gli incivili esistono concordo) non dia la colpa all’Atalanta ma a chi non svolge il proprio lavoro (comune, vigili e affini) naturalmente chiedo stesso comportamento anche non i nquelle 3/4 ore ogni 15 gg

    3. Scritto da Che noia

      Lo stadio c’è da quasi cento anni quindi il suo intervento è inutile…i residenti ci dovevano pensare prima di acquistare casa!!!!!!!!!!

      1. Scritto da Kurz

        …è vero, i miei nonni avevano “fatto l’errore” di comprare un appartamento dalle parti dello stadio negli anni ’30, visto che la Maresana era ancora tagliata fuori dal mondo per chi non aveva auto o moto. Abbiamo la sfortuna di abitare qui da tre generazioni, ma i giovincelli che invitano al trasloco dei residenti, magari a basso reddito come il sottoscritto, dovrebbero vergognarsi di fare certe affermazioni. Forse il calcio oscura le menti?

        1. Scritto da sergì

          quelli come te ovunque andranno troveranno qualcosa che non va bene, quindi adeguati che per due volte al mese non cade il mondo! mio nonno ha la mente più aperta di te..

      2. Scritto da gaaren

        anche il costo delle case in questi quartieri e’ legato alla presenza dello stadio..chi vuole le ville vada in maresana!

  7. Scritto da nico

    …qualsiasi progetto o progettino non dovrà e non potrà prescindere dalla contestuale attivazione delle linea TRAM e relativa fermata dietro alla Nord. Se Percassi si impegnerà in tal senso vedrà che otterrà tutti gli sconti sul canone che vuole…

  8. Scritto da gigi

    Considerando gli spazi vuoti specialmente in curva sud sarebbe opportuno ridurre la capienza a max 16-18 mila persone.

    1. Scritto da Erne

      Gli spazi vuoti sono dovuti alla fatiscenza dello stadio. Non certo per la poca passione per la squadra

  9. Scritto da Micio

    Cosa aspettano a rifare le due curve stile Cesena o Marassi ?

  10. Scritto da greatguy

    Valesini:”Per ora siamo alle considerazioni generiche” con calma mi raccomando sono solo 30 anni che ne stiamo parlando…che fretta c’è???

    1. Scritto da Dario

      In due si fanno gli affari, in due si fanno le croci. Fino ad oggi chi ha sollecitato la ristrutturazione con concessione (modello Udine) è stato il Comune. Quindi le “considerazioni generiche” e la conseguente calma è forse frutto di considerazioni altrui. Non c’è niente di male, anzi quando uno ci mette i soldi deve ponderare bene le cose, ma non correre subito a dare la colpa a chi non ne ha.