BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Primo Maggio: il rilancio dell’economia per sanare disuguaglianze e povertà

Cgil, Cisl e Uil, con molti lavoratori come sempre hanno celebrato il Primo Maggio a Bergamo. Dal palco il ricordo di Marco Cicerone

Più informazioni su

La tradizionale “folla” con bandiere e striscioni: anche venerdì migliaia di persone hanno composto il lungo corteo che ha attraversato il centro di Bergamo per la Festa del Primo Maggio, organizzata da Cgil, Cisl e Uil e seguita da altrettanti “spettatori” che hanno accompagnato dai marciapiedi la colorata sfilata dei sindcati.

“Il Primo Maggio dovrebbe costituire un momento di festa. Purtroppo non è così, non lo è per tutti – ha dichiarato Marco Bentivogli, segretario generale Fim Cisl -. Proprio nel giorno in cui si apre l’Expo, l’Italia del lavoro è ancora ferita da una crisi interminabile: Tenaris-Dalmine, Stefana, Whirlpool, Alcoa, Firema, Jabil, Alcatel, Ilva, Micron, solo per citare alcune delle aziende per le quali ancora va trovata una soluzione. Per far ripartire l’Italia, bisogna far partire l’industria: dopo la legge elettorale ci aspettiamo che il governo metta in testa alle sue priorità il rilancio dell’economia in un paese in cui continuano a crescere disuguaglianze e povertà”.

Così Bentivogli ha concluso il comizio, iniziato con un commosso ricordo di Marco Cicerone, il segretario della Uil scomparso un mese fa per una malattia incurabile.

A Bergamo nel 2014 sono stati 9.300 i posti di lavoro persi per licenziamenti collettivi, e oltre 17.000 lavoratori sono stati coinvolti da Cassa integrazione.

Negli ultimi mesi ci sono segnali di allentamento degli ammortizzatori, “ma non possiamo adagiarci e ritenere superata la crisi – ha detto Bentivogli. C’è ancora molto da fare. La Cassa in deroga cala per la riduzione dei finanziamenti e dobbiamo rafforzare le tutele nelle piccole aziende per impedire che ciò si trasformi in licenziamenti”.

E i licenziamenti collettivi totalizzati in questi primi mesi sono quasi 800. A tal proposito, Amerigo Cortinovis, a nome di Cgil, Cisl e Uil della provincia, ha voluto ricordare che i sindacati bergamaschi “hanno preparato proposte unitarie per il rilancio del territorio. Come allargare il tavolo del Modello Bergamo a Comune, provincia e Camera di commercio, per coinvolgere tutti gli attori pubblci e privati per poter elaborare una visione comune per le prospettive future. Chiediamo una politica di sostegno in investimenti e infrastrutture utilizzando risorse straordinarie che provengono dall’allentamento delle politiche economiche di UE e dalla modifica del patto di stabilità che limita i comuni nel garantire opere pubbliche e sostenere lo stato sociale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.