BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

M5S Dalmine: “No slot, no coerenza da parte dell’amministrazione”

Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Manuel Steffenoni critica l'atteggiamento dell'amministrazione di Dalmine che ha deciso di non riservare gli sgravi fiscali (dedicati a chi decide di dismettere le slot machine) anche ai bar che si erano già liberati delle “macchinette”.

Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Manuel Steffenoni critica l’atteggiamento dell’amministrazione di Dalmine che ha deciso di non riservare gli sgravi fiscali (dedicati a chi decide di dismettere le slot machine) anche ai bar che si erano già liberati delle “macchinette”. In questo modo, secondo il Movimento 5 Stelle, non viene premiato che aveva già scelto di rinunciare agli incassi delle slot.

“Due cenni storici per fare chiarezza – spiega Steffenoni -. Il 22 settembre viene approvata all’unanimità la mozione presentata da Movimento 5 Stelle, Nostra Dalmine e Patto Civico con la quale si chiedeva di inserire sgravi fiscali a tutti quegli esercenti che non possiedono o che dismetteranno slot machine o video poker. Giovedì 23 Aprile, nella 1^ commissione, ci viene presentato il regolamento della TARI modificato e che prevede lo sgravio fiscale solo a chi dismetterà slot e video poker escludendo chi già le aveva dismesse o mai possedute. Lunedì 27 aprile, durante il consiglio comunale, ho chiesto che venisse ritirato il pacchetto di provvedimenti sulla TARI e che fosse riportato in commissione per lavorare sulle coperture finanziarie da utilizzare per sgravare fiscalmente anche coloro che l’amministrazione aveva volutamente escluso come sopra descritto. Ora crediamo sia giunta l’ora di smetterla con questi giochetti per lanciare messaggi tendenziosi alla cittadinanza.  La storia sopra citata è chiara e lampante; siamo sempre stati aperti al dialogo e pronti a lavorare per il bene dei dalminesi dimostrandolo con le proposte portate in Consiglio comunale ma non tolleriamo che si voglia far passare per irresponsabili chi, fino ad ora, è stato fin troppo responsabile e soprattutto coerente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.