BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La carica dei cantieri” In provincia di Bergamo opere per 130 milioni

E' stata presentata dall’Ance e consegnata al Governo, nel corso dell’evento “La carica dei 5mila cantieri per far ripartire l’Italia”, la piattaforma di opere rapidamente cantierabili frutto della ricognizione del sistema associativo su tutto il territorio nazionale.

Più informazioni su

E’ stata presentata dall’Ance e consegnata al Governo, nel corso dell’evento “La carica dei 5mila cantieri per far ripartire l’Italia”, la piattaforma di opere rapidamente cantierabili frutto della ricognizione del sistema associativo su tutto il territorio nazionale. Un intenso lavoro, avviato d’accordo con il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e grazie alla collaborazione delle amministrazioni locali, che ha consentito, di mettere a punto un piano di più di 5mila progetti diffusi in tutto il Paese, per complessivi 10 miliardi di euro.

Opere fondamentali per la sicurezza delle città e il miglioramento della qualità della vita. In testa alle segnalazioni ci sono, infatti, interventi su edifici scolastici (20%), opere di riqualificazione urbana (16%), manutenzione delle strade (13%) e contro il rischio idrogeologico (13%). Tutti interventi che non possono essere rimandati, come emerge anche dalle cronache degli ultimi giorni che hanno messo ancora una volta in luce la fragilità del Paese. In Lombardia, sono stati individuati 433 progetti (8% del totale del piano) per circa 307 milioni di euro.

In Provincia di Bergamo si tratta di un totale di circa 130 milioni di euro per progetti richiesti da ben 63 enti. “Con questo piano è possibile centrare un doppio obiettivo, ovvero soddisfare le esigenze dei cittadini e svolgere un immediato ruolo anticiclico. Buona parte degli interventi segnalati sono, infatti, già in avanzato stato progettuale, quindi pronti a diventare cantieri in tempi rapidissimi, dando un impulso positivo all’economia e al lavoro”. – ha dichiarato il Presidente di Ance Bergamo Ottorino Bettineschi, presente oggi all’iniziativa dell’Ance nazionale. – “Peraltro, come è evidente dall’elenco delle opere, molti lavori riguardano operazioni di protezione e messa in sicurezza del suolo sul fronte del dissesto idrogeologico che nella nostra provincia lo scorso anno ha procurato notevoli danni, in particolare nel periodo estivo. A livello meteorologico, le precipitazioni definite come “bombe d’acqua” sono e saranno sempre più frequenti: la possibilità di procedere velocemente con le cantierizzazioni serve proprio ad evitare che si ritorni a parlare di dissesto solo dopo una triste conta dei danni, quando la prevenzione è possibile e a questo punto necessaria”.

LE OPERE CANTIERABILI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luigi

    Insomma, se non si fa nulla perché non si fa nulla. Se investono, mi mangiano i soldi… deciditi… oppure aspetta Salvini! Lui si che ne ha di idee!

  2. Scritto da rino

    staremo a vedere? basta tasse sui poveri martiri lavoratori? qui non c’è più trippa per gatti

  3. Scritto da pablo

    eeeeehhhh?

  4. Scritto da il polemico

    prima il pd per far ripartire l’edilizia approva una riduzione delle tasse di acquisto del 20%,dopo avere triplicato l’imu,che si mangia il risparmio in 2-3 anni,infatti nessuno ha abboccato,ora si cerca di dare lavoro nel pubblico,quindi lo stato dovrebbe scucire 10 miliardi che reperirà con qualche altro aumento,visto che non può far pagare l’imu su una strada che farà costruire o sistemare.se si vuole rilanciare l’edilizia,si deve riportare il mattone a un investimento,e non un debito