BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Garavaglia: “La Lombardia sarà l’unica a sopravvivere alla mannaia di Renzi”

“La Regione Lombardia sarà l'unica a sopravvivere alla mannaia di Renzi”. Dopo aver raggiunto l'accordo per permettere alle Province di arrivare (forse) alla fine dell'anno, l'assessore regionale Massimo Garavaglia guarda in casa propria. Lo fa con preoccupazione, consapevole che i tagli incidono in maniera pesante anche sul bilancio di Palazzo Lombardia così come su quello di tutti gli altri enti locali.

“La Regione Lombardia sarà l’unica a sopravvivere alla mannaia di Renzi”. Dopo aver raggiunto l’accordo per permettere alle Province di arrivare (forse) alla fine dell’anno, l’assessore regionale Massimo Garavaglia guarda in casa propria. Lo fa con preoccupazione, consapevole che i tagli incidono in maniera pesante anche sul bilancio di Palazzo Lombardia così come su quello di tutti gli altri enti locali. Se n’è parlato martedì sera durante il dibattito organizzato alla festa della Lega Nord di Zanica sul futuro delle Province. Sul palco, oltre a Garavaglia, il presidente di via Tasso Matteo Rossi, il consigliere regionale del M5S Dario Violi, il consigliere provinciale delegato all’Urbanistica Jonathan Lobati e il capogruppo del Carroccio Gianfranco Masper. Un confronto vivace sul ruolo delle Province, svuotate dalla legge di stabilità, ma anche con un occhio alla Regione. “Io il bilancio dello Stato l’ho guardato bene, secondo me non sta in piedi – spiega Garavaglia – anche la relazione della Corte dei Conti sarebbe da leggere, perché evidenzia una serie di incredibili provvedimenti. Promettono di tagliare ai ministeri e non lo fanno mai. Poi chiudono i rubinetti agli enti locali perché è il modo più facile di trovare soldi. La realtà è che la Lombardia ce la farà, mentre le altre Regioni non sopravviveranno”.

E le Province invece sopravviveranno? “Noi ce la stiamo mettendo tutta – spiega Matteo Rossi -. Una riforma era necessaria e in questo senso secondo me la Delrio poteva essere un’occasione. Il problema è che la legge di Stabilità vanifica tutti gli sforzi. Con questi tagli il cambiamento è non è sostenibile economicamente. Stiamo cercando di capire cosa poter gestire, con quali soldi e con quali dipendenti. A questo punto il governo si prenda la gestione delle strade e delle scuole così ci devono mettere loro le risorse”.

L’unico favorevole all’abolizione è Dario Violi, Movimento 5 Stelle: “Certo, perché queste Province sono solo il mantenimento di poltrone e favori. E per di più viene deciso tutto dalle segreterie dei partiti senza nemmeno il voto dei cittadini”.

Gianfranco Masper, Lega Nord, continua anche dal palco la battaglia che sta portando avanti in Consiglio provinciale: “La verità è che il governo ci chiede 18,2 milioni di euro e noi andremo ad approvare un bilancio in cui si dichiara il fallimento della Provincia di Bergamo”.

Jonathan Lobati, Forza Italia, è più ottimista: “Nonostante la situazione sia molto difficile e complessa soprattutto a livello economico bisogna continuare a lottare perché la Provincia non è un ente astratto ma fa parte del tessuto sociale della Bergamasca. Bisogna ricordare che le scuole dove vanno a studiare i nostro figli sono gestite dalla Provincia e tutti passiamo sui 1300 chilometri di strade gestiti da via Tasso”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Miki

    Finchè ci saranno persone che antepongono lo spianare i campi rom al tenersi i soldi (maroni 75%,yuhuu) nelle regioni del Nord potete pure prendere per il naso quei 4 sprovveduti che vi votano ancora ma la ragione fondante per cui era nato un partito territoriale,del Nord appunto,l’avete messa nel cassetto. Quindi poche chiacchiere:Renzi è solo l’ennesimo omino del sistema democristian-mafioso del belpaese (belpaese?). Ma tanto oggi voi parlate di rom e coppie omo.

  2. Scritto da il polemico

    nessuna nazione si preoccupa del proprio debito pubblico,visto che nessuna è in grado di pargarselo,però incredibilmente queste nazioni hanno la pretesa che le alre nazioni si impegnino a pagarlo o ridurlo drasticamente,tipo con la grecia.ora praticare l’austerity che sta facendo fallire tutto il sistema,e senza nemmeno fiatare,perchè l’unico che ha obbiettato in questi anni è stato scalzato dal partito che ora obbedisce solo alla ue….sarà sempre peggio

  3. Scritto da Alberto

    Cosa volete, queste sono le riforme a capocchia promesse dal pentolaio all’europa delle banche e al FMI per garantire il pagamento degli interessi sul debito alle banche estere. Non pretenderete pure che possano rappresentare un miglioramento per la vita dei cittadini? E avanti con le prossime “riforme”…

  4. Scritto da Paolo

    Per le scuole e per le strade la Provincia cosa ha fatto negli ultimi tanti anni ? Le strade provinciali sono un groviera incredibile e …. per le scuole ?

    1. Scritto da + verande x tutti

      I soldi per i lavori delle strade e delle scuole la provincia di Bergamo li aveva. Non li ha potuti spendere per la riforma della legge di stupidità fatta da montilettarenzi. Quindi la colpa è del governo dei non eletti, non alla provincia di Bergamo.

      1. Scritto da +quotelattextutti

        Perchè insisti con queste incommensurabili , cosmiche menzogne e sciocchezze ? Il patto di stabilità c’è sempre stato con la LEGA e Il PDL al GOVERNO . Ci sei o ci fai ? La Provincia di bergamo di legaiola memoria avrà fatto altro (!!??) ma di sicuro la manutenzione delle strade e delle scuole l’ha lasciata ai posteri .

    2. Scritto da Sandro

      E la sanità? Con tutti sti cup megatecnologici tempi indecenti per prestazioni e visite. Praticamente si è obbligati ad andare in privato. Vergogna, pensando che in regione hanno succhiato 12 mila euro al mese anche Trota, Minetti e tutti gli altri, per ridurci così