BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Reporter aggredito, a Treviglio manifestazione per la libertà di stampa

L'assessore regionale a Mobilità e Infrastrutture Alessandro Sorte ha deciso di organizzare una manifestazione, in programma lunedì 4 maggio nell'auditorium della biblioteca di Treviglio, per la libertà di stampa.

Istituzioni, partiti e forze dell’ordine uniti per la libertà di stampa. I fatti: il reporter di Treviglio Tv Emilio Zanenga fila la contestazione al sindaco Beppe Pezzoni durante la cerimonia del 25 aprile. In serata due esponenti della frangia degli antagonisti si presenta sotto casa del blogger e lo aggrediscono: gli viene rifilato un pugno e finisce dentro una siepe. Nella giornata di domenica arrivano moltissime prese di posizione da parte di istituzioni e partiti politici. E’ per questo motivo che l’assessore regionale a Mobilità e Infrastrutture Alessandro Sorte ha deciso di organizzare una manifestazione, in programma lunedì 4 maggio, ore 18, nell’auditorium della biblioteca.

Parteciperanno giornalisti di tutte le testate bergamasche, istituzioni e forze dell’ordine. "L’aggressione a Emy Zanenga è un fatto gravissimo e che non deve più ripetersi – commenta l’assessore eegionale -. E’ quindi nostro dovere unirci tutti sotto lo stesso tetto per tutelare la libertà di stampa che è il sale della democrazia e bene prezioso da difendere a prescindere dall’appartenenza politica".

Anche Erik Molteni, segretario trevigliese del Pd, condanna l’accaduto:"Esprimo vicinanza e solidarietà a Emy Zanenga, a titolo personale e a nome del Circolo PD di Treviglio, come amico e come esponente politico – spiega -. In attesa che le forze dell’ordine facciano piena luce sui responsabili, condanniamo senza appello un episodio che si squalifica da sé, per la violenza gratuita e per l’inciviltà con cui si è contraddistinto. In una ricorrenza che ci ricorda l’importanza di un valore assoluto come la libertà, in tutte le sue declinazioni, un fatto del genere ci riporta alla memoria periodi bui e tragici, di cui facciamo volentieri a meno. Un antipasto poco piacevole lo avevamo avuto in mattinata, in occasione della commemorazione per il 25 aprile, quando al Sindaco Beppe Pezzoni è stato sostanzialmente impedito di fare il discorso commemorativo della ricorrenza. Purtroppo la giornata si è poi conclusa con un gesto ancora più grave. Ci auguriamo di non doverci più trovare in futuro a commentare gesti di questo tipo, che nulla hanno a che vedere con il confronto civile. Piena solidarietà a Emy Zanenga, al sindaco Beppe Pezzoni e a tutti i rappresentanti delle associazioni dei combattenti e dell’Anpi, che hanno visto rovinata la manifestazione del 25 aprile".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaetano Bresci

    per contrastare l’immensa mole di ipocrisia che si sversa nelle ricorrenze ufficiali in occasione del 25 aprile occorre essere un tantino più attenti a dosare la rabbia per non prestare il fianco ai mestatori di inciucisti come quello di cui sopra, più cervello, compagni, e meno muscoli.

  2. Scritto da + verande x tutti

    Il problema è che questa gente rimane colpevolmente impunita e crede quindi di aver ragione ad usare la violenza contro chi non la pensa come loro. Assomigliano sempre di più a quelli dell’isis.