BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cellula terroristica, al via gli interrogatori degli arrestati

Iniziano gli interrogatori dei dieci arrestati dalla Digos di Sassari che facevano parte di una cellula terroristica legata ad Al Qaeda che aveva al vertice il capo della comunità pakistana di Olbia, Sultan Wali Khan, e l'imam di Bergamo e Brescia Hafiz Muhammad Zulkifal.

Più informazioni su

Iniziano gli interrogatori dei dieci arrestati dalla Digos di Sassari che facevano parte di una cellula terroristica legata ad Al Qaeda che aveva al vertice il capo della comunità pakistana di Olbia, Sultan Wali Khan, e l’imam di Bergamo e Brescia Hafiz Muhammad Zulkifal. I dieci pakistani e afghani sono accusati a vario titolo di strage, associazione a delinquere finalizzata al terrorismo e all’immigrazione clandestina. Il pubblico ministero Danilo Tronci e il gip Giorgio Altieri, che ha firmato le ordinanze di custodia cautelare, sono a Foggia per interrogare uno dei dieci, Yahya Khan Ridi, di 37 anni, arrestato nella cittadina pugliese. E’ solo il primo degli interrogatori che proseguiranno nel corso della prossima settimana.   

Gli attentati contestati all’organizzazione Intanto emergono nuovi particolari nell’inchiesta. Nelle pagine dell’ordinanza sono elencati tutti gli attentati commessi dall’organizzazione. Viene contestato all’imam di Bergamo, al capo spirituale della comunità pakistana a Olbia, a Niaz Mir, il 41enne pakistano arrestato a Roma, e proprio al 37enne rintracciato in Puglia che verrà interrogato, di aver concorso nell’organizzazione e nell’esecuzione oltre dell’attentato del 28 ottobre del 2009 al mercato di Peshawar, che costò la vita a cento persone, di un’altra strage l’11 marzo 2011 nel mercato di Dera Murad Jamali, in Pakistan, che provocò la morte di tre persone e il ferimento di altre 25, fra cui alcuni agenti di polizia impegnati nella scorta di un convoglio di un’azienda petrolifera. Operazioni terroristiche in tutto il Pakistan Contestato anche il sabotaggio, con una bomba, delle linee elettriche pakistane in Quetta, Beluchistan e Khyber Pakhtunkhwa il 14  e 15 agosto 2011. Ma l’elenco prosegue: un attentato ai danni di un’auto della polizia pakistana a Bakra Mandi in cui un agente morì e un altro rimase ferito, il 12 novembre 2011; l’attentato lo stesso giorno a Bannu ai danni di una scuola femminile in cui rimase ferita una donna; il sequestro e l’omicidio di quattro membri dell’apparato di sicurezza pakistano a Pir Chanbal, sempre il 12 novembre 2011, e infine un altro attentato ai danni di un veicolo della polizia pakistana a Charsada lo stesso giorno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.