BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Pd replica a Malanchini: “Lega esiste grazie a chi ha combattuto per libertà”

Il segretario provinciale del Partito democratico Gabriele Riva replica alle dichiarazioni del sindaco di Spirano Giovanni Malanchini che nel suo Comune non festeggerà il 25 aprile. “Un giorno come un altro” - ha detto il primo cittadino leghista del 70esimo anniversario della Liberazione.

Più informazioni su

Il segretario provinciale del Partito democratico Gabriele Riva replica alle dichiarazioni del sindaco di Spirano Giovanni Malanchini che nel suo Comune non festeggerà il 25 aprile. “Un giorno come un altro” – ha detto il primo cittadino leghista del 70esimo anniversario della Liberazione.

Ecco la replica di Riva:

Il sindaco di Spirano, e coordinatore dei sindaci leghisti, Giovanni Malanchini annuncia che il 25 Aprile nel suo comune non sarà celebrato perché, spiega lui, “è un giorno come un altro”, senza nulla di particolare da festeggiare. Decisione legittima, ma vogliamo ricordare a Malanchini che proprio grazie a chi ha combattuto in montagna e nelle città per un’Italia libera Spirano ha un sindaco, e non un podestà. E che ogni sindaco, a differenza del podestà, può fare le proprie scelte (compresa quella di non festeggiare la Liberazione) di cui dovrà rispondere solo ai propri cittadini nel corso di regolari e democratiche elezioni.

Resta da capire da cosa nasce questa allergia che almeno una parte della Lega, e del centro destra in generale, prova nei confronti della Resistenza. Qualcuno rimpiange le SS, le leggi razziali, la guerra e le camicie nere con il manganello e l’olio di ricino? Noi speriamo di no.

Il 25 Aprile è una “festa rossa”? Chi lo pensa forse a scuola durante l’ora di Storia era distratto, e non sa che nelle file dei partigiani c’erano sì comunisti, socialisti e anarchici, ma anche cattolici, liberali, repubblicani e perfino monarchici. Ragazzi e ragazze, uomini e donne che hanno rischiato la vita o l’hanno persa per permettere alla nostra democrazia e ad ogni partito, anche alla Lega, di esistere.

La Resistenza e la Liberazione sono e dovrebbero essere la festa di tutti.

Noi in piazza ci saremo. Buon 25 Aprile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ginevra

    “Lega esiste grazie a chi ha combattuto per la libertà” cioè agli amerikani che i kompagnucci hanno sempre odiato. Se fosse stato per i compagni, il PCI oggi PD e la loro Resistenza, a quest’ora saremmo un paese ex sovietico….

  2. Scritto da alessandro borgo

    Anche in unione sovietica c’è democrazia mentre qui all’ombra del principato vaticano ho i miei dubbi.

  3. Scritto da andrea

    Incredibile il livello di imbarbariemento in cui sta cadendo il Paese. Sono allibito

  4. Scritto da Daniele Perotti

    Ha ragione il Sig. Riva, i partigiani hanno combattuto anche per consentire agli incolti di dire sciocchezze. Si chiama libertà.

  5. Scritto da Ma va?

    La Lega esiste per colpa di Garibaldi, per colpa di chi indossava camicie rosse allora e di chi le indossa oggi. Senza di essi, senza l’Italia, non ci sarebbe stata neanche la Lega.
    Nemici giurati della Lega, contribuite a pensionare l’Italia e a fondare la Padania ed il vostro problema sarà risolto.

    1. Scritto da Asdrubale

      Cos’è la padania ?

  6. Scritto da giorgio

    Pur dopo 70 anni ritengo giusto ricordare la fine di una dittatura. Ma con sobrietà e senza la solita partigianeria dura e pura, che vede il nazifascismo anche nel tubetto di un dentifricio… Certa gente, se in un futuro speriamo irrealizzabile ci capiterà di finire sotto altri tipi di dittatura, continuerà a parlare del pericolo fascista..

    1. Scritto da Walter

      Certo che scrivere di non fare”partigianeria”per la festa della Liberazione…

  7. Scritto da memoria distorta

    Il problema è che da 70 anni la sinistra continua a sdoganare il 25 aprile come festa “CONTRO” l’avversario politico di turno. Che naturalmente se non la pensa come loro è un fascista…..

    1. Scritto da Bill

      “Contro” sono i nazifascisti . Adesso, dopo che l’hai letto , rifletti e prova a rileggerti.

    2. Scritto da pablo

      mavalah! la resistenza va ricordata e basta… farne uno scontro politico è una barzelletta e, visto l’atteggiamento di alcuni amministratori leghisti, non è raccontata solo dalla sinistra…

  8. Scritto da malanchini (?!?)

    Perchè replicare a malanchini ? Che senso ha ?

  9. Scritto da Luca Lazzaretti

    Certo che dover rispondere a persone tipo il sindaco di Spirano…chissà se ha mai letto il libro “lettere di condannati a morte della resistenza italiana” ed Einaudi. Forse potrebbe ancora provare un po’di vergogna per i giudizi sprezzanti e, passatemi il termine, volgari sul 25 aprile.

  10. Scritto da !

    E quelli del Partito D’Azione…?! Sbadatello senza Memoria.

    1. Scritto da giggi

      comunisti, socialisti e anarchici, ma anche cattolici, liberali, repubblicani e perfino monarchici… ci sono dentro anche quelli del pda, no? i repubblicani non sono discendenti diretti?

  11. Scritto da MAURIZIO

    Tema e retorica del tutto inutili e inconcludenti. Ottimi però per i partiti politici fermi, appunto, a 70 anni fa. Non vale nemmeno la pena di ribattere.

    1. Scritto da giggi

      pensa a quello fermo alla repubblica veneta!

    2. Scritto da Groucho

      Esatto, non vale nemmeno la pena di ribattere…. a quelli come te.

      1. Scritto da MAURIZIO

        Detto da uno come lei è un complimento.

  12. Scritto da Magister

    Grande rispetto per chi ha pagato con la vita la conquista di cosi alti valori, dubbi su chi commemora, si va sotto al monumento per usare il coraggio che altri hanno avuto e darsi un tono o si ha il coraggio come chi si ricorda di opporsi alle ingiustizie? Mi pare che molti tornati alla vita normale non abbiano questo coraggio nemmeno di fronte alle più evidenti o banali storture e si adeguino al tran tran che sia politico o della vita, spesso in gruppo dentro un partito.