BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Via al progetto Emporio: volontari del Sebino uniti contro le nuove povertà

Nell’Alto Sbino prende il via “L’Emporio”, progetto che ha l’obiettivo di unire le diverse realtà di volontariato operanti sul territorio. Tali associazioni si occupano principalmente della distribuzione di beni di prima necessità a favore di individui e famiglie in contatto con gli assistenti sociali dei vari comuni.

È stato presentato alla stampa il progetto “L’Emporio”, che ha ricevuto il pieno riconoscimento da parte dell’assemblea distrettuale dei sindaci dell’Alto Sebino lo scorso 29 marzo, presieduta dal sindaco di Lovere Giovanni Guizzetti.

“L’Emporio” è un progetto finanziato dal Bando volontariato 2014, della durata di un anno, che ha l’obiettivo di unire le diverse realtà di volontariato operanti sul territorio dell’Alto Sebino. Tali associazioni si occupano principalmente della distribuzione di beni di prima necessità a favore di individui e famiglie in contatto con gli assistenti sociali dei vari comuni poiché si trovano in condizioni di momentanea fragilità.

L’incontro di queste realtà favorisce la creazione di rete di prossimità e di automutualità.

Fulcro del progetto è la concertazione di 6 punti Emporio, alcuni già esistenti ed altri nuovi, che si occuperanno della distribuzione dei pacchi alimentari, con l’Ufficio di Piano Alto Sebino e i 10 Comuni del territorio. I punti Emporio sono: Avae Lovere, Volontari Sovere, Costanti&Volontari di Costa Volpino, Cif / Caritas Rogno, An-nur Alto Sebino, Nuovo punto “in Collina”. Fanno altresì parte di questa rete i Frati Cappuccini di Lovere.

Va sottolineato che il sistema messo in atto prevede inoltre l’utilizzo del web e di strumentazioni informatiche, che consentiranno il monitoraggio e l’equa razionalizzazione delle risorse, frutto dell’opera di sensibilizzazione e di promozione che le associazione metteranno in atto. Il progetto prevede anche l’annuale raccolta fondi con la collaborazione di scuole, di parrocchie e di grandi e piccole aziende che si occupano della distribuzione alimentare. Non mancheranno momenti di formazione e di aggregazione per i volontari.

La festa del volontariato dell’Alto Sebino sarà il momento in cui le associazioni saranno chiamate a partecipare con stand e gazebo, nella splendida cornice del lungolago di Lovere, per presentarsi e dare colore ad un’attività, quella del volontariato, che tendenzialmente opera in prima linea, ma “dietro le quinte” in quanto consapevole che la dignità umana e la riservatezza hanno sempre la precedenza su tutto e vanno tutelate.

Ultimo ma non meno importante: il progetto è limitato nel tempo: ha una scadenza! Tuttavia i promotori considerano la realizzazione del progetto Emporio il primo passo di un’attività che potrà svilupparsi ulteriormente in futuro, se sarà sostenuta anche dalle amministrazioni; le associazioni sono convinte che grazie alla collaborazione delle associazioni di volontariato con i servizi sociali e i comuni in un’ottica di razionalizzazione e incremento delle risorse sarà possibile trasformare “L’Emporio” in una reale politica sociale per l’Alto Sebino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.