BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tutti invitati alla nuova, indimenticabile avventura di Mauro Corona

Mauro Corona accompagnerà il pubblico della Fiera dei Librai in un viaggio tra “I misteri della montagna” mercoledì 22 aprile al Teatro Donizetti, in compagnia di Tatiana Bertera, giornalista e blogger, che modera l’incontro.

“Chi ci sarà lassù? Vi abita qualcuno? E, se esiste, come sarà fatto? Nei boschi, tra le rocce, dentro l’alba, sotto le foglie, sulle cime. Lì dormono i segreti della montagna.” È Mauro Corona ad accompagnarci in un indimenticabile viaggio tra “I misteri della montagna” mercoledì 22 aprile alle 21 al Teatro Donizetti, in compagnia di Tatiana Bertera, giornalista e blogger, che modera l’incontro.

Non tutti hanno la fortuna di comprendere fino infondo i segreti della natura. Vedono le montagne come blocchi turriti, pilastri di roccia scabri e senza valore, ammassi di pietre inutili sorti qua e là per capriccio del tempo. Ma basta alzare lo sguardo ed essere sovrastati dall’imponenza del mare verticale, con i suoi milioni di granelli di sabbia, per sentire nascere lo stupore.

Lo stupore che genera domande. E Mauro Corona, con tutto il suo estro, ci esorta a giocare con il rimbalzo dell’eco, che vuole sempre l’ultima parola, ad ascoltare la voce del vento, che non sapremo mai da dove nasce. Ci conduce lungo i ruscelli per spiare le ninfe dai lunghi capelli d’acqua, ci indica il sentiero per raggiungere il grande abete bianco – adagiando l’orecchio al tronco, sentiremo il suo cuore battere. E se, in solitudine, saremo capaci di avvertire le presenze nascoste nel buio, avremo fatto il passo decisivo per capire che inseguire i segreti della montagna non vuol dire nient’altro che ricercare se stessi, andando alle origini delle proprie paure. Il tempo delle curiosità non ha scadenza, dobbiamo solo farci trovare pronti per questa nuova, indimenticabile, avventura.

L’ingresso al Teatro Donizetti è gratuito

La prenotazione e il ritiro biglietti è presso le casse della Fiera dei Librai.

Di Tiziano Fratus, poeta e scrittore che intorno alla bellezza della natura ha costruito la cifra della sua creatività, è invece “Il libro delle foreste scolpite” presentato dall’autore sempre mercoledì 22 aprile alle 18.30 al Fuori Domus. Introduce Gabriele Rinaldi, direttore dell’Orto Botanico di Bergamo “Lorenzo Rota”.

Il libro delle foreste scolpite è un viaggio nel tempo alla scoperta di sé scandagliando quei luoghi dove le conifere resistono alle avversità d’un ambiente estremo e d’una terra rocciosa, là dove il resto dei viventi ha smesso di sopravvivere. Lariceti, pinete e cembrete dispersi fra quota 1900 e 2200 lungo l’arco alpino, ma anche le cortecce contorte e scolpite dei pini loricati che abitano le creste del Massiccio del Pollino, fra Calabria e Basilicata. E, infine, i pini longevi o Bristlecone Pines sulle Montagne Bianche in California, fra quota 3000 e 3900 metri, gli esemplari più antichi del pianeta (oltre 5000 anni).

Un viaggio in paesaggi lunari dove la vita cerca a suo modo la strada per l’eternità. Luoghi dove l’anima si riveste di radici, di sogni, d’immaginazione. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luis

    Ho letto tutti i libri di Corona, artigiano sincero e pulito della scrittura e della scultura che ci ha regalato capolavori con “l’ombra del bastone” e “il canto delle manere”, ma i gli ultimi libri sono ormai piuttosto scontati e ripetitivi, bisogna ammetterlo onestamente, definizioni come “indimenticabile avventura” sanno solo di pubblicità.

  2. Scritto da Tino

    Mauro sei un GRANDEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE