BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il sindaco di Spirano: “Il 25 aprile non si fa nulla, è un giorno come un altro”

“Cosa si fa a Spirano il 25 aprile? Niente”. Si avvicina la festa della liberazione dal nazifascismo, un appuntamento storico per tutta Italia, a maggior ragione quest'anno in occasione del 70esimo anniversario. A Spirano però non ci saranno cortei, banda e gonfaloni a celebrare la ricorrenza.

“Cosa si fa a Spirano il 25 aprile? Niente”. Si avvicina la festa della liberazione dal nazifascismo, un appuntamento storico per tutta Italia, a maggior ragione quest’anno in occasione del 70esimo anniversario. A Spirano però non ci saranno cortei, banda e gonfaloni a celebrare la ricorrenza. Il sindaco Giovanni Malanchini, coordinatore dei primi cittadini leghisti, ha annunciato la completa assenza di cerimonie: “Probabilmente è l’unico giorno dell’anno in cui a Spirano non si fa niente. I più illuminati possono festeggiare San Marco e la Serenissima Repubblica Veneta. Per il resto è un giorno come un altro. Lo è sempre stato, a Spirano, non solo quando è arrivata la Lega, perché noi siamo da sempre un passo avanti! Facciamo la Sagra di Primavera il 26: tanto per distinguerci, onorevolmente”.

Il disimpegno non vale per tutte le amministrazioni guidate da un sindaco della Lega Nord. Anzi, in molti Comuni del Carroccio non mancherà il tradizionale corteo e le manifestazioni per ricordare la Liberazione. A Covo, ad esempio, si tornerà in piazza dopo dieci anni di assenza. E a guidare il ritorno della festa del 25 aprile ci sarà il sindaco leghista Andrea Capelletti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Che pena i politici della lega. Gli elettori sono altrettanto?
    Solo odio per chi scappa da guerre dove ci sono armi in mano a banditi prodotte anche in Italia, Europa, America, Russia ………………………….
    I leghisti non si sentono colpevoli per tutto questo?
    Credo di NO!

  2. Scritto da incompreso

    Le nostre radici affondano in quel sangue gratuitamente versato (“La messa dell’uomo disarmato”, don Luisito Bianchi, Sironi Editore). Versato anche per i sindaci e per i nostalgici. La realtà è ostinata.

  3. Scritto da leggiamo la storia

    Prescindiamo un momento dalle qualfifiche stereotipe e mal informate di chi vuole la Serenissima = palude, per ricordare che Manzoni faceva fuggire Renzo Tramaglino (un “baggiano”!) verso la libertà della Terra di S. Marco … ai libertari ricordo che i Padri Costituenti USA avevano scritto nel 1776, a Philadelphia, la Dichiarazione d’Indipendenza, previo attento studio degli Statuti Veneziani, da tanto poco questi erano moderni, liberali ed illuminati …

    1. Scritto da Thomas

      Renzo Tramaglino è romanzo, Sarpi è Storia. L’isolamento politico e il secolare conservatorismo antidemocratico degli oligarchi veneziani è storia. La Costituzione americana è ellenica nella democrazia, romana nello Stato, illuminista nel diritto, calvinista di cultura, liberista, progressista, applicativa, egualitaria, meritocratica, federativa, mondialista. Agli antipodi della mummificata consorteria lagunare. Questo i costituenti americani capirono e vollero!

      1. Scritto da Marco Cimmino

        Gentile pseudo-Jefferson (peraltro, illuminato e meritocratico detentore di schiavi), tra tutti gli altisonanti aggettivi di cui ha felicitato la luminosa democrazia statunitense, ha dimenticato quello, probabilmente, più significativo a definirla: massonica. Eppure, per individuarlo, non serve nemmeno consultare mastodontici trattati di storia americana: basta avere per le mani una banconota da un dollaro. Dimenticanza veniale, ma molto “yankee”, nello stile…

        1. Scritto da Annuit Inceptis

          Stimatissimo professor Cimmino, non l’ho proprio dimenticato il fondamentale contributo della massoneria all’elaborazione concettuale e pratica degli Usa. È invece l’invito fatto dal sindaco sig. Malanchini, agli “Illuminati” spiranesi che mi ha richiamato le carceri della vita del veneto Piranesi. Una pillola? Bergamo, Venezia, Massoneria, Risorgimento, Alleati, 25 aprile: ogni medaglia ha due facce. Verso e retro sono relativi, non intercambiabili.

        2. Scritto da Sére

          Bravo Cimmino, osservazione MOLTO pertinente. Certo che la “mummificata consorteria lagunare” è un modo irriverente e comunque stimolante, per definire “la Dominante”. E questo lo dico io, molto modestamente, da discendente diretto di “sudditi” bergamaschi.

  4. Scritto da luca lazzaretti

    Pensare alle tante persone morte per dare la possibilità a questo poveraccio di sparare le sue bestialità fa tanto male….ma è l’Italia di oggi..forse se ne ha voglia può trovare nella sua biblioteca il libro “lettere dei condannati a morte della resistenza”e,se gli è rimasto un piccolo lume di intelligenza e sensibilità, potrebbe ravvedersi. Pregherò per lui..non posso far altro.

  5. Scritto da Squerer

    La repubblica veneziana fu una dittatura oligarchica, plebeizzante e misodemica, basata sull’interesse di casta, terroristica per arbitrio di vita e di morte sui sudditi, fuori da ogni diritto. Fu uno staterello che non capì le rivoluzioni dei suoi tempi: il Milione dei Polo, le Americhe di Colombo, la Riforma di Lutero, l’universo di Copernico, l’Illuminismo, le scienze, le vele di bolina, il vapore. “Le navi? i xe sempre andade co i galeoti ai remi!!”

    1. Scritto da Sére

      Il terzo aggettivo che poni sulla groppa, alla Repubblica veneziana, mi è ignoto. Cosa significa: MISODEMICO???

      1. Scritto da Parón e s'ciâo,

        Il registro delle parole è il vocabolario ma è la realtà il registro dei concetti. Il campo semantico Demos, ha già prodotto democrazia, demografia, demofobia. Dopo un brain-storm non c’è meraviglia se spuntano getti di demopsichia, filodemia o il suo contrario, la misodemia. L’oligarchia veneziana pativa di alienazione esistenziale dal suo popolo che voleva fosse solo plebe a suo servizio!

  6. Scritto da A.Z. BG

    Festeggiare cosa oltre a San Marco? Spirano era repubblica serenissima di Venezia,giusto festeggiarlo.dovremmo ricordare la liberazione dall’invasore,alleato Tedesco, tradito dall’italia voltagabbana dell’8 settembre?Magari fossimo ancora con la Germania,invece oggi ci troviamo comunque invasi da nullafacenti africani che pretendono tutto senza dare nulla in cambio e che ci costano fortune.

    1. Scritto da Gnurantù !

      Vai a farti un giro a mauthausen, buchenwald ecc . vai , vai, vai, vai, vai, vai, vai , vai , vai , vai . Pensa che la democrazia per cui si sono battuti i nostri vecchi ti consente anche l’ignominia di questi commenti abominevoli .
      la storia imparata sulle scritte sui muri dei cessi ? La cosa bella è che puoi fare meglio con poco sforzo.

    2. Scritto da giggi

      e anche oggi az (alias verande, la verità, polemico ecc.) ha sparato la sua stupidaggine. ok, timbrato cartellino, puoi andare.

  7. Scritto da Allons enfants!

    Il 25 aprile è da “sempre” il giorno in cui la Chiesa fa la memoria liturgica di San Marco evangelista, illuminati o no. Il Dominio della Repubblica veneziana sulla terraferma, è stato per tutti ma soprattutto per il popolo bergamasco un lungo periodo di impaludamento culturale, sociale, economico e politico. A confronto la Rivoluzione francese e poi il vicereame austriaco furono una vertigine di sviluppo e progresso. Questi sì Illuminati!

  8. Scritto da Lorenzo Tramaglino Spirà

    Colpa dell’ANPI che che ha chiesto ai Sindaci di trovarsi tutti a Bergamo e non frazionare le ricorrenze!!! Qualcuno segue l’ANPI che, poverina, soffre di becero protagonismo visto che sono rimasti in 8 soci!!!!!!!!!!!!!

    1. Scritto da il procrastinatore

      Uee promesso sposo,per festeggiare il 25 Aprile 70° anniversario della Liberazione non é obligatorio essere iscritti all’ANPI,la Libertà penso faccia comodo a tutti…!

  9. Scritto da Luigi

    Ora io non voglio parlare male della Lega, ma possibile che la maggior parte dei bortoli (non tutti alcuni sono pure dell’altro schieramento) siano tutti di quel partito? Inizio a credere che sia una sorta di selezione avversa (tradotto per i leghisti “pota al contrario”)

  10. Scritto da vincenzo

    poverino, cosa non farebbe per farsi notare….,sii coerente:spoglia la fascia tricolore, dimettiti, fai la tua repubblica verdecapra,cosi almeno non mi costi il gettone di presenza.

  11. Scritto da Renato

    la storia non si può cambiare … quindi inutile commentare chi fa finta di non ricordare

    W Il 25 Aprile e grazie a tutti coloro che, a costo della loro vita, hanno combattuto per la nostra libertà ( libertà che purtroppo qualcuno usa per scrivere idiozie

  12. Scritto da Beppe

    La buona notizia di oggi è che spirano non è il mio paese.

  13. Scritto da Miserie Umane

    Politicamente ed economicamente la Lega con i suoi tanti anni di governo ci ha portati sull’orlo del precipizio , adesso sono un passo avanti (!!) . In caduta libera sui temi , a caccia di qualche votarello proveniente dal fondo di quel precipizio.

  14. Scritto da milady

    I più illuminati possono festeggiare San Marco e la Serenissima Repubblica Veneta… ma noi siamo in Lombardia! quelli di Treviglio sono “milanesi”. E il ducato di Mantova cosa c’entra con la Serenissima? La Valtellina? Zero! Zero in storia a questo pseudo-sindaco.

  15. Scritto da ureidacan

    Io mi ricordo Umberto Bossi il 25 aprile del 1994 al corteo a Milano. Sarà passato di moda.Dal verde al nero.

  16. Scritto da Walter

    A certi personaggi piacerebbe molto che il 25 Aprile non si festeggiasse più. Facciano come vogliono e credono,é grazie al 25 Aprile che possono farlo. Per mè il 25 Aprile é e restera per sempre la festa più inportante della nostra nazione.

  17. Scritto da sindaci leghisti

    bei fenomeni i sindaci leghisti… parliamo anche del sindaco di Gandosso, che avvisava il bocia dell’arrivo degli sbirri? brava gente… che nelle proprie dichiarazioni si permette di usare termini come “onorevolmente”, “illuminati”, “siamo un passo avanti”…

  18. Scritto da encantada

    Io guardo solo il calendario e spero ogni anno in qualche ponte tra 25 aprile e 1 maggio. A questo giro non è andata proprio benissimo…

    1. Scritto da De Che ?

      Oltre a guardare il calendario ripassati un po’ di storia, ti assicuro che farebbe bene sia a te che ai tuoi figli.

      1. Scritto da encantada

        conosco la storia molto meglio di quanto tu creda e dei tuoi consigli non so proprio che farmene!

        1. Scritto da disincantada

          si vede da cosa scrivi che conosci sia la storia che l’educazione… complimenti.

          1. Scritto da encantada

            grazie

  19. Scritto da Paolo

    Il Sindaco di Spirano quando era D.C. e Popolare (era stato candidato anche sindaco) non la pensava così e nemmeno da leghista si era espresso in questo modo.Ora che il partito ha preso posizioni di estrema destra ( Le Pen ecc.) si sente vicino a quella dittatura fascista. Dovevi dirlo prima del voto così non avrei sprecato il mio.

    1. Scritto da ex amico

      Purtroppo ti sbagli, caro Paolo. Già vent’anni fa nella maggioranza civica nella quale faceva l’assessore (con gli ex dc) approvava mozioni contro l’Unità d’Italia. E’ peggio di ciò che pensi: è di estrema destra, si vantava del nonno fascista. Non è finito in un partito della destra italiana perché è secessionista (altro che federalista..). E’ un provocatore e un gestore di potere: ha scritto questo per tirare consensi. Nei metodi poco democratico. Si impone, non amministra ma comanda.

  20. Scritto da Bertoldo

    Malanchini è sindaco perchè l’Italia è stata liberata. Altrimenti al suo posto ci sarebbe un Podestà scelto da Roma ladrona. La Storia è maestra per chi sa capire, per chi ragiona col colon non c’è niente da fare. A proposito del leone di S. Marco, non so se i trevigliesi sono d’accordo a festeggiare l’8 maggio, anniversario del saccheggio che i veneziani fecero della loro città nel 1509.

    1. Scritto da Bortolù

      Il fatto è che la roma ladrona si è rivelata essere proprio quella del partito del sindaco spiranese: ti sei dato la risposta (peraltro sbagliata!) da solo …………..
      Quanto alla storia, insegna l’umiltà, non certo le battutine stupidine di chi è convinto di capire tutto e conoscere lo scibile e poi incappa nei classici “arrampicamenti sugli specchi” : svegliarsi, allodola! …………

  21. Scritto da Augusto

    La lega col fascismo non sarebbe manco esistita, anzi …… è solo nel mondo politico ipocrtita di oggi che chi professa secessionismi irrealizzabili si allea poi con partiti che professano ferree unità nazionali .. convenienze di poltrone e quant’altro, e c’è sempre chi ci crede: come si dice: la madre dei creduloni è sempre incinta!

  22. Scritto da Arina

    Gli spiranesi dovrebbero comunque scendere in piazza. Se non lo fanno vuol dire che il sindaco ha ragione. I loro nonni si rivolteranno nella tomba per tanta ingratitudine per il loro sangue versato e per la gioventù immolata per la libertà. Se non scenderanno comunque in piazza e non metteranno il tricolore alla finestra dovranno poi fare i conti con la propria coscienza.

    1. Scritto da Alex

      Per ora gli spiranesi sono “scesi” alle urne e gli hanno dato il 74% dei voti. E, considerato che il primo cittadino ne ha dette e fatte anche di peggio, vuol dire che li rappresenta perfettamente

  23. Scritto da grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    Se il Sindaco di Spirano si permette di fare questa scelta bisogna che sappia che e’ grazie a questa data se ha la possibilità di esprimere le proprie idee.

  24. Scritto da Che barba, che noia

    25 aprile
    Che barba, che noia. Se vincevano i repubblichini sarebbe stato lo stesso con una commemorazione di segno opposto: che barba, che noia, appunto.
    Il popolo non ha bisogno di queste retoriche, ma di ben altro

    1. Scritto da Che Disgusto

      Già, perchè perdere tempo con dettagli come oltre 400.000 morti italiani, questioncelle come l’olio di ricino, quelle razziali, giornali addomesticati , mancanza di libertà , eh ? Bazzecole , no ?

    2. Scritto da Aldo

      Vergognati! Se oggi hai la possibilta di dire queste castronerie lo devi a che settant’anni fa ha liberato l’Italia dal fascismo.

    3. Scritto da Riccardo

      Che pena che fai…

      1. Scritto da Pena

        No problem. Pena corrisposta.

  25. Scritto da Nobis

    Il 25 Aprile non siamo stati liberati prorpio da nessuno, bravo sindaco!!!!!!!!

    1. Scritto da Augh

      Bravo, intanto lo hai scritto maiuscola, la data! Comunque non montarti la testa: studia un popò di grammatica

    2. Scritto da aris

      si vede che ti ha portato la cicogna. o peggio . se avessi avuto dei nonni e genitori magari ti avrebbero raccontato quello che hanno passato durante il 20ennio fascista (tessera annonaria per poter mangiare p. es. ) e durante la 2nda guerra mondiale. Bombe anche su Bergamo e dintorni. Magari avevi più senso della realtà

    3. Scritto da favole

      ecco, dopo 70 anni ci voleva un agente immobiliare della bassa per spiegare a tutto il popolo italiano (ignorante, e non “illuminato” come il fondatore del gruppo sportivo di spirano) che stiamo sbagliando tutto… sig. nobis, legga qualche libro di storia, invece di credere alle frottole di questa gente…

  26. Scritto da pippuzzo

    Ma perché fate queste domande alle persone di cui conoscete già la risposta (tra l’altro, sempre quelle)? Per avere qualcosa da scrivere? Polemiche gratuite nei vostri commenti? In fondo la pensate così? Volete fomentare rabbia o intolleranze?
    Fatemi capire, cara redazione.

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Per caso leggi che noi abbiamo fatto una domanda al sindaco? L’ha annunciato lui in vari modi e noi l’abbiamo letto e riportato.

  27. Scritto da kBG

    Parliamoci chiaro: la persone a cui interessa del 25 aprile si contano sulle dita di una mano. E’ solo un giorno per stare a casa da scuola e dal lavoro e farsi una bella scampagnata. Alle favole non credono piu’ neanche i bambini.

    1. Scritto da pablo

      parliamoci chiaro. il motivo è che la maggior parte delle persone legge i libri delle favole (o i giornali), ma non legge un libro di storia dalle elementari… è molto più facile seguire l’illuminato sindaco di spirano. che tristezza.

      1. Scritto da tontolotto

        I libri di storia li scrivono i vincitori, tontolotto.
        Se dovessero scriverlo i vinti, sarebbe un’ altra storia

        1. Scritto da Tontolottoèpoco

          Un gran dispiacere perchè non li ha scritti Hitler ?

    2. Scritto da Gio

      quante dita ha lei ?

    3. Scritto da Saèta

      Io sono uno di quelli,e mettiti il cuore in pace continuerò a farlo! Le favole,mi piacciono tantissimo malgrado non sia più un bambino.

      1. Scritto da kBG

        La favoletta dei liberatori angloamericani&Co. che sono venuti in Italia per darci la democrazia(la loro però). Poi non se ne sono mai andati, infatti oggi sono ancora qui e condizionano il nostro Paese.
        Devo continuare con la favoletta?

        1. Scritto da Rintronation

          Se preferisci raccontaci quella di hitler , siamo tutt’orecchi

        2. Scritto da benitazzo

          É si,se ci fosse ancora lui il pelatone,si starebbe tutti meglio molto meglio. Ma va va VA. Ma va però…!

        3. Scritto da libertà

          Finalmente qualcuno che ha capito che la libertà ce l’anno data gli angloamericani, e non i partigiani

        4. Scritto da pablo

          ma si dai, continua con la tua favoletta… aggiungi che il fascismo non era poi tanto male, che i treni arrivavano in orario e le solite balle che raccontate voi nostalgici del ventennio… tanto con il nickname kBG nessuno potrà collegare le castronerie che racconti con la tua persona, e tu potrai continuare a pensare di essere fico.

    4. Scritto da Giggi

      Ma dove vivi?

    5. Scritto da anna

      A me interessa eccome!! Mi dispiace solo che migliaia di giovani siano morti per garantire libertà di parola anche a gente che sarebbe bello non dover ascoltare. Chi non ricorda il proprio passato non può costruire il futuro.

    6. Scritto da mario gualeni

      se la liberazione di un paese dalla dittatura è per te una favola siamo proprio messi male!!

  28. Scritto da mario gualeni

    questo è proprio il simbolo del livello di decadimento di certi politici, qualunquisti e opportunisti senza idee dimemnticando che se oggi possono raccontare stupidaggini è merito del sacrificio di chi ha lottato per liberare l’Italia dal fascismo. Veda almeno di conoscere la storia di San Marco!

  29. Scritto da giggi

    questo qua ormai è una macchietta!

  30. Scritto da pablo

    poveretti… davvero convinti di essere un passo avanti a tutti.

    1. Scritto da aris

      si un passo d’ oca però

  31. Scritto da Giorgio

    Grande sindaco Giovanni Malanchini !!!

  32. Scritto da mario59

    Il sindaco di Spirano può liberamente fare la sua scelta perchè il 25 Aprile di 70 anni prima siamo stati liberati dal Nazifascismo di Hitler e Mussolini.
    Chissà cosa avrebbe fatto il 25 Aprile Giovanni Malanchini se ci se ci fosse ancora il fascismo…molto probabilmente così come il resto dei giorni dell’anno, sarebbe stato impegnato a complilare la lista di coloro che bisognava purgare con olio e manganello.
    Ora che il fascismo non c’è più, lui fa solo quello che può.
    Capiamolo.

    1. Scritto da Sére

      Errore, caro Mario59, il fascismo era un regime totalitario e perfido, ma non così sprovveduto da non capire la pochezza di un sindaco di tal fatta. Penso che di un Malanchino così, se ne sarebbero disfatti pure loro. Magari con una bella dose di olio di ricino: purgativo delle sue idee balzane e ricostituente della memoria! Per ricordare anche a lui, il significato della festa della Liberazione, della festa della nostra ritrovata Pace & Libertà!