BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Divieto di transito a piedi sull’ex ferrovia, raccolta firme contro l’ordinanza

E' stata lanciata sul portale Change una raccolta firme per chiedere al sindaco di Sedrina Stefano Micheli di revocare l'ordinanza che vieta di transitare a piedi sul sedime dell'ex ferrovia che collega Villa d'Almé a Sedrina.

E’ stata lanciata sul portale Change una raccolta firme per chiedere al sindaco di Sedrina Stefano Micheli di revocare l’ordinanza che vieta di transitare a piedi sul sedime dell’ex ferrovia che collega Villa d’Almé a Sedrina. La passeggiata panoramica è stata ripulita da erbacce e rovi da un gruppo di volontari, ma ora l’amministrazione ha deciso di chiudere temporaneamente il passaggio per motivi di sicurezza. Solo dopo un intervento di messa a norma da parte della Provincia si potrà riaprire.

Ecco il testo della petizione (potete trovarla a questo link):

"Si chiede al Sindaco del Comune di Sedrina la revoca dell’ordinanza numero 140 del 7 aprile 2015 che vieta il transito persino a piedi sul sedime dell’ex ferrovia della Valle Brembana nel territorio di Sedrina, appena recuperato e reso fruibile dal lavoro dei volontari di Sedrina e Villa d’Almè, prevedendo addirittura sanzioni fino a 250 euro per i trasgressori. La sicurezza dei cittadini che vogliono di godere di un bene demaniale, che quindi gli appartiene, deve essere garantita dal Demanio dello Stato e dalle Amministrazioni Pubbliche attraverso provvedimenti mirati e specifichi che consentano di mantenere aperta questa importante via di collegamento tra Sedrina, Botta, Campana e Villa d’Almè impedendo che ritorni nello stato di abbandono in cui è stata lasciata per anni. L’obiettivo di collegare con una pista ciclabile la Valle Brembana con Bergamo non si raggiunge certo con i divieti e allontanando il pubblico dalla riscoperta del proprio territorio. Tutte le Istituzioni devono lavorare assieme in maniera trasparente, coinvolgendo cittadini e associazioni, perché non si perda altro tempo per il raggiungimento di questo obiettivo".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    Toh, c’è ancora qualcuno nel Paese che usa la logica umana, la verità e il ragionamento. Strano.