BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Accoglienza dei profughi Costi troppo elevati: no del Celana al prefetto

Il Cda ha respinto la proposta della prefettura: troppo elevati per le casse dello storico collegio di Caprino bergamasco i costi del rifacimento degli impianti elettrico e idraulico. Solo un intervento di Caritas e Comunità Ruah potrebbe cambiare lo scenario.

Sono motivazioni di carattere economico quelle che hanno spinto il Consiglio di Amministrazione dello storico collegio Celana di Caprino bergamasco a dire di no alla richiesta di accoglienza di un gruppo di profughi avanzata dalla prefettura di Bergamo: lunedì sera la proposta di riqualificazione è stata valutata con attenzione ma, di fronte ad un preventivo da circa 80mila euro, l’invito è stato declinato.

La prefettura aveva individuato il collegio come sistemazione ideale per una sessantina di profughi che attualmente si trovano nell’ex casa di riposo di via Gleno: una soluzione che non era piaciuta alla Lega Nord che il 29 marzo aveva presidiato i cancelli al grido di “Stop invasione” e poi aveva dato il via a una raccolta firme che in sole 24 ore aveva registrato 800 adesioni.

A mettere forse la parola fine alla polemica è stato però lo stesso CdA del collegio: il numero dei profughi che avrebbero dovuto essere ospitati era molto più alto di quello preventivato, addirittura più del doppio, e le casse del collegio non sarebbero in grado di sostenere il costo di rifacimento degli impianti idraulici ed elettrici.

Uno scenario che, quindi, sembra definito ma un intervento dall’esterno potrebbe di nuovo cambiare le cose: se, come successo a Roncobello, Caritas e Comunità Ruah dovessero prendersi carico della questione, pagando lavori e affitto, la prefettura potrebbe tornare a bussare alle porte del collegio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tina

    Ospitiamoli nella palazzina costruita a Colognola, per l’Agenzia delle Entrate e mai abitata ? Quanti soldi spesi male ?

  2. Scritto da Vikingo62

    Ecco il volto umano della Chiesa che dal pulpito invita i fedeli ad accogliere gli ultimi e i disperati ma nella realtà li lascia fuori dalla porta. Bel l’esempio di coerenza !

  3. Scritto da F. Rampinelli

    Mi incuriosisce sapere perché una struttura che fino a ieri ha ospitato convenientemente i nostri ragazzi abbisognerebbe di lavori di adeguamento per alloggiare questi non particolarmente graditi asilanti. Bisognerebbe piuttosto suggerire alla proprietà di considerare bene anche i costi di “ripristino” che si renderebbero necessari a seguito del soggiorno dei suddetti.

    1. Scritto da viva l"itaglia"

      o in alternativa una bella cauzione!

  4. Scritto da kappa

    Scommettiamo che essendo una struttura della chiesa, la prefettura non busserà di nuovo ? Scommettiamo , piuttosto aumenteranno ici e imu ,tanto la chiesa non la paga e pagheremo ancora noi…