BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’accordo con gli ultrà dell’Atalanta di Percassi, un passo verso i violenti

L'intesa con i tifosi a processo per ritirare la querela sull'invasione del centro Bortolotti di Zingonia del 2010 con toni e metodi tutt'altro che amichevoli, va oltre il consueto stile del "non accusare", del tacere e lasciar correre.

Di Mauro Paloschi

Che gli attuali dirigenti atalantini non abbiano mai sgomitato nel condannare gli episodi violenti commessi dai loro ultrà è cosa nota. Ma l’accordo con i tifosi a processo per l’invasione del centro Bortolotti di Zingonia con toni e metodi tutt’altro che amichevoli, va oltre il consueto stile del "non accusare", del tacere, del lasciar correre.

Già, la società che fa capo ad Antonio Percassi ha di fatto ritirato la querela presentata dall’allora presidente Alessandro Ruggeri ai danni dei quaranta (40!) sostenitori che il 4 maggio 2010 invasero e danneggiarono "la casa dell’Atalanta" per protestare – con i loro metodi – contro la vecchia dirigenza.

La querela di parte, avanzata dall’ex presidente nerazzurro, verrà dunque rimessa a patto che questi "invasori" svolgano non meglio precisate attività di volontariato nella comunità Caritas di don Resmini.

Un atteggiamento simile a quello adottato solo pochi mesi fa per il terzino Andrea Masiello, condannato per calcioscommesse: un tentativo di espiare gravi colpe – anche se di altro tenore – attraverso la "penitenza" del volontariato. Insomma, una giustizia fatta in casa, con assoluzioni a proprio uso e consumo.

Ma dietro l’accordo con gli ultrà si intravede anche altro. Un’intesa che rappresenta un passo in avanti rispetto al semplice "silenzio-assenso" a cui eravamo abituati. Un tendere la mano ai violenti tifosi (purtroppo noti in tutta Italia) che mai si era visto negli oltre cento anni di storia atalantina.

Un cambio deciso di rotta, anche rispetto al passato più recente, visto che per esempio Ivan Ruggeri nel 1998 aveva speso parole decise di condanna verso i curvaioli più caldi. 

Un "abbraccio" Atalanta-ultrà che è stato accolto con stupore da gran parte dei tifosi, come dimostrano i commenti sul giornale e su Facebook. Al contrario non possiamo dire cosa pensino i "vip" della tribuna sulle condanne e sulle novità di lunedì, perché non hanno voluto rilasciare commenti (a parte l’ex sindaco Franco Tentorio).  

Un’intesa – checché ne dica il direttore generale Pierpaolo Marino che parla di "pentimento" dedotto da una lettera – che rafforza l’ipotesi di una "sintonia" tra società e ultrà. Avallata, tra l’altro, dal prestito agevolato del terreno di proprietà di Percassi, dove si svolge la famosa festa della Dea organizzata da Claudio Galimberti e compagni.

Bocia e soci che lunedì, per l’invasione di Zingonia, sono stati comunque assolti dal giudice Maria Luisa Mazzola: sentenza che rende così vano questo strano e "storico" accordo di ritiro della querela, arrivato stranamente proprio nel giorno della sentenza, dopo lunghi mesi di processo.

Come a voler sfidare la giustizia.

Come a volersi dichiarare superiori.

Come a volersi schierare dalla parte dei violenti. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da franco

    Giustizia fatta in casa ?l’altra qual’e’? Funziona ? Bergamo e’un colabrodo di delinquenti che scorrazzano rubando e quant’altro ma tutti a criticare i Percassi tra i pochi che danno lavoro e sono persone serie e per L’Atalanta fanno moltissimo.no non va bene il problema e’il boccia che se fossimo in un paese normale la giustizia farebbe il suo corso senza queste pagliacciate.

  2. Scritto da la mia atalanta

    la mia Atalanta è quella che non è in mezzo a queste vicende poco edificanti. Capisco che il presidente si tenga buoni gli ultras, ma questa non è la mia Atalanta.Per tornare a piacermi dovrebbe essere fuori da tutte queste cose.Magari se fosse in terza categoria, potremmo sperare di gustare il calcio e l’Atalanta.

    1. Scritto da luca

      la tua Atalanta?…forse è più di quelli che la seguono da Trieste a Palermo…dubito tu sia fra questi.

  3. Scritto da matematica

    Tutti sanno che la curva nord e’ sempre stata per antonomasia contro qualsiasi presidente (Bortolotti Sr e Jr, Percassi 1, Ruggeri Sr e Jr) mentre con l’ultima dirigenza e’ tutto rose e fiori malgrado scommesse, multone e scarso rendimento. Questa rimessa di querela, al di la’ degli aspetti legali, e’ un segno di resa (o scambio di favori?!?) verso gli ultras che per quanti meriti possano avere (tifo, coreografie, festa dea, beneficenza) non possono certo calpestare liberta’ altrui impunemente

  4. Scritto da Cesarone

    Nessun passo verso i violenti, visto che i 40 senza l’accordo transattivo – dopo essere stati assolti dal giudice, non da Percassi – non sarebbero stati costretti al volontariato a titolo riparatorio. Tesi pedissequamente ripresa dal titolone odierno della Rosea (quella che “si aggrava la posizione dell’Atalanta”), ma inconsistente da cima a fondo: Zingonia non è lo stadio, 38 imputati su 40 della fattispecie di reato da cui sono stati assolti non c’entrano NIENTE con le violenze da stadio.

  5. Scritto da Stadio vuoto

    Ottimo articolo Palo. Finalmente un sito che non lecca i piedi alla società. La foto è inerente alla connivenza Percassi-Bocia e ci sta benissimo perché anche alla Festa della Dea accorrono tutti ai piedi del Bocia. Sarebbe una gran bella manifestazione di protesta lasciargli lo stadio vuoto contro l’Empoli, lasciando Percassi solo con i suoi 200 teppisti. Magari!

    1. Scritto da René Capelli

      Il bocia esisteva anche sotto i Ruggeri e fino al daspo faceva quel che voleva. Nell’ultimo periodo dei Ruggeri il braccio destro di Ivan impediva di lavorare ai giornalisti non allineati. Non e’ il caso di Paloschi, che anche oggi scrive quel che vuole senza essere per questo escluso dalle cene sociali. Per rimpiangere il passato per dare contro al presente bisogna non esserne rimasti scottati e avere la pancia sempre piena.

    2. Scritto da dai dai...

      ma cosa continuate a dirlo…FATELO!!!! vediamo come sarà vuoto lo stadio chiacchieroni..

  6. Scritto da dea

    Perché scusa Francesco tutti quelli che vanno in curva sono manigoldi???Spero che tu stia scherzando!!!;

  7. Scritto da Giorsem

    Che fine ha fatto il tanto decantato e strombazzato codice etico di cui l’Atalanta ha inteso dotarsi ??? nella spazzatura !!!!

  8. Scritto da romy67

    Redazione, le ricordo che Masiello ha scontato la sua pena fino all’ultimo, quindi cosa dovrebbe fare ? Impiccarsi?
    Per quanto riguarda le persone che da ora odiano l’Atalanta,che stiano a casa che avanzano.

    1. Scritto da Giorgio

      che a casa ci stiano gli ultrà, che di fatto odiano il calcio e della “loro” dea si servono solo per coprire le loro pochezze umane

      1. Scritto da simo000

        si infatti senza curva ci sarebbero solo fischi da parte dei “veri tifosi” che dalla creberg cercano di incitare la loro atalanta… o forse è la curva che sostiene la squadra fino alla fine senza fischi??

  9. Scritto da anna

    percassi in questa fotografia sembra stia benedendo il bocia. Sembra il Papa

  10. Scritto da Luigi

    Oh ma tranquilli, l’anno prossimo altro giro di giubbotti tamarri, cori bortoli sul palco e giro del piazzale in ruspa!

    1. Scritto da stefano

      brutta bestia l’invidia….+tamarri – Luigi

  11. Scritto da waz

    MHA..nell’assalto a zingonia del 2010 c’era ancora ruggeri(quindi la foto non conta nulla al contrario di come dice qualcuno).
    La denuncia l’hanno fatta i ruggeri e non i percassi.
    gli incivili hanno patteggiato per lavori socialmente utili in Caritas(ma questo tanti di voi non lo leggono perchè si fermano al titolo).
    Volete in galera questi(che ci può stare ) ma non dite nulla quando ci sono omicidi o furti o stupri( anzi togliete la possibilità di commentare)..fate ridere

    1. Scritto da Rioma

      Chi delinque deve pagare.
      Chiunque sostenga qualcosa di diverso è uno stupido.
      Tu guardi gli alberi e non riesci a vedere la foresta

      1. Scritto da romy67

        Guardi che i 40 sono stati assolti dai giudici, se la prenda con quest’ultimi, peraltro della classe politica da lei votata.

        1. Scritto da Rioma

          Mi piacerebbe approfondire, mi rendo conto che lei non capirebbe.

          1. Scritto da romy67

            Ma lei chi si crede di essere per dire a me che non capisco? Già il fatto che lei non ha approfondito……

    2. Scritto da Luigi

      Se c’e’ qualcuno che fa ridere quello sei tu, e quelli che cercano ancora di difendere questi individui usando il gioco dei bimbi delle elementari “si pero’ loro di piu’ si pero’ gli altri si e noi no..” eddai cresci

  12. Scritto da Giustizia

    In un paese normale un delinquente come il “Bocia” sarebbe ai lavori forzati da tempo e non avrebbe alcun tipo di seguito e credibilità.

    1. Scritto da riccardo

      Un paese normale? Mi pare si sia risposto da solo se si pone la domanda solo adesso e per il Bocia. Le sembra normale un paese che per 20 anni da retta alle fanfaluche dei nostri sedicenti politici, che fa le figure barbine dell’Aquila, del G8, del Mose. dell’EXPO, dello sperpero dei soldi pubblici etc,etc, L’elenco è troppo lungo. Forse il paese delle meraviglie di Alice è più normale…

    2. Scritto da legalità

      invece qui preferiamo considerare criminali dei disperati che abbandonano il proprio paese, rischiando di morire… ah già, ma quelli non sono italiani-brava-gente (come il bocia, appunto)

  13. Scritto da Luca

    Invece a me le motivazioni di Marino mi hanno convinto, danni di poco conto che l’Atalanta si prende in carico a costo di di non macchiare la fedina penale a 38 di 40 dei denunciati visto che sono incensurati, che comunque nonostante l’assoluzione decidono di mantenere la promessa e di impegnarsi nei servizi sociali.

  14. Scritto da Francesco

    Mi auguro che domenica allo stadio ci siano solamente i manigoldi e tutta la gente per bene rimanga a casa. Sarebbe una bella presa di posizione vedere lo stadio completamente vuoto in tutti gli altri settori eccetto la curva.

    1. Scritto da riccardo

      chi sarebbe la gente per bene? Quella che evade le tasse e va la domenica alla Messa? Quella che prende uno stipendio a Ufo e non fa il suo dovere professionale? Quella che si fa corrompere e/o corrompe? Quella dei caporalati? Quella che ha più rispetto degli animali che degli anziani? Così, giusto per capire…

      1. Scritto da Q.I. 250

        Bel ragiunament , de fürbo . Cioè fino a quando al mondo (in corea del nord o in australia ) ci sarà un delinquente, tu sei giustificato . Te l’han già dato il Nobel o quei balordi sono in ritardo ?

  15. Scritto da Dario

    Per la cronaca, la foto allegata all’articolo risale all’estate 2010. Quelle persone, che pochi giorni prima avevano invaso il centro sportivo di Zingonia, venivano pubblicamente abbracciate.

    1. Scritto da waz

      ehm…quando hanno assaltato zingonia c’era ruggeri…

      1. Scritto da Dario

        Appunto.

  16. Scritto da Enrico

    La mia cara e vecchia Atalanta è così ufficialmente morta.

  17. Scritto da Jeanpaul

    La mia Atalanta è quella di Bortolotti e Ruggeri.

    1. Scritto da Augusto

      Concordo ; e so che siamo in moltissimi a pensarla così

  18. Scritto da Luciano Avogadri

    Un altro grande passo per allontanare le famiglie dagli stadi. E adesso prepariamoci ancora alle lacrime di coccodrillo.

  19. Scritto da Alberto

    Non si fanno accordi e patti con i delinquenti,pure il terreno a prestito agevolato…..

  20. Scritto da nino cortesi

    Redazione di BERGAMONEWS per questo articolo meritate di essere abbracciati e baciati.
    Sono queste le persone che vogliamo e le vogliamo così limpide come l’acqua di fonte.

  21. Scritto da Mauro

    A fine articolo toglierei “Come”.

  22. Scritto da avvelenato

    Cosa si vuole. .. in una società dove si giustifica il bravo papà albanese che di notte sfonda vetrine per rubare e rimane assassinato non vorremo dare l’ergastolo al Bocia dai…tre anni al gabbio più il risarcimento danni che son soldoni mi sembra sia già abbastanza sufficiente credo……

    1. Scritto da mao

      Avvelenato i due fatti che lei riporta hanno una cosa sola in comune,sono reati che ledono la libertà e la proprietà privata,di qualsiasi cittadino.Con quale titolo queste persone possono picchiare un papa’con il proprio bambino solo perché festeggia la vittoria di un’altra squadra,perché possono mettere a ferro e fuoco la città solamente perché così hanno deciso,e questo vale x tutta Italia non solo per Bergamo,niente carcere,risarcire i danni,e lavoro socialmente utile come Berlusconi.