BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Accoglienza dei profughi, chiesta casa agli alpini Non è sicura, non concessa

La casa degli alpini di Premolo non ospiterà i profughi, come richiesto dalla prefettura. Il direttivo della sezione bergamasca dell'associazione nazionale alpini ha esaminato l'istanza ufficiale inviata dal prefetto Francesca Ferrandino durante una riunione straordinaria che si è tenuta lunedì sera.

Più informazioni su

La casa degli alpini di Premolo non ospiterà i profughi, come richiesto dalla prefettura. Il direttivo della sezione bergamasca dell’associazione nazionale alpini ha esaminato l’istanza ufficiale inviata dal prefetto Francesca Ferrandino durante una riunione straordinaria che si è tenuta lunedì sera. L’assemblea ha deciso di rispondere in modo negativo esclusivamente per motivi legati alla sicurezza della struttura. La casa è stata ereditata dall’associazione da poco tempo e di fatto non ne è ancora entrata in possesso: l’Ana non conosce le condizioni di sicurezza, dopo anni di incuria, e per questo motivo ha deliberato di non concederla. La risposta ufficiale alla prefettura è già stata preparata e sarà inviata nella giornata di martedì.

A Roncobello nel frattempo continua il presidio della Lega Nord contro l’ospitalità dei profughi nella casa vacanze Santa Maria del Carmine. E’ la stessa presa di mira nei giorni scorsi da alcuni vandali che, dopo essere entrati abusivamente, hanno distrutto bagni e quadri elettrici. I manifestanti, riuniti sotto la scritta “Gruppo cittadini di non-accoglienza”, hanno deciso di presidiare la zona 24 ore su 24. "Ancora una volta come un fulmine a ciel sereno ad accordi già fatti con i proprietari delle strutture e le associazioni senza che il cittadino sappia nulla – spiega Alex Galizzi, segretario del Carroccio della Valbrembana -, pare vengono calati sul territorio a spese dei contribuenti 50 persone di dubbia provenienza, con idee e culture differenti e soprattutto condizioni di salute probabilmente ancora da determinare. Credo sia venuto il momento di smetterla di creare discriminazioni sociali a svantaggio della nostra gente dovute principalmente alle diversità di trattamento:in questo periodo difficile migliaia di giovani, padri di famiglia, dipendenti, artigiani, commercianti ed imprenditori, anche nella nostra provincia, combattono ogni giorno contro crisi economia ed un sistema non meritocratico".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    La maggior parte dei profughi sono persone che scappano da situazioni che noi nemmeno riusciamo ad immaginare.
    Scappano in cerca di luoghi più tranquilli e sicuri e sono disposti a rischiare anche la vita, oltre che a pagare con tutti i loro risparmi, il viaggio “della speranza”
    Purtroppo la realtà è che in Italia ma anche in Europa non c’è lavoro sufficiente nemmeno per gli abitanti..quindi o ci preoccupiamo di dare loro almeno il minimo indispensabile, oppure gli diciamo arrangiatevi.

  2. Scritto da nino cortesi

    Sono “un socio amico degli alpini” della sezione di Arcene Ma sono certo che i dirigenti degli alpini siano di destra destra.
    Ecco perché non hanno concesso.
    Sono cristiani feriali.

    1. Scritto da greatguy

      non ti bastano le bestialità che scrivi sulle news riguardanti l’Atalanta? almeno sulle cose serie, evita, fatti un piacere!

    2. Scritto da il polemico

      quindi ti senti pronto a scendere in prima linea da buon crisitnao settimanale o annuale ed aprire casa tua a questi sfortunati,o illegali,o profughi?qui molti parlano di essere solidali,ma pretendono che siano gli altri ad aprire le porte.facile così….

  3. Scritto da trabuk

    Quante stanze libere ha gori in città alta? E appartamenti in giro lui, la moglie, assessori e consiglieri? E il vescovo quante stanze ha in seminario libere? E nel pacì paciana quanti possono starcene?

  4. Scritto da Alberto

    Insomma, pian piano vogliono riempirci anche le valli di disperati e nullafacenti, coi risulttai che già possiamo “apprezzare” in città e grossi centri abitati… Grazie, molto gentili per l’ennesimo favore che fate agli abitanti di montagna, già così ben tutelati dal vario politicame…

    1. Scritto da giggi

      pensa a quei poveracci che finiscono in posti noiosi nemmeno belli, se pensiamo a montagna tipo alto adige, val d’aosta ecc.