BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Benvenuti a Bergamo”, sul cartello traduzione (da principianti) sbagliata

Bergamo so candida ad essere tra le città lombarde più visitate durante Expo, ma c'è ancora qualche problema di accoglienza. Basta guardare il cartello elettronico posizionato a due passi dal Sentierone. La scritta “wilkommen bei Bergamo” è sbagliata.

Più informazioni su

Bergamo so candida ad essere tra le città lombarde più visitate durante Expo, ma c’è ancora qualche problema di accoglienza. Basta guardare il cartello elettronico posizionato a due passi dal Sentierone. La scritta “wilkommen bei Bergamo” è sbagliata. Se n’è accorto il consigliere leghista Alberto Ribolla che ha scattato una foto e l’ha postata su Facebook. In realtà dovrebbe essere “Willkommen in Bergamo. E per fortuna il tabellone è elettronico, basta una semplice correzione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Scapigliato

    Ma siamo sicuri che non sia sbagliato anche il saluto portoghese? Ricordo un “Bem-vindo ao Bergamo”, ma dovrebbe essere “_a_ Bergamo” (”ao” è preposizione articolata, si dovrebbe usare solo con nomi particolari come Rio de Janeiro). Esattamente come si dice “Bem-vindos a Sao Paulo” (googlare per credere).

  2. Scritto da Romilda

    La famiglia Kennedy non si è accorta di questo errore ?

    1. Scritto da Giggi

      bròta bestia l’invidia ehh….

    2. Scritto da milady

      Oltre che a non essere tenuti a conoscere il tedesco, mica l’hanno scritta loro. C’è uno a cui è stato l’incarico di scriverlo che ha sbagliato, esempio di sciatteria italica.