BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Strage di 700 migranti in mare, Calderoli: “Blocco navale necessario”

Non si fanno attendere i commenti politici in seguito alla strage avvenuta nel mar Mediterraneo dove sono morti 700 migranti che stavano cercando di raggiungere l'Italia su un peschereccio. Il senatore bergamasco Roberto Calderoli rivolge un pensiero alle vittime, ma non fa sconti su quelle che ritiene le responsabilità politiche dell'accaduto

Più informazioni su

Non si fanno attendere i commenti politici in seguito alla strage avvenuta nel mar Mediterraneo dove sono morti 700 migranti che stavano cercando di raggiungere l’Italia su un peschereccio. Il senatore bergamasco Roberto Calderoli rivolge un pensiero alle vittime, ma non fa sconti su quelle che ritiene le responsabilità politiche dell’accaduto: “Quella che potrebbe rivelarsi essere la più grave strage avvenuta nel Mediterraneo, tinge di rosso le coscienze di Renzi, Alfano e di tutti coloro che, per interesse o incapacità, continuano a incentivare la mattanza dei disperati. Una preghiera e un pensiero per i poveri morti, vittime di quel falso buonismo che alimenta il terrorismo attraverso il traffico di esseri umani e sfrutta l’accoglienza come un business dal quale ricavare il massimo profitto. Di fronte a una simile tragedia sarebbe il caso di fermarsi, riflettere e mettere in atto le misure necessarie ad impedire il ripetersi di avvenimenti simili: l’unica soluzione è il blocco navale davanti alle coste della Libia, creando là in Africa dei campi dove accogliere e curare i bisognosi, ma anche dove verificare preventivamente chi ha davvero diritto all’asilo politico nel nostro paese. Senza questi due interventi, e senza picchiare i pugni sul tavolo di un’Europa che ci lascia soli a fronteggiare un’emergenza mondiale, non sarà sufficiente versare nuove lacrime di coccodrillo, per ripulirsi una coscienza che ormai è macchiata in modo indelebile”.

Duro Matteo Salvini, che annuncia che andrà in Sicilia nei prossimi giorni, a Sky Tg24: «Cos’è cambiato a 18 mesi da Lampedusa? Servono altri 700 morti per bloccare le partenze? Se le istituzioni Ue hanno un senso ci vuole tanto a organizzare dei blocchi navali e identificare chi è immigrato clandestino e chi è rifugiato? Non so più come dirlo. L’ipocrisia di Renzi e Alfano crea morti». Matteo Salvini chiede «un blocco navale internazionale subito, davanti alle coste libiche e Guardia costiera e militare a soccorrere e difendere i nostri confini».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    Beh, il messaggio rivolto al mondo dal governicchio è sempre stato: imbarcatevi che tanto poi veniamo noi a prendervi. Questo però succede solo per una parte dei partenti, ed eccone le conseguenze. Il ciarlatano fiorentino continua anche in questo campo la sua opera di cacciaballe.

    1. Scritto da paolo

      invece la tua analisi è lucida, precisa e dettagliata… dai, chiudi la padania e accendi il cervello.

      1. Scritto da Alberto

        Cioè, fammi capire: il cervello lo devo accendere io mentre il tuo presidente cacciaballe arriva solo oggi (dopo un anno e mezzo di mare vostrum e ugualmente morti in mare) a dire che la soluzione è alla radice. Fino all’altro giorno derideva chiunque proponesse idee simili. Anche con l’ausilio di analisi lucide, precise e dettagliate gente spocchiosa piddina come paolo non riescirà mai a capirla fino al fatto compiuto e buoi già scappati da giorni, se non mesi…

  2. Scritto da mario59

    La povera gente continua a morire..e i politici continuano a strumentalizzare la morte per i loro scopi elettorali.
    Certo che bisogna far qualcosa per fermare le stragi nel mediterraneo…ma di barconi ne sono affondati anche quando la lega stava al governo..non mi pare avessero attuato i blocchi navali…chiacchierano quando al governo ci sono gli altri, poi quando ci sono loro, fanno più o meno le stesse cose..mentre la povera gente continua ad annegare.
    Dicesi ipocrisia politica.

    1. Scritto da + verande x tutti

      Maroni da ministro dell’interno aveva fermato gli sbarchi. Mentre adesso chi lucra sull’invasione sono i partiti di governo attraverso coop rosse e caritas. Questa è la vera ipocrisia. Gli antileghisti (devono per forza essere “anti” qualcosa se no non sarebbero nessuno) trovano il modo di dare la colpa alla lega anche delle loro emorroidi. Basta leggere la maggior parte dei commenti a questo articolo; salvo poi sputar sentenze qualunquiste senza proporre nulla.

      1. Scritto da kurt Erdam

        Maroni in tutte le posizioni che ha ricoperto non ne ha mai fatta una giusta.E’ dai tempi dei Fenici e forse anche prima che la gente viene via dall’Africa per approdare in Europa e chissà quanti si definiscono leghisti discendono da gente arrivata da lì.Ma quando ci sono state le”primavere arabe”anche la mamma del gatto avrebbe immaginato che sarebbe arrivata un sacco di gente;con maroni ci siamo trovati coi pantaloni giù e sputtanati a livello mondiale e ne paghiamo ancora le conseguenze

      2. Scritto da memoria corta

        NON è vero, per due motivi. Primo, la maggior parte degli arrivi avviene per via terra: 12 % via mare, 15 % via terra, 73% con visto turistico attraverso gli aeroporti (fonte Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro). Secondo: il lavoro “sporco” di fermare e massacrare gli emigranti lo lasciavamo fare a Gheddafi, con cui ci eravamo accordarti nel 2008, con il governo Berlusconi/Maroni … la memoria dei leghisti è sempre troppo corta …

        1. Scritto da Cortissima

          e per di più Maroni , quando la libia (e la tunisia) sono finite una prima volta nel disordine, ha distribuito profughi in tutta italia, provincia di bergamo inclusa, del resto che altro si può fare ? Poi per biechi motivi elettorali si raccontano panzane al popolino , la soluzione quale sarebbe ?

  3. Scritto da Cris

    I commenti qua sotto mi piacerebbe sentirli dai politici , invece dei buoni ragionamenti vengono dalle persone normali . Altre 700 vittime sono tante . Speriamo che queste stragi finiscano.

  4. Scritto da Mattanza

    Il mondo occidentale fa veramente schifo ha creare i presupposti di questa mattanza per i suoi interessi economici.
    I signori della guerra occidentale, produttrici di armi, destabilizzano quei paesi fingendo di portare la cosidetta democrazie.
    Questi sono i risultati: grazie Francia, grazie Europa, grazie USA.
    Fate schifo!

  5. Scritto da kurt Erdam

    Che tristezza,con tutte le case,i capannoni,le caserme vuote che abbiamo qui(assieme alla nostra protervia e alla nostra puzza sotto il naso,nonché alla nostra convinzione di essere superiori)non siamo capaci di organizzarci e far capire all’Europa che non esiste solo per rispettare il 3% e pretendiamo che loro si organizzino dove c’è solo sabbia e da sempre tutti i nostri governanti hanno fatto tutto quello che potevano per lasciarli indigenti precari e disorganizzati.Una vera schifezza

  6. Scritto da il polemico

    la ue e il governo attuale offrono ospitalità a chiunque voglia venire in italia,è una prospettiva che alletta molti a rischiare la fortuna…se si vuole impedire altre tragedie simili,si deve far capire che chiunque giunga in italia sui barconi viene rispedito indietro il giorno stesso,.fu fatto nel 1991 con gli albanesi senza che nessuno si scandalizzò,lo volle fare maroni ma venna bloccato dalla ue…però senza barconi e clandestini molte persone perderebbero la loro fonte di guadagno

  7. Scritto da k

    Povera gente: quanti morti ci vorranno ancora perché si sappia che troppa gente è morta. Come si fa a creare campi di accoglienza “veri” in Libia, quando noi occidentali, con l’intervento armato, abbiamo contribuito a destabilizzare quel paese? E Sarkosy, uno dei principali responsabili, è in testa nei sondaggi in Francia. Che schifo!

  8. Scritto da confusione

    Salvini è un eurodeputato: quindi convinca lui i suoi colleghi, oppure è a Bruxelles solo per scaldare la sedia. E si decida una buona volta su cosa dobbiamo fare. Perchè per mandare le navi occorrono i soldi, e fino a ieri invece si lamentava del contrario, cioè che ne abbiamo spesi già troppi.

    1. Scritto da Stato confusionale

      Stato confusionale non aver capito che Salvini, in Europa, per i numeri che ha, conta come il due di picche

      1. Scritto da stato confusionale 2

        stato confusionale non aver capito che i leghisti, in Italia, quando sono stati al governo non hanno combinato nulla. Ed ora, che contano come il due di picche, fanno la politica delle “urla”, per far vedere che ancora esistono e portare a casa due “miserevoli” voti

  9. Scritto da Alex

    Nessuno si vuole assumere la responsabilità’ di cio’ che sta accadendo nel nord Africa. Non gli usa, che destabilizzando il contesto mantengono basso il prezzo del petrolio di fatto annullando la concorrenza. L’ europa chicchera nascondendo altri interessi. Chi vende armi poi vende morte. Personalmente mi vergognerei a lavorare in un’ azienda dove si costruiscono armi. Preferirei essere disoccupato.

    1. Scritto da Alberto

      Veramente è l’Arabia Saudita a tenere il prezzo del barile basso (e a sostenere l’ISIS, ma che non si dica in giro), compromettendo così i grossi investimenti USA in shale oil e gas…