BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Grassobbio in lutto per la morte dell’assessore: lascia moglie e due figli

"Era una persona stupenda, oltre che un professionista molto preparato. Lo avevo voluto io, potete immaginare come mi sento ora". E' distrutto Ermenegildo Epis, sindaco di Grassobbio, quando arriva sul luogo dell'incidente che è costato la vita a Francesco Pavone, 57 anni

 "Era una persona stupenda, oltre che un professionista molto preparato. Lo avevo voluto io, potete immaginare come mi sento ora". E’ distrutto Ermenegildo Epis, sindaco di Grassobbio, quando arriva sul luogo dell’incidente che è costato la vita a Francesco Pavone, 57 anni, assessore all’Edilizia e ai Lavori pubblici della sua amministrazione. 

Pavone è stato ucciso da un furgone pirata che lo ha travolto in via XXV aprile, all’incrocio con via Zanica, e lo ha trascinato con sè per una decina di metri, prima di fermarsi a controllare cosa fosse successo e ripartire a folle velocità.

L’uomo ha causato anche un secondo incidente, poco più avanti, ed è stato poi arrestato dai carabinieri di Bergamo all’ospedale Bolognini di Seriate dove si era recato per farsi medicare. Il killer, M.V., residente nella zona, era sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, mentre sul suo mezzo sono stati ritrovati segni evidenti che lo inchiodano. Fondamentali, per la cattura, le testimonianze degli autombilisti presenti al momento del drammatico scontro. 

Una tragedia che ha lasciato affranti e sbigottiti gli abitanti di Grassobbio. Pavone, 57 anni, oltre che assessore, era un architetto dirigente dell’Aler, e al momento dello schianto stava andando al lavoro. 

Di origini calabresi, ma residente da anni a Grassobbio, era una persona conosciuta e ben voluta in paese, descritto come disponibile con tutti e molto professionale nel suo incarico comunale. Pavone lascia nel dolore due figli, uno dei quali gli stava per regalare un nipotino a giorni, e la moglie, insegnante alle scuole elementari di Grassobbio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.