BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ubi e Nuova Gamec, lo spostamento del progetto non intacca i 4,5 milioni

Risposte chiare. E' l'unica richiesta presentata da Ubi Banca al Comune di Bergamo per arrivare a una stretta di mano che sancisca la fine del tira e molla istituzionale sul futuro della Nuova Gamec. Dopo le tensioni delle scorse settimane si è aperto più di uno spiraglio: la banca sembra essere disposta a confermare il dono da 4,5 milioni di euro a prescindere dal luogo in cui verrà realizzata la nuova galleria di arte moderna.

Più informazioni su

Risposte chiare. E’ l’unica richiesta presentata da Ubi Banca al Comune di Bergamo per arrivare a una stretta di mano che sancisca la fine del tira e molla istituzionale sul futuro della Nuova Gamec. Dopo le tensioni delle scorse settimane si è aperto più di uno spiraglio: la banca sembra essere disposta a confermare il dono da 4,5 milioni di euro a prescindere dal luogo in cui verrà realizzata la nuova galleria di arte moderna. Per ora è ancora un sussurro, accolto con un largo sorriso dalle parti di Palafrizzoni.

E’ la risposta, pur non ancora esplicita, ai dubbi dell’ex sindaco Franco Tentorio che a fine marzo ha scritto una lettera per sollecitare il suo successore Giorgio Gori a velocizzare i tempi “prima che il donante si stufi”. Ubi banca (o almeno, a chi di Ubi spetta la decisione finale) non si è stufata nonostante il progetto sia sul tavolo degli uffici comunali dal 2010. In cinque anni i passi avanti sono stati pochi. Anzi, negli ultimi mesi se n’è fatto qualcuno indietro. Perché l’assessore alla Riqualificazione urbana Francesco Valesini ha rotto gli indugi e dichiarato tutti i suoi dubbi tecnici sul luogo individuato: gli ex Magazzini generali, non funzionali dal punto di vista urbanistico e viabilistico.

Ubi sembra aver compreso lo scetticismo dell’amministrazione, ma attende una decisione definitiva e inequivocabile. Tocca a Valesini continuare il lavoro per centrare l’ennesimo obiettivo dopo caserma Montelungo e palaghiaccio. Il sogno – dichiarato più volte dal sindaco Gori – resta il palazzo in piazza Libertà. E con 4,5 milioni di euro confermati da Ubi, sognare non costa niente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Non col vento

    Impoverire la città consolidata di funzioni rilevanti è un grave errore, bravo Gori ! Ora un bel parco urbano come previsto

  2. Scritto da stefano

    Magazzini generali non funzionali dal punto di vista urbanistico e viabilistico? Invece sarebbe proprio l’occasione per ridisegnare e sistemare tutta la zona ex dogana, ma la zona fa gola ad imprendiotri edili……