BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Restauro teatro Donizetti Ubi Banca dona 2 milioni, ma i tempi sono stretti

Un mattone importante quello messo da Ubi Banca per il restauro del teatro Donizetti: 2 milioni di euro saranno ufficializzati, nero su bianco, nei prossimi giorni. Grazie a questo contributo la Fondazione Teatro Donizetti dovrebbe aver superato la metà del lungo cammino verso i 18 milioni necessari per la ristrutturazione del gioiello aperto nel 1791.

Un mattone importante quello messo da Ubi Banca per il restauro del teatro Donizetti: 2 milioni di euro saranno ufficializzati, nero su bianco, nei prossimi giorni. Grazie a questo contributo la Fondazione Teatro Donizetti dovrebbe aver superato la metà del lungo cammino verso i 18 milioni necessari per la ristrutturazione del gioiello aperto nel 1791.

Prima però serve un obbligatorio passaggio burocratico, richiesto da Ubi al sindaco Giorgio Gori e a tutti i componenti del Consiglio comunale. L’aula deve riconoscere formalmente il ruolo della Fondazione Teatro Donizetti in qualità di soggetto istituzionale individuato per il recupero dei 18 milioni necessari al restyling.

Non si tratta di cavilli. Solo grazie a quel documento Ubi potrà accedere all’art bonus approvato dal governo lo scorso anno. Per i mecenati che contribuiscono al recupero del patrimonio artistico italiano sono previsti “incentivi fiscali per privati – siano imprese, enti o comuni cittadini – che potranno beneficiare di un credito di imposta al 65% per gli anni 2014-2015 e al 50% per il 2016, ripartito in tre quote annuali di pari importo”. Inutile spiegare l’importanza di avere tutte le carte in regola: Palafrizzoni non vuole farsi sfuggire la donazione e Ubi le detrazioni. E’ per questo motivo che lunedì sera i capigruppo si sono riuniti per velocizzare le tappe come chiesto dalla banca. L’atto formale sarà discusso dal Consiglio lunedì prossimo, 20 aprile. Dalle prime indicazioni sembra che ci sia il via libera anche dagli esponenti dell’opposizione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gioanpadan

    Italia paese di matti, il governo dà 18 milioni per un Hotel diroccato in montagna, sontuoso ma senza un progetto sensato se non qualcosa di esclusivo, tutto da vedere e poi non ce n’è per il teatro del capoluogo tuttora utilizzato: Una barzelletta!

  2. Scritto da stefano

    ma quanto e’ costato negli ultimi anni?

  3. Scritto da ureidacan

    Ma se Ubi fa la donazione ad aprile o entro dicembre 2015 il credito di imposta potrà essere utilizzato solo con la dichiarazione dei redditi che va fatta entro giugno 2016. Perchè tutta questa fretta? Boh!

    1. Scritto da fil

      Magari, forse, Perché siamo già in ritardo…i paesi evoluti si muovono in questo senso da tempo. I privati che erogano risorse per beni pubblici hanno incentivi fiscali. O devono sono cercare gli eventi sportivi che danno ritorni commerciali?