BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Regolamento movida, i paletti di Palafrizzoni: stop a mezzanotte e mezza

In estate stop a mezzanotte e mezza nel week end, a mezzanotte durante la settimana e la domenica. Nei mesi invernali invece limiti all'una e un quarto il venerdì e sabato, mentre a mezzanotte e mezza durante gli altri giorni della settimana.

Più informazioni su

In estate stop a mezzanotte e mezza nel week end, a mezzanotte durante la settimana e la domenica. Nei mesi invernali invece limiti all’una e un quarto il venerdì e sabato, mentre a mezzanotte e mezza durante gli altri giorni della settimana.

Sono i paletti orari fissati da Palafrizzoni nella prima bozza del regolamento (quindi ancora in discussione) “per la convivenza tra le funzioni residenziali e le attività dei pubblici esercizi di svago nel territorio cittadino”. Si tratta delle linee guida studiate dal Comune di Bergamo in seguito alla raccomandazione del tribunale amministrativo che ha bocciato l’ordinanza “anti movida” decisa prima di Natale dalla Giunta per cercare di risolvere il problema in Borgo Santa Caterina. I limiti orari, piuttosto restrittivi ma applicabili nei casi "peggiori", sono accompagnati da un premio orario di 30 minuti previsto per chi adotta una serie di comportamenti virtuosi per limitare i disagi alla popolazione.

ECCO LA BOZZA DEL REGOLAMENTO CON TUTTE LE PRESCRIZIONI

 

LE PRIME REAZIONI – L’amministrazione ha già incontrato alcuni esercenti durante incontri preliminari. Le prime reazioni, soprattutto di fronte ai limiti di orario, non sembrano essere positive positive. La bozza è stata inviata anche alle associazioni dei commercianti. “Si tratta di una bozza e come tale va trattata – spiega Filippo Caselli di Confesercenti -. Ci è stato fornito un quadro di riferimento in cui l’amministrazione vuole muoversi. Lo strumento riguarda tutta la città e non solo borgo Santa Caterina. Per ora non commentiamo, ci riserviamo di valutare a fondo tutto il documento. Faremo anche valutazioni sotto il profilo normativo per capire se sia legittimo. Non faremo mancare il nostro contributo critico nel merito”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luca

    Non capirò mai perchè il gestore deve sostituirsi alle forze dell’ordine. Con tutte queste menate, eviterò sicuramente Borgo Santa Caterina x le mie serate.

  2. Scritto da Ettore Muti

    Il signor barba e quelli come lui se ne facciano una ragione, anche se i locali dovessero chiudere per legge alle 24 la gente si organizzerà in modo da avere sempre a portata una bella birretta fresca anche alle 2 di notte.
    Voi restate sul divano ad appassire che noi scendiamo in strada a vivere, alla faccia vostra!

    1. Scritto da Barba

      Se per lei vivere è passare le serate a bere barrette e schiamazzare per la pubblica via lo faccia pure, lontano da quelli che il mattino dopo hanno qualcosa di più importante e utile da fare, cioè lavorare. Mica tutti amano far la vita del Michelass

    2. Scritto da gaulois

      Personalmente, Ettore, se ne beva quante ne crede di birrette l’importante e’ non gridare e non pisciare tutti in fila contro il muretto , altrimenti iniziano i problemi…prosit.

  3. Scritto da andrea

    non esiste legge che vieti alle persone di stare sul marciapiede….orari davvero assurdi per l’estate…

  4. Scritto da Paolo

    Siamo proprio pronti per Expo. Che amministrazione inadeguata!

  5. Scritto da il polemico

    non ho mai capito con che diritto giuridico si multano esercizi privati i cui clienti fanno casino sulla strada,quindi luogo pubblico.se fossero ritenuti causa di questa situazione,tanto vale multare la ferrari se un suo cliente gira per bergamo con motore su di giri che lo si sente in tutta la città

  6. Scritto da Pietro Ghiardi

    Caro Barba, e tutti quelli che invece un lavoro non l’avranno più a causa di questa restrizione? Peraltro non credo sia legale visto che il decreto salva Italia ha liberalizzato gli orari di apertura

    1. Scritto da barba

      A chi ti riferisci? Avventizi che fanno lavori saltuari? Forse sarebbe ora che si cercassero un lavoro vero, di quelli che ci si alza la mattina e si torna a casa la sera.

      1. Scritto da pablo

        mammamia che brutta vita.

        1. Scritto da Barba

          Immagino la tua: 5 giorni di tortura da sfogarsi con un Venerdì sera di bagordi e di ubriachezza. Che bella vita! Ci sarebbe anche il ponte di Paderno…

  7. Scritto da Lotto

    Certo!quindi ogni week end dovremmo tutti andare in riviera.

  8. Scritto da alfbianco

    La dichiarazione di Caselli mi pare molto interessante ed equilibrata: a differenza del giornalismo sparato di questi giorni, Caselli si muove con la giusta prudenza e parla di dialogo e apporto. Non male. Sono d’accordo con Confesercenti. Almeno ora c’è un testo su cui iniziare a ragionare: bene che l’amministrazione voglia affrontare anche le magagne con coraggio. Al di là delle questioni politiche.

  9. Scritto da Barba

    Restrittivi? Per chi vuole dormire e al mattino lavora! Era da fare alle 23.00 durante la settimana (che è già tardi!) e alla mezzanotte durante il week end!!!! Bergamo è una città mica la riviera romagnola dove la gente va in vacanza!!!!

    1. Scritto da thomas

      per la cronaca la colpa è del comune che non adotta misure adeguate per contenere una situazione gia assodata da anni , lei per caso abita qua in via o è uno dei giustizieri che del borgo non sanno nulla e parla per sentito dire? io son qua tutti i giorni per a cronaca e di casino cosi insopportabile non ce n’è sappiamo benissimo che le lamentele arrivano solo da una piccola minoranza di facoltosi e ricchi di conoscenze importanti

    2. Scritto da manuel

      Puoi dormire lo stesso senza togliere la libertà a tutte quelle persone che al w.e. non voglio rincasare a mezzanotte. Che ragionamento da vecchi…

    3. Scritto da parimbelli tep

      Bergamo è il secondo aeroporto per traffico in italia.
      quanto odio l’ignoranza.

      1. Scritto da barba

        Anch’io la detesto l’ignoranza! Infatti si chiama Aeroporto Caravaggio di Milano Orio al Serio. Credevi che venissero da tutto il mondo per passare la movida in Santa Caterina?

        1. Scritto da Davide

          Barba il borgo è di tutti non solo di chi ci abita, questo è un chiaro modo di privatizzare lo spazio pubblico…vuoi stare tranquillo? non abitare in città, non te lo ha ordinato nessuno..

          1. Scritto da Barba

            Appunto il borgo è di tutti e non solo di chi usa il borgo per schiamazzare, ubriacarsi, e disturbare il prossimo. Nessuno ti ha ordinato di urlare alle due di notte in mezzo alla strada, vai su alla Maresana che non disturbi nessuno, forse qualche volpe.

        2. Scritto da io

          sei residente in S.caterina o parli per partito preso?

        3. Scritto da sergio

          la prossima volta ti prendi una bella casetta in collina cosi dormi quanto vuoi, mia in borgo s. caterina per fare il fenomeno però pretendere che poi non voli una mosca!!! coerenza caro barba

          1. Scritto da Barba

            Mica abito in S.ta Caterina! Sono mica matto!