BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pagamento senza ritardi Le aziende bergamasche al quinto posto in Lombardia

Ben il 52,7% ha saldato puntualmente le fatture ai fornitori, il 40,8% ha regolato i conti con un ritardo fino a 30 giorni dai termini concordati, solamente il 6,5% oltre i 30 giorni. Una performance migliore sia della media regionale (46% di pagamenti puntuali) sia di quella nazionale (36,3%).

Più informazioni su

Le imprese della Provincia di Bergamo, dati aggiornati a fine marzo 2015, si posizionano al quinto posto in Lombardia in tema di puntualità nei pagamenti commerciali.

Ben il 52,7% ha saldato puntualmente le fatture ai fornitori, il 40,8% ha regolato i conti con un ritardo fino a 30 giorni dai termini concordati, solamente il 6,5% oltre i 30 giorni. Una performance migliore sia della media regionale (46% di pagamenti puntuali) sia di quella nazionale (36,3%). Si segnala però il peggioramento dei ritardi gravi, passati in 5 anni dal 2,5% del 2010 al 6,5% attuale. È quanto emerge dallo Studio Pagamenti in Lombardia realizzato da CRIBIS D&B, la società del Gruppo CRIF specializzata nelle business information, che ha analizzato i comportamenti di pagamento delle imprese Lombarde del nel primo trimestre 2015.  

A seguire, dopo Sondrio, nella classifica delle province più virtuose, si piazza Brescia 53,9%, Mantova 53,6%,  Lecco 53,1%, Bergamo 52,7%, Cremona 51,4%, Como 49,4% Varese 45,9%, Pavia 44,6%, Monza e Brianza 44,5%, Lodi 44,1%. Chiude in netta difficoltà Milano con solo il 37% di pagamenti alla scadenza a fronte di un 11,8% di ritardi gravi.  

A livello regionale, il 46% delle imprese della Lombardia salda alla scadenza le fatture ai fornitori, mentre il 44,8% mostra un ritardo fino a 30 giorni dai termini concordati e il 9,2% oltre i 30 giorni. Dall’analisi dello scenario si osserva che le imprese lombarde accusano problematiche comuni all’intero tessuto industriale italiano, legate all’aumento dei ritardi gravi negli ultimi anni. A fronte di un aumento del 18,3% dei pagamenti puntuali rispetto al 2010, i ritardi superiori ai 30 giorni sono aumentati addirittura del 206,7%. Calati invece del 22,9% i pagamenti entro il primo mese di ritardo. Nonostante i dati non incoraggianti, la Lombardia esibisce performance di pagamento nettamente migliori rispetto sia alla media nazionale (36,3% di imprese puntuali, 15,7% di ritardi oltre i 30 giorni) sia all’area geografica di appartenenza (43% di pagamenti virtuosi).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.