BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

McDonald’s contro la pizza Il M5S chiede di bloccare lo sponsor per Expo 2015

E' proprio andato di traverso ai napoletani lo spot di McDonald's in cui un bimbo preferisce l'hamburger alla pizza. Nei giorni scorsi sono stati i pizzaioli a scagliarsi contro il fast food statunitense. Ora scende in campo anche la politica.

Più informazioni su

E’ proprio andato di traverso ai napoletani lo spot di McDonald’s in cui un bimbo preferisce l’hamburger alla pizza. Nei giorni scorsi sono stati i pizzaioli a scagliarsi contro il fast food statunitense. Ora scende in campo anche la politica. Valeria Ciarambino, candidata alla presidenza della Regione Campania per il Movimento 5 Stelle chiede ufficiallmente lo stop di McDonald’s in qualità di sponsor Expo. "Il M5S presenterà un ricorso all’Agcom per chiedere di oscurare lo spot di McDonald’s che spaccia un suo hamburger come cibo per bambini più sano di una pizza. Non possiamo permettere che McDonald’s offenda e ridicolizzi il fiore all’occhiello e il simbolo della gastronomia italiana senza battere ciglio. Renzi, visto che ama spendere sempre tante belle parole per la valorizzazione delle eccellenze italiane, dimostri che ha davvero a cuore questa ricchezza della cucina italiana, che porta lustro alla Campania e all’Italia tutta ed è candidata a diventare patrimonio culturale dell’umanità per l’Unesco: Renzi faccia ritirare subito la sponsorizzazione di McDonald’s da Expo 2015! Se McDonald’s offende l’Italia, l’Italia può far benissimo a meno di McDonald’s, a maggior ragione per l’Expo, che dovrebbe promuovere le eccellenze enogastronomiche e non certo il cibo da fast food. Il tema dell’Expo è ‘nutrire il Paese’, non ingrassarlo".

LO SPOT INCRIMINATO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo

    Nel magna magna complessivo di expo, non è fuori luogo nemmeno McDonald’s.

  2. Scritto da Padania Celtica

    Meglio la pizza? Certo:quella con olio evo,mozzarella a pasta filata (o addirittura di bufala),pomodoro pachino igp e basilico fresco. In tutta Milano (compresa provincia) ce ne saranno TRE! Per cui il fanciullo può tranquillamente continuare ad avvelenarsi con un eppi mil o col chebabbaro che tanto è uguale!

  3. Scritto da Mitiar1

    ‘Che pizza vuoi?’ ‘Uh happy meal’

    ……. Questo il dialogo che infanga la pizza??????

  4. Scritto da Fausto

    M5S, ma davvero non avete nulla di meglio da dire?
    lo spot in questione è molto simpatico e non è per nulla vero “che spaccia un suo hamburger come cibo per bambini più sano”. Per inciso tra pizza e hamburger preferisco anche io la pizza…che non mi sembra nè offesa nè ridicolizzata! (e tantomeno l’Italia)

  5. Scritto da Nino

    Comunque uno è libero di dire che la pizza fa schifo. E anche la polenta.

  6. Scritto da Giggi

    Vergogna! Che la politica se ne stia fuori dalle libere scelte. Non si può sostituire l’educazione alla libera scelta delle persone con dei divieti da regime comunista!

    1. Scritto da Lino

      Ah già, certo, perché McDonald è un “debole” e i 5 stelle sono i poteri forti della politica…. Pazzesco il girare le carte in tavola così spudoratamente. La vergogna è che i promotori di EXPO (quindi i governanti-politici) lascino infangare l’etica e la filosofia di EXPO e dei nostri prodotti a favore di uno sponsor notoriamente produttore di cibo border line……

      1. Scritto da Giggi

        Il problema è che questa vecchia mentalità (metterei dentro anche Lei) non prevede l’intelligenza delle persone ed il loro poter decisionale. Evviva il divieto e la persuasione piuttosto che le presa di coscienza!. Ma qualcuno la obbliga a mangiare l’Happy meal o teme di non resistere di fronte alla pubblicità ed ogni volta correrà all’Orio Center?

        1. Scritto da pablo

          ho la netta sensazione che lei si sopravvaluti. senza offesa.

          1. Scritto da Giggi

            Non capisco in che senso mi sopravvaluto ma apprezzo la sua educazione

        2. Scritto da Lino

          Anche se destinato al fallimento commerciale per ovvi motivi, non lascerei gestire o propagandare un asilo nido ad un pedofilo…. Comunque ha ragione lei, la gente ha il proprio cervello e lo userà

  7. Scritto da daccordo

    visto che sono stati accettati come sponsor di quella che dovrebbe essere la manifestazione per l’eccellenza sul cibo “local e genuino”, questo nuovo spot che sputt….a a livello mondiale uno dei fiori all’occhiello della nostra cucina mi sembra davvero un colpo basso di marketing. Poi naturalmente la colpa mica e’ loro ma di chi a mangiare questo cibo “spazzatura” ci va’ e ci porta pure i figli… se solo vedessero la roba che mangiano come viene prodotta e cucinata forse cambierebbero idea..

    1. Scritto da ludo

      non so se questo cibo si possa definire “spazzatura” o meno , ma resta il fatto che il tema dell’ educazione alimentare fa il paio con quello dell’educazione in senso stretto e ahimè , anche qui affiorano le magagne ….

  8. Scritto da max

    de gustibus non disputandum est