BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Denis torna bomber, Cigarini metronomo E Stendardo è un muro

L'argentino torna a segnare e ad essere decisivo, mentre il regista emiliano risponde alle critiche con una prestazione da senatore. In difesa bocciati i due esterni e Biava, ma promosso a pieni voti l'ex laziale Stendardo.

Più informazioni su

Sportiello 6: non può fare nulla sul gol di Berardi; per il resto del match è ordinaria amministrazione.

Benalouane 5: sua, al 100%, la colpa del gol del momentaneo pareggio del Sassuolo, che poteva costare carissima a tutti. Tiene in gioco Berardi per poi inventarsi un’inutilissima rincorsa sul giovane bomber neroverde. Da rivedere.

Biava 5.5: si fa cacciare a pochi minuti dal termine, mettendo in difficoltà la squadra in un momento importante e delicato: leggerezze così non le può commettere proprio lui.

Stendardo 7: il difensore campano è un muro vero e proprio, impossibile da superare. Altra buonissima prova per l’ex laziale, che annulla prima Floccari e poi Zaza.

Dramè 5.5: dà l’impressione di essere sempre in difficoltà, sia nei movimenti che con la palla tra i piedi. Peccato, perché quando si propone in avanti i suoi cross sono spesso pericolosi.

Zappacosta 5.5: l’esterno ex Avellino ci ha offerto prestazioni di gran lunga migliori (22′ st Estigarribia 6.5: guarda chi si rivede. Il paraguaiano viene buttato nella mischia sul più bello e regala un contributo senza dubbio prezioso alla causa. Bentornato).

Cigarini 7: il mezzo al campo sembra tornato il miglior Cigarini, quello che fa girare la squadra, detta i tempi dell’azione e, perché no, prova anche a tirare in porta. Sarà un caso, ma le più belle prestazioni dei nerazzurri sono coincise con le sue prove più convincenti (43′ st Migliaccio S.V.).

Carmona 6.5: si vede poco ma il suo lavoro si fa sentire eccome. Spezza il gioco del Sassuolo e offre la dovuta copertura alla difesa: promosso.

Gomez 6.5: cala nella ripresa, ma nel primo tempo è un vero e proprio fiume in piena. Quando ha la palla lui, la difesa del Sassuolo ha tutti i motivi per tremare, sempre. Solo una gran parata di piede di Consigli gli nega la gioia del primo gol bergamasco, per ora rimandata.

Mazi Moralez 6.5: il folletto argentino non punge più di tanto e perde diversi palloni. Ma conquista il calcio di rigore che, 200 secondi dopo il pari di Berardi, riporta avanti l’Atalanta (37′ st Masiello S.V.).

Denis 8: rieccolo, il Tanque. Due gol, tante sponde e tanta corsa. E’ lui a prendersi sulle spalle i compagni e a trascinarli, da vero bomber e uomo-simbolo, verso una vittoria che vale tanto, tantissimo. 

 

Reja 7: nel momento più delicato della stagione mette da parte gli esperimenti e le novità e si affida al modulo che l’Atalanta conosce meglio, il collaudatissimo 4-4-1-1. Una scelta saggia e decisiva che forse poteva anche essere presa un attimo prima. Ma va bene così: il traguardo della salvezza appare ora più vicino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.