BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ubi Banca, ai vertici delle controllate i manager interni

Designati Gianluca Bisognani Direttore Generale di UBI Pramerica, Cesare Colombi Direttore Generale di Prestitalia e Andrea Pennacchia Direttore Generale di IWBank Private Investments.

Ubi Banca annuncia l’avvicendamento ai vertici di alcune controllate in coincidenza con l’avvio di un nuovo ciclo societario che comprende, tra l’altro, il potenziamento dell’attività di Prestitalia, e la fusione di IWBank in UBI Banca Private Investment con la conseguente nascita di IWBank Private Investments.

Andrea Pennacchia, attualmente Direttore Generale di UBI Pramerica, la Sgr del Gruppo, è stato designato ad assumere la carica di Direttore Generale di IWBank Private Investments.

Gianluca Bisognani, attualmente Direttore Generale di IWBank, è stato designato ad assumere la carica di Direttore Generale di UBI Pramerica.

Cesare Colombi, attualmente Direttore Generale di UBI Banca Private Investment è stato designato ad assumere la carica di Direttore Generale di Prestitalia, società finanziaria del Gruppo dedicata al credito al consumo. Cesare Colombi succederà a Marco Castelli, il quale entrerà a far parte della Direzione Generale di UBI Factor.

E’ stato inoltre recentemente rinnovato il consiglio di amministrazione di UBI Banca Private Investment (tecnicamente la banca integrante) presieduto da Massimo Capuano. Vice Presidente sarà Francesco Iorio che ricopre anche la carica di Direttore Generale del Gruppo UBI Banca.

La fusione tra IWBank e UBI Banca Private Investment avrà efficacia giuridica a partire dal 25 maggio 2015, mentre i profili contabili e fiscali avranno effetto a partire dal 1 gennaio 2015. Le nomine dei nuovi Direttori Generali dovranno essere deliberate dai consigli di ciascuna società e avranno efficacia anch’esse dal 25 maggio.

ECCO CHI SONO:

GIANLUCA BISOGNANI

Gianluca Bisognani, Direttore Generale di IWBank da 2012. E’ entrato in UBI Banca nel 2006, come Responsabile Commerciale Private, poi nominato  Responsabile Private Banking di Gruppo, dove si è occupato del coordinamento delle reti private delle 9 banche, una filiera di oltre 400 professionisti per la gestione di circa Eur 35mld di asset, e dei servizi di advisory per i clienti high-net-worth e istituzionali (Pro-AWA, Family Business).

Dal 2000 al 2005 ha svolto attività di consulenza in McKinsey & Company, occupandosi sia di tematiche strategiche e organizzative, sia di sviluppo commerciale, su clientela Private, Retail e Corporate per i principali gruppi bancari italiani ed europei. In precedenza è stato analista e ispettore di vigilanza in Banca d’Italia (1997-1999) e consulente Prometeia sulla gestione dei rischi finanziari nel settore bancario.

Già consigliere di amministrazione di UBI Banco di San Giorgio, UBI Banca Private Investment, UBI Fiduciaria e dell’Associazione Italiana Private Banking (AIPB), è attualmente membro del Comitato Direttivo di ASSOSIM e del Comitato Esecutivo europeo dell’Asset Management and Investors Council dell’International Capital Markets Association (ICMA).

 

MASSIMO CAPUANO

Attualmente Presidente di IWBank e di UBI Banca Private Investment. In precedenza è stato Amministratore Delegato di Centrobanca, la Corporate & Investment Bank del Gruppo UBI Banca, da febbraio 2011 a maggio 2013 e prima ancora di Borsa Italiana S.p.A. da gennaio 1998 a marzo 2010 e Deputy CEO del London Stock Exchange Group da ottobre 2007. 

Nel Gruppo Borsa Italiana e nelle società controllate, ha ricoperto numerosi incarichi con importanti deleghe operative, oltre a essere stato membro di numerosi Comitati di interesse nazionale istituiti dai competenti dicasteri.

A livello internazionale, Massimo Capuano ha operato in vari organismi tra cui la World Federation of Exchanges e la Federazione delle Borse Europee (FESE) di entrambe le quali è stato Presidente. In precedenza è stato Senior Partner di McKinsey & Company dove ha lavorato dal 1986 al 1997 prestando consulenza principalmente nel settore delle Financial Institutions e dell’Information Technology. Prima ancora ha maturato un’esperienza pluriennale in IBM e Ranx Xerox. E’ membro del Comitato permanente di consulenza globale e di garanzia per le privatizzazioni istituito dal Ministro dell’Economia e delle Finanze.

 

CESARE COLOMBI

Cesare Colombi, Direttore Generale di UBI Banca Private Investment (in precedenza BPU Sim). 

Nel Gruppo dal 2004, ha portato la struttura da lui diretta dall’avere circa 400 promotori con 0,7 mld di AuM agli attuali 740 Promotori Finanziari con 7,72 mld di asset gestiti.

Membro del Consiglio di Amministrazione di Assoreti e del Comitato di Gestione della medesima associazione.

In precedenza Colombi, che ha cominciato la propria carriera come Promotore Finanziario, ha ricoperto varie posizioni nel Gruppo Banca Popolare di Lodi fino a quella di Responsabile Commerciale di Bipielle Network.

Successivamente è stato Direttore generale e Rappresentante Legale di GE Financial Insurance appartenente al Gruppo General Electric – Membro del GE Business Council in Italia.

 

ANDREA PENNACCHIA

Andrea Pennacchia, Direttore Generale di UBI Pramerica dal 2011. Ha fatto il suo ingresso nel Gruppo bancario nel 2003, ricoprendo prima il ruolo di responsabile della struttura di Sviluppo Strategico di UBI Banca, successivamente la carica di Vice Direttore Generale di UBI Assicurazioni e infine, sino al suo ingresso in UBI Pramerica, il ruolo di responsabile dell’Area Organizzazione di Gruppo.

 Precedentemente ha maturato una pluriennale esperienza nel settore della consulenza strategica e organizzativa, lavorando per McKinsey & Company e per Accenture in numerosi progetti al servizio di istituzioni finanziarie nel settore del Retail Banking. Riveste attualmente le cariche di Presidente del Collegio dei Revisori e di Presidente del Comitato Comunicazione di Assogestioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da max

    A parole bravissimi,nei fatti poi tutto da dimostrare,intanto le azioni valgono una cicca 7,70 contro i 22 euro del 2006 ok