BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’avvocato e l’Università Una borsa di studio intitolata a Mario Caffi fotogallery

L'Università di Bergamo e il Rotary Club Bergamo Ovest istituiscono una borsa di studio intitolata all'avvocato Mario Caffi, a due anni dalla sua scomparsa. La borsa di 5.000 euro è a sostegno del progetto Bergamo2.035 in collaborazione con l'Harvard University Graduate School of Design.

La sua professionalità e l’esperienza di avvocato Mario Caffi le aveva messe a disposizione dei giovani. Degli studenti dell’Università di Bergamo quando l’ateneo era ancora in fase di sviluppo e di crescita.

Le sue lezioni sono diventate memorabili (come ricordano gli studenti stessi) ed era quasi naturale che l’Università di Bergamo istituisse una borsa di studio intitolata a lui, il professor Mario Caffi, scomparso all’età di 74 anni il 14 settembre 2013.

Così a quasi due anni dalla morte il Rotary Club Bergamo Ovest con l’Università di Bergamo gli intitolano una borsa di 5.000 euro a sostegno del progetto Bergamo2.035 in collaborazione con l’Harvard University Graduate School of Design.

Spiega il presidente del Rotary Bergamo Ovest Paolo Fiorani: "Abbiamo deciso di intitolare una borsa di studio a Mario Caffi, nostro socio dei primissimi anni, per legare a lui le molte persone che lo hanno conosciuto e gli hanno voluto bene. La scelta è caduta sul cofinanziamento di Bergamo 2.035, un progetto per lo sviluppo della città, per la passione che Mario ha dedicato all’insegnamento universitario e per il suo amore per Bergamo. La borsa di studio finanzierà uno studente che si recherà all’Harvard University Graduate School of Design che, con i suoi colleghi italiani e americani, svilupperà un tassello di questo progetto che rappresenterà una vera e propria Visione Futura della città".

E Federico Caffi, figlio dell’avvocato Mario, commenta: "Sono grato all’università di Bergamo e al Rotary Club Bergamo Ovest per questa iniziativa, che – a distanza di quasi due anni dalla scomparsa di mio padre – dimostra quanto lo stesso ha fatto per la città e per l’università, nella quale ha sempre creduto. Collaborando con la cattedra di diritto privato, mi capita tuttora di intrattenermi con studenti che avevano assistito alle lezioni di Mario e che lo ricordano con affetto e stima".

Nel pomeriggio di venerdì 10 aprile, alle 14, nella sede di via Salvecchio alla presenza del rettore Stefano Paleari, di Paolo Fiorani, presidente del Rotary Club Bergamo Ovest, del figlio Federico e della moglie Francesca, verrà ufficializzata la borsa di studio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.