BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Con questi tagli a rischio il futuro di tutti i dipendenti della Provincia di Bergamo”

Le previsioni meno ottimistiche relative ai tagli del governo per la Provincia di Bergamo parlavano di “meno 15 milioni di euro”. Invece saranno 18,2 i milioni che non arriveranno più in Bergamasca. Più che una brutta notizia, una catastrofe.

Più informazioni su

Le previsioni meno ottimistiche relative ai tagli del governo per la Provincia di Bergamo parlavano di “meno 15 milioni di euro”. Invece saranno 18,2 i milioni che non arriveranno più in Bergamasca. Più che una brutta notizia, una catastrofe. Il punto di domanda sul futuro dei dipendenti non riguarda più solo i 50 destinati a finire in Regione o nei Comuni bergamaschi. Il rischio è di dover lasciare a piedi tutti i dipendenti. Una tale mannaia sui trasferimenti impone una riflessione sulla sostenibilità economica di tutto l’ente. Se le cifre saranno confermate, non ci saranno più le risorse per gli investimenti: addio strade, manutenzioni alle scuole, trasporti. Il tutto in un quadro normativo ancora da definire. “Siamo molto preoccupati per il futuro di tutti i dipendenti, perché con questi tagli non si va da nessuna parte – spiega Gian Marco Brumana, sindacalista della Funzione pubblica della Cgil -. Insieme al presidente Rossi abbiamo deciso di non presentare le liste previste dalla riorganizzazione perché la Regione non ha ancora definito quali funzioni si prenderà in capo. C’è certezza solo sul numero dei lavoratori che andranno in pensione e quelli destinati al prepensionamento. Sugli altri c’è solo un grande punto di domanda perché nei fatti non ci sono i soldi per fare nulla”.

Preoccupato anche il presidente del Matteo Rossi, che si appella al ministro Martina per cercare di dare prospettive anche ai servizi finora garantiti dalla Provincia. “Ha vinto la lobby delle città metropolitane, perché a loro è stato tagliato molto meno che a noi – spiega Matteo Rossi, presidente della Provincia -. Queste decisioni sono state prese da chi non conosce la realtà. Qui ci sono servizi da garantire, famiglie a cui dare risposte. Ho già mandato un messaggio al ministro bergamasco Maurizio Martina per esortarlo a cambiare qualcosa”. Il presidente della Regione Roberto Maroni ha annunciato che si riprenderà tutte le funzioni. Per Rossi è un "grande bluff. Vorrebbe prendersi le competenze senza il personale, e che mentre spende 30 milioni per un referendum inutile sull’autonomia vorrebbe riaccentrare tutto a Milano alla faccia del federalismo. Il principio è chiaro: se la Provincia svolge una funzione regionale che costa 100, deve trasferirmi 100. Se vuole riprendersi la delega deve prendersi il personale, salvo poi pagarci l’affitto per metterlo negli uffici dove già lavora. Bisognerebbe essere un po piu seri anziché mettere in difficoltà i presidenti di Provincia solo perché non sono del suo partito. Caro Maroni, il territorio viene prima di tutto".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luis

    1. Le province sono state svuotate (non ancora abolite, studiate e informatevi…) da una legge di Del Rio, oggi neo ministro, da sempre PD e renziano. 2. Sapete quanti lavoratori sono rimasti disoccupati solo negli ultimi 5 anni? Perché solo i dipendenti pubblici dovrebbero essere intoccabili? Cosa fanno di così indispensabile?

    1. Scritto da Così è...

      Niente, ma sono amici degli amici! E’ un paese profondamente disonesto coi suoi cittadini, creatore di iniquità sociali e lavorative. Ma arriveremo al dunque, prima o poi…

  2. Scritto da Marco

    perchè invece di accanirsi contro la Provincie non si cancellano gli ENTI INUTILI, ovvero quelli creati ai tempi che furono per scopi ora non più necessari?!?

    1. Scritto da Ingenuo

      Che domanda ingenua

  3. Scritto da sisi

    Il CFS chiude e dovrebbe venire accorpato,la Polizia provinciale(vigilanza caccia pesca ecc)chiude o… Ma poi chi vigilera e reprimera,i reati contro l’ambiente?

    1. Scritto da Ovvio

      Esistono a partire dagli anni ’90 : si farà come prima. Gli uomini non diminuiranno, cambieranno le dipendenze e le gerarchie che saranno meno. Dov’è il problema ?

      1. Scritto da e allora?

        E allora a che serve l’accorpamento?

  4. Scritto da Alberto

    “Queste decisioni sono state prese da chi non conosce la realtà”:e dove starebbe la novità, con questo s-governo? Tutte le leggi di fonzie hanno un tale marchio…

  5. Scritto da giuanpadan

    Caro Rossi, ha vinto la logica delle cittá metropolitane…….Quanti sono isindaci di destra? E della lega? Non sono invecr tutti sindaci del PD? Pisapia, Marino, De magistris sono di dx? E a Firenze, Genova, Bologna, Salerno……. devo continuare ? E il giverno nazionale che taglia? Leghista anche quello? Stai solo difendendo il tuo partito e basta, e non contar bugie che hanno le gambe corte. E abbi il coraggio di rispettare ciò che la legge prrvede.

    1. Scritto da PadanDeChe ?

      Era leghista il governo che dopo aver portato la nazione sull’orlo del fallimento ha costretto i subentranti ai tagli . O eri su un’isola deserta in quegli anni ?

      1. Scritto da Sucate

        La corte dei conti (uno dei pochi organismi che ha voce per esprimersi sul default o meno del bananistan) non ha mai parlato di rischio default nemmeno come remota ipotesi. Se poi secondo Lei devo dare più credito ai grembiulini dello spread,cui va il (de)merito di averci rifilato rigor Montis,mi spiace ma non ci riesco. Comunque è la giusta punizione per chi dà più peso alle dichiarazioni del capo-cosca Belsito su un’ (ipotetica) ristrutturazione della casa di Bossi anzichè al res. fisc.

        1. Scritto da PadanDeChe ?

          La sezione barzellette non è questa, cerca nel sito.

  6. Scritto da Magister

    Ma Rossi la smetta, è il suo partito che sta facendo questo casino, si dimetta o abbia il coraggio di dire che questa riforma fa schifo, certo poi il partito non ti premierà con una candidatura da qualche parte appena finito il lavoro sporco, cioè liquidare la provincia e i suoi dipendenti, lui consapevolmente sta al gioco, il suo compito è che tutto accada lasciando poi agli ignari cittadini le nefaste conseguenze, doppiogiochista!

  7. Scritto da Enti utili e inutili

    Ma non si era sbandierato a destra e manca che le provincie dovevano chiudere e le relative competenze passare in carico ad altri enti ? Su come poi operativamente funzionino alcune di queste competenze (a titolo di solo esempio il collocamento dei disabili) meglio non approfondire.

  8. Scritto da Peppe

    Ancora una volta emerge la vera natura della lega…i primi mangiapane a tradimento….bravissimi

    1. Scritto da Ales

      Premesso che non sono leghista ma qualcuno aveva detto che non si perdevano posti di lavoro, ma forse come il proclama una riforma al mese oppure stai sereno…….

      1. Scritto da Pico

        E quanti posti di lavoro si sono persi ? Mi fai l’elenco dei dipendenti della Provincia licenziati ? Zero ? Ah bèh ……

        1. Scritto da ales

          i prepensionamenti cosa sono………………………….informati e stai sereno

          1. Scritto da Ugo

            cioè prepensionamenti = licenziamenti ? E bere meno ?

          2. Scritto da Ales

            stai sereno io sono completamente astemio forse tu no!