BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, caos da movida La soluzione del questore: “Daspo agli indisciplinati”

La soluzione ai disagi provocati dalla movida in città? Il Dadisc, una sorta di Daspo per i locali notturni. E' una delle tematiche affrontate dal nuovo questore di Bergamo Girolamo Fabiano nel corso della presentazione alla stampa: "In questa città ci sono un sacco di locali carini e vanno valorizzati e preservati"

Più informazioni su

 La soluzione ai disagi provocati dalla movida in città? Il Dadisc, una sorta di Daspo per i locali notturni. E’ una delle tematiche affrontate dal nuovo questore di Bergamo Girolamo Fabiano nel corso della presentazione alla stampa, e ai bergamaschi.

"In questa città ci sono un sacco di locali carini e vanno valorizzati e preservati da chi approfitta della movida notturna per compiere atti contro la legge – le parole di Fabiano – . Dall’abuso di alcol allo spaccio di droga, passando per gli schiamazzi nelle ore serali. In questo senso so che è in fase di realizzazione una nuova legge, che ci permetterà di punire con misure simili al Daspo da stadio chi delinque".

Si chiama Dadisc la legge per impedire l’accesso ai locali a chi consuma o spaccia droga e a chi è coinvolto in risse o episodi di violenza. L’idea è partita qualche mese fa dalla riviera romagnola ed è stata raccolta dal presidente del gruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta, e dal presidente della Commissione Affari costituzionali di Montecitorio, Francesco Paolo Sisto.

Discoteche come stadi, insomma. I proprietari dei locali nominerebbero un responsabile della sicurezza che agirebbe in collaborazione con le forze della polizia, segnalando i nomi degli indisciplinati. A quel punto il questore emetterebbe il “Dadisc” (un provvedimento simile al “Daspo” in ambito sportivo), disponendo il divieto d’ingresso nelle discoteche, con tanto di ammenda.

Una proposta che un giorno potrebbe diventare, a tutti gli effetti, una legge: "Sono pronto ad accoglierla e attuarla al più presto – il commento del questore Fabiano – In ogni caso, per chi a Bergamo delinque in questo senso, firmerò personalmente un foglio di via con il quale non potrà più entrare in città senza il mio permesso". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nico

    Mai fu più profetico lo slogan: IERI PER GLI ULTRA’, OGGI PER TUTTA LA CITTA’…ma si dai introduciamo la tessera della movida… così dopo aver svuotato gli stadi svuotate anche tutti i locali… Troppo complicato punire i colpevoli vero? Il passo successivo sarà punire per responsabilità oggettiva tutti i locali di una zona o di una via (sia quelli con clienti “bravi” sia quelli con clienti “cattivi” )? IERI IL BARETTO, DOMANI DA SANTA CATERINA AL LAZZARETTO

  2. Scritto da Daniele

    Bergamo è ancora, fortunatamente, una città decente, ora, a me non sembra assolutamente il caso di insultarne i cittadini con richieste di documenti e controlli all’ingresso dei locali. Manco fossimo la periferia di Manchester o nei barrios di Caracas…

  3. Scritto da stefano

    Quindi per andare al bar o in discoteca serve la tessera o faranno i biglietti nominali. Una domanda, ma se pigliassi il DADISC a Bergamo, posso andare a ballare in trasferta????

  4. Scritto da Franco

    Interessante.
    Peccato che il “caos” movida a Bergamo non abbia nulla a che vedere con le discoteche e l’ingresso nei locali, visto che il “caos” si fa per strada con bottiglie e bicchieri abbandonati e i portoni dei palazzi usati come orinatoi.
    Le lamentele arrivano per alcuni incivili che frequentano i locali in città, non per chi decide di drogarsi in discoteca.

  5. Scritto da Giggi

    Finalmente una vera soluzione. Punire chi delinque: ci voleva molto?

  6. Scritto da bla bla bla

    I questori sono come i politici in campagna elettorale. promettono fuoco e fiamme e poi diventano docili pompieri dopo pochi mesi.

    1. Scritto da KAPPA

      Vero allora chissà che mega controlli anti-ubriaconi anche alla stazione autolinee o lì non si farà mai nulla ? Come sempre due pesi e due misure o mi sbaglio ? Gradirei una risposta scritta anche dal nuovo questore ….io aspetto e spero !

      1. Scritto da krapina

        Ma dai il prossimo posto dove poter fare un po’ di movida senza problemi non puoi pubblicizzarlo così…per non parlare d’altro ..via Bonomelli in mano a spaccio costante non si può far finta di nulla quando basta passare a metà via e veder i soliti noti alle macchinette del caffè non certo a distribuire noccioline.. spero che il nuovo questore veda anche cose !