BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Piano d’azione Trenord, Maroni e Sorte: “Obiettivo la puntualità”

Migliorare il servizio ferroviario regionale: il piano è stato presentato mercoledì 28 gennaio a Palazzo Lombardia, dal governatore lombardo Roberto Maroni, dall'assessore regionale alle Infrastrutture e mobilità, il bergamasco Alessandro Sorte, e dall'ad di Trenord Cinzia Farisè.

Più informazioni su

Primo obiettivo la puntualità. E’ il punto principale del piano d’azione per migliorare il servizio ferroviario regionale presentato mercoledì 28 gennaio a Palazzo Lombardia, dal governatore lombardo Roberto Maroni, dall’assessore regionale alle Infrastrutture e mobilità, il bergamasco Alessandro Sorte, e dall’ad di Trenord Cinzia Farisè.

L’amministratore delegato dell’azienda di trasporti ha sottolineato che al suo insediamento come ad, il 19 novembre scorso, "l’indice di puntualita’ era pari a 72" e "l’obiettivo minimo e’ di arrivare a 82 nel 2015" e poi "nel giro di tre anni (entro il 2018) a 90".

Da oggi all’Expo si prestera’ particolare attenzione a "cinque direttrici critiche": la Novara- Milano-Treviglio; la Domodossola-Milano; la Bergamo-Milano (via Carnate); la Verona-Brescia-Treviglio-Milano e la Mantova-Milano. Ma c’e’ anche un "codice rosso", che riguarda la linea Bergamo-Milano (via Treviglio) su cui l’obiettivo e’ arrivare a "un indice di puntualita’ del 90% entro 6 mesi" quando nel novembre scorso l’indice era al 79%. Farise’ ha poi aggiunto che "la carenza di treni e’ tra le cause principali dell’inefficienza del servizio: ogni giorno ne servirebbero 10 in piu’".

Un problema che pero’ dovrebbe essere superato grazie ai "63 nuovi treni programmati per il triennio 2014-2016". L’ad, quindi, ha ricordato che "nel 2014 sono aumentati i fenomeni di microcriminalita’ a bordo treno". In particolare "e’ cresciuto il numero degli atti vandalici gravi" per "un costo complessivo di 8 milioni di euro".

E poi "aumentata l’evasione del pagamento del titolo di viaggio, che soprattutto su alcune direttrici e in orari serali ha raggiunto livelli allarmanti".

Nel suo intervento il presidente Maroni ha parlato di "un piano concreto, molto ambizioso ma ineludibile visto il peggioramento della performance nel 2014". Il governatore ha quindi concluso: "Garantiamo il pieno sostegno della Regione a questa iniziativa, che ha come obiettivo la puntualita’".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da edoardo

    L’amministrazione regionale ha già dimostrato con i fatti le sue intenzioni rispetto alla mobilità: finanziare le autostrade, disincentivare i treni. Questi teatrini potete risparmiarveli. I cittadini lombardi lo sanno e vi premiano votandovi, quindi basta ipocrisie e lamentele

    1. Scritto da andrea

      Mi hai tolto le parole: la cosa peggiore sono proprio quei cittadini che continuano a votare queste persone. Aggiungo come aggravante che le autostrade finanziate sono private o semiprivate e non pubbliche. Lega: una sorta di Robin Hood al contrario!

  2. Scritto da andre

    Il proclama di Sorte ha già avuto i suoi frutti
    il treno 24655 Milano Porta garibaldi – Bergamo via Carnate (in arrivo alle 8.07) oggi è stato cancellato

  3. Scritto da soche

    FALSI! non vi crediamo !! assegnate le poltrone a meritocratici esclusivamente politici (leggi CL) e vi aspettate dei risultati ?

    Salvini, che hai da ridire e commentare su ogni fatto che succede nel mondo, perchè non commenti l’operato della TUA lega nella VOSTRA lombardia ?

  4. Scritto da Gabriella

    Che bravi…..e dove sono finiti i famosi e promessi 63 nuovi treni,ma finitela di prenderci per i fondelli, qui non vi crede più nessuno,Siete solo dei gioppini LARGO ALLE PRIVATIZZAZIONI mantenuti

  5. Scritto da lorena

    Spero proprio che una donna (e soprattutto tecnico!) dia una svolta ai piani ferroviari.
    Forza, nuovo AD!